Gran Bretagna e UE mostrano pochi segni di allentamento della disputa post-Brexit Reuters Re


2/2

© Reuters. Il 12 giugno 2021, il primo ministro britannico Boris Johnson ha incontrato il presidente della Commissione europea Ursula von der Lein e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel durante il vertice del G7 a Cabis Bay, in Cornovaglia, nel Regno Unito.REUTERS/Peter Nichols/Piscina

2/2

Autori: Michelle Rose ed Elizabeth Piper

Cabis Bay, Regno Unito (Reuters) – Sabato il Regno Unito e l’Unione Europea hanno mostrato pochi segni di allentamento della disputa commerciale post-Brexit, e anche dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden li ha incoraggiati a cercare un compromesso, hanno ribadito le rispettive posizioni. .

Da quando la Gran Bretagna ha completato il suo ritiro dall’Unione europea alla fine dello scorso anno, le relazioni tra i due paesi si sono deteriorate: entrambe le parti si sono accusate a vicenda di agire in modo malvagio su parti dell’accordo Brexit che riguarda il commercio con l’Irlanda del Nord.

Al vertice del G7 nel sud-ovest dell’Inghilterra, il primo ministro britannico Boris Johnson e il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Angela Merkel e l’alto funzionario dell’UE Ursula von der Lein e Charles Michel si sono incontrati.

L’Unione europea ha detto ancora una volta a Londra che deve attuare pienamente l’accordo sulla Brexit e ispezionare alcune merci spedite dal Regno Unito alla sua provincia dell’Irlanda del Nord. Il Regno Unito ha chiesto ancora una volta soluzioni urgenti e innovative.

Il presidente della Commissione europea von der Lein ha dichiarato dopo l’incontro con il presidente del Consiglio europeo Michel: “Entrambe le parti devono attuare ciò che abbiamo concordato”.

“L’UE è pienamente unita in questo senso”, ha affermato, aggiungendo che l’amministrazione Johnson e l’UE hanno concordato, firmato e ratificato l’accordo.

Il portavoce di Johnson ha risposto: “Il primo ministro (il primo ministro) (ha espresso) fiducia nella posizione del Regno Unito sul protocollo dell’Irlanda del Nord e il desiderio di tutte le parti di cercare pragmatismo e compromesso in tutte le circostanze”.

Dal ritiro della Gran Bretagna dall’Unione Europea, Johnson ha unilateralmente posticipato l’attuazione di alcune disposizioni dell’accordo, sostenendo che ciò ha causato l’interruzione della fornitura di alcune materie prime alla provincia.

Gli Stati Uniti esprimono seria preoccupazione che questa controversia possa compromettere l’accordo di pace del Venerdì Santo del 1998.

L’accordo ha in gran parte posto fine al “problema” – un conflitto di 30 anni tra militanti nazionalisti cattolici irlandesi e organizzazioni paramilitari “fedeli” protestanti pro-britannici, che ha provocato la morte di 3.600 persone.

Brexit

Sebbene la Brexit non facesse parte dell’agenda ufficiale del vertice del G7 nella località balneare britannica di Cabis Bay, ha minacciato di offuscare l’incontro più di una volta.

Finché Johnson insiste sull’accordo sulla Brexit, Macron della Francia propone di ristabilire le relazioni con il Regno Unito, una caratteristica dell’incontro respinta dalla squadra britannica.

La Brexit ha causato tensioni nell’Irlanda del Nord. La provincia ha un confine aperto con l’Irlanda, membro dell’Unione Europea, quindi dopo che il Regno Unito ha lasciato l’Unione Europea, il Protocollo dell’Irlanda del Nord è stato concordato come un modo per proteggere il mercato unico dell’Unione Europea.

L’accordo mantiene sostanzialmente la provincia nell’unione doganale dell’UE e rispetta molte regole del mercato unico, stabilendo un confine regolamentare nel Mare d’Irlanda tra la provincia britannica e il resto del Regno Unito.

Londra ha dichiarato che l’attuale forma dell’accordo è insostenibile a causa dell’interruzione della fornitura di alcune materie prime.

La comunità “unionista” filo-britannica nell’Irlanda del Nord ha dichiarato di essere ora separata dal resto del Regno Unito e che l’accordo sulla Brexit viola l’accordo di pace del 1998. Ma il confine aperto tra la provincia e l’Irlanda è un principio chiave del commercio del Venerdì Santo.

Biden, che è orgoglioso della sua origine irlandese, ha chiarito che Washington non accetterà alcun passo che metta in pericolo l’accordo di pace.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *