Google cambia le pratiche pubblicitarie globali in un importante accordo antitrust Reuters


© Reuters. Foto del file: in questa illustrazione fotografica scattata a Bordeaux, nel sud-ovest della Francia, il 22 agosto 2016, un uomo tiene in mano uno smartphone che mostra la home page di Google. REUTERS/Regis Duvignau

Matthew Rothman

Parigi (Reuters)-Google ha dichiarato che adeguerà la sua attività pubblicitaria globale per garantire che non abusi della sua posizione dominante, soccombendo per la prima volta alle pressioni dell’antitrust in un accordo storico con le autorità francesi.

L’accordo con il regolatore francese della concorrenza può aiutare a riequilibrare il potere della pubblicità a vantaggio degli editori, che controllavano il business nell’era pre-Internet, ma con Google (NASDAQ:) e Facebook (NASDAQ:) :)’S rapido salire e fuori controllo.

L’accordo transattivo è stato annunciato lunedì e Google è stata anche multata di 220 milioni di euro (268 milioni di dollari Usa) Questa è la prima volta che il colosso tecnologico americano ha accettato di cambiare il suo enorme business pubblicitario, che ha portato la maggior parte dei suoi ricavi.

“La decisione di sanzionare Google è particolarmente importante perché è la prima decisione al mondo a concentrarsi sul complesso processo di aste algoritmiche su cui si basa il business della pubblicità online”, ha affermato Isabel de Silva, direttore dell’antitrust francese.

Le autorità di regolamentazione hanno scoperto che la piattaforma di gestione della pubblicità di Google per i grandi editori, Google Ad Manager, preferiva il mercato pubblicitario online dell’azienda, Google AdX, in cui gli editori vendevano spazio agli inserzionisti in tempo reale.

Le autorità hanno affermato che Ad Manager ha fornito ad AdX dati strategici, come il prezzo dell’offerta vincente, e che AdX ha anche avuto accesso privilegiato alle richieste effettuate dagli inserzionisti tramite i servizi pubblicitari di Google.

Il regolatore ha aggiunto che, rispetto ad altre piattaforme di gestione della pubblicità, lo scambio di dati tra AdX e Ad Manager è più fluido. Tali piattaforme sono essenziali per gli editori per gestire e vendere spazi pubblicitari.

L’autorità di regolamentazione francese ha affermato che, in conformità con i termini dell’accordo, Google ha promesso di migliorare il modo in cui il servizio Ad Manager funziona con i server pubblicitari e le piattaforme di vendita di spazi pubblicitari rivali. Ha affermato che alcune modifiche saranno implementate nel primo trimestre del 2022, aggiungendo che Google non farà ricorso contro la decisione.

Google ha anche affermato di aver accettato di rendere più facile per gli editori l’utilizzo dei suoi dati e strumenti.

La società ha aggiunto: “Verificheremo e svilupperemo questi cambiamenti nei prossimi mesi, per poi promuoverli su scala più ampia, anche a livello globale”.

“Approva correttamente”

Molti editori in tutto il mondo sono arrabbiati con le pratiche pubblicitarie adottate dai colossi della tecnologia il cui successo dipende dalle enormi quantità di dati accumulate negli anni.

La maggior parte delle vendite di Google proviene dalla ricerca e dalla pubblicità su YouTube. Ma l’anno scorso sono stati utilizzati circa 23 miliardi di dollari per aiutare gli editori a vendere annunci, il che ha innescato il controllo dell’antitrust sui collegamenti tra le attività di Google e alcuni critici hanno chiesto lo smantellamento dell’enorme azienda.

Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha accolto con favore la decisione dell’antitrust.

“L’approccio di Google per supportare la propria tecnologia pubblicitaria ha influenzato News Corp. Il suo modello di business si basa molto sulle entrate pubblicitarie”, ha affermato.

“Si tratta di pratiche serie e sono state sanzionate correttamente”.

Le autorità francesi hanno affermato che la decisione ha aperto la strada agli editori che si sentivano svantaggiati per chiedere un risarcimento a Google.

Dopo aver ricevuto reclami da News Corporation (NASDAQ:), French Press and Publication Group Figaro e Belgian News Corporation Roselle, la società ha avviato un’indagine nel 2019.

I tre editori non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

(1 USD = 0,8225 Euro)





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *