Gordon Brown “ha sparato” a Eddie George sulla questione dell’indipendenza della Banca d’Inghilterra


Il segretario di gabinetto di Tony Blair lo ha avvertito che il suo primo ministro “ha puntato una pistola contro… il governatore della Banca d’Inghilterra “ha annunciato frettolosamente” Maggiore indipendenza Pochi giorni dopo lo slittamento delle elezioni del Partito Laburista del 1997, sono stati rivelati documenti governativi precedentemente classificati.

La nota di Robin Butler è stata emessa dai National Archives martedì, avvertendo il neoeletto primo ministro che la dichiarazione di Gordon Brown potrebbe essere una “espediente o panico” agli occhi dei mercati finanziari. Ha anche espresso la preoccupazione che Eddie George, allora governatore della Banca d’Inghilterra, possa dimettersi a causa di un fatto compiuto.

Questi documenti indicano che, nella maggior parte dei casi, l’atto di Brown di attribuire alla banca la sola responsabilità di fissare i tassi di interesse nel Regno Unito ha causato un certo grado di panico al 10 di Downing Street. Allo stesso tempo, l’agenzia è stata privata del suo ruolo nella gestione del debito nazionale e della responsabilità della vigilanza bancaria.

Da allora, i cambiamenti nella vigilanza bancaria sono stati un argomento particolarmente controverso, perché si ritiene che l’Autorità per i servizi finanziari, che eredita la responsabilità della vigilanza bancaria, Impossibile trovare E risolvere prontamente i problemi degli istituti di credito britannici durante la crisi finanziaria del 2007-8.

Solo cinque giorni dopo le prime elezioni generali del partito laburista in 18 anni, Brown ha annunciato la sua decisione di concedere alle banche l’indipendenza nella fissazione dei tassi di interesse.

Il documento ha espresso preoccupazione per la mancanza di una consultazione preventiva sulla decisione, compresi accordi futuri dettagliati per la banca per fissare i tassi di interesse e altri cambiamenti nel suo ruolo.

La banca aveva precedentemente negoziato con il ministro delle Finanze per determinare i tassi di interesse.

La nota di Butler, scritta il 4 maggio 1997, avvertiva che le azioni di Brown avrebbero potuto allontanare George e che il cancelliere dello scacchiere aveva prematuramente esposto dettagli non necessari.

Il funzionario ha scritto: “Inviare una lettera così dettagliata alla banca e fare un annuncio 24 ore dopo è come puntare una pistola alla testa del capo della banca”.

Sebbene la decisione indipendente abbia ricevuto ampio sostegno da parte dei consulenti, il consigliere economico di Blair, Derek Scott, ha avvertito prima dell’annuncio che tutti gli aspetti del piano erano “sottoconsiderati”.

Butler ha anche avvertito che l’annuncio sembrava essere stato preparato prima delle elezioni, ma non è stato annunciato.

“Questo sembra mancare di franchezza”, ha scritto Butler. Ha aggiunto che altri ministri potrebbero essere sconvolti dal fatto che non abbiano chiesto consiglio.

“Vuoi iniziare il tuo governo prendendo una decisione così importante senza consultare il governo?” ha chiesto a Blair.

Tuttavia, in risposta ai commenti dei consiglieri di Blair, Brown ha apportato solo lievi modifiche al suo piano e ha continuato a scrivere una lunga lettera che delinea le modalità per la futura fissazione dei tassi di interesse.

Scott in seguito ha espresso delusione per la gestione della decisione in una nota, dicendo che George era “vicino” alle dimissioni e ha avvertito che se si fosse sentito di nuovo “ribaltato” sulla decisione, avrebbe potuto farlo.

In un altro promemoria del 30 maggio, ha avvertito Blair dei pericoli di un cattivo rapporto con il suo potente primo ministro.Questa domanda sarà a Definisci le caratteristiche Blair è stata al potere per 10 anni.

“Bisogna fare in modo che il cancelliere non prenda importanti decisioni di bilancio [at] Una tappa così tardi [it makes] È difficile per te pensare e comprendere appieno il loro significato”, ha scritto Scott.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *