I funzionari della Bank of England avvertono che il rischio di inflazione nel Regno Unito dipende dalla crescita dei salari


Una persona anziana ha affermato che è improbabile che il rapido aumento dei prezzi dei prodotti di consumo continui, ma i responsabili dei tassi di interesse del Regno Unito devono prestare attenzione ai segnali di aumento dei salari, che potrebbero portare a un’inflazione più persistente. Banca d’Inghilterra Il funzionario ha detto giovedì.

Ben Broadbent, il vice governatore responsabile della politica monetaria, ha ammesso che l’entità dell’aumento dell’inflazione britannica è difficile da spiegare. Sebbene il PIL sia ancora ben al di sotto del livello pre-crisi, il livello medio negli ultimi 18 mesi è solo leggermente inferiore rispetto a prima della pandemia.

Ha detto che c’è una buona ragione per dimostrare che alcuni dei fattori che contribuiscono sono temporanei. In particolare, poiché i consumatori tornano alla spesa per i servizi e alleviano i colli di bottiglia dell’offerta, l’aumento dell’inflazione dei prezzi delle materie prime a livello mondiale dovrebbe rallentare.

Sebbene l’inflazione possa aumentare ulteriormente nei prossimi mesi, una risposta politica appropriata “è probabile che sia ‘inutile’… se questa è solo una storia sui prezzi globali delle materie prime”, ha affermato.

Ma ha avvertito che i politici devono “osservare molto da vicino”. .. Cifre del mercato del lavoro” perché le pressioni inflazionistiche nell’economia nazionale potrebbero essere più persistenti. Con la fine del piano ferie, la carenza di manodopera dovrebbe diminuire, ma potrebbe esserci ancora una discrepanza tra posti di lavoro e lavoratori disponibili in luoghi specifici, con conseguenti aziende Paga salari più alti.

“Non possiamo diventare esperti IT da un giorno all’altro. Né possiamo facilmente smantellare un ufficio o un ristorante nel centro della città e trapiantarlo altrove”, ha affermato, aggiungendo che non è chiaro se il costo dell’adattamento ai cambiamenti permanenti della domanda sia stato grado in cui viene prodotto o trasmesso ai consumatori.

Tuttavia, Broadbent non ha implicato che avrebbe sostenuto l’immediato inasprimento della politica.

I suoi commenti cauti indicano che il Comitato per la politica monetaria avrà divergenze di opinione quando si riunirà il mese prossimo, invece di oscillare nella direzione di porre fine anticipatamente all’allentamento quantitativo.

Nel maggio di quest’anno, la maggioranza dei membri del comitato di nove membri ha votato per mantenere la posizione politica ultra-rilassante della Banca d’Inghilterra, sebbene Andy Haldane, ora capo economista, abbia votato contro il taglio delle obbligazioni della banca centrale.

Il mercato è inaspettato la settimana scorsa Il vice governatore per i mercati e le banche della Banca d’Inghilterra, Sir David Ramsden, ha affermato che ora potrebbe essere necessario inasprire la politica monetaria prima del previsto per controllare l’inflazione.

Michael Saunders, un membro esterno del comitato, è d’accordo, affermando che se la tendenza economica da maggio continua, “potrebbe presto diventare appropriato ritirarsi da alcune delle attuali misure di stimolo monetario”.

Ma da allora, Jonathan Haskel (Jonathan Haskel), un altro membro esterno del Comitato per la politica monetaria, ha temperato le loro opinioni, affermando questa settimana che le politiche di austerità potrebbero soffocare la ripresa economica e che non è l’approccio giusto “per ora”.

Anche Catherine Mann, che entrerà a far parte del Comitato per la politica monetaria a settembre, ha messo in guardia contro un inasprimento prematuro, dichiarando questa settimana al Comitato speciale del Tesoro parlamentare che la ripresa globale è più fragile di quanto sembri.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *