I funzionari della Casa Bianca esortano la Cina e il settore privato a rafforzare la riduzione del debito globale Reuters



Andrea Salal

WASHINGTON (Reuters)-Un funzionario della Casa Bianca ha affermato mercoledì che le principali economie del G20 dovrebbero rilanciare il blocco dei pagamenti bilaterali ufficiali del debito nei paesi più poveri, includere i paesi a reddito medio ed espandere la partecipazione della Cina e del settore privato.

Daleep Singh, uno sherpa americano del G7 e del G20, ha affermato che la Cina è di gran lunga il più grande paese creditore bilaterale ufficiale e dovrebbe rafforzare la sua partecipazione all’Iniziativa di sospensione del servizio del debito del G20 (DSSI), ma richiede anche una maggiore partecipazione del settore privato.

Ad aprile, il G20 ha deciso di estendere il periodo di congelamento del debito fornito ai paesi più poveri fino alla fine del 2021 per aiutarli a combattere la pandemia di COVID-19 e ridurre il loro impatto economico, ma non è riuscito a estenderlo per includere i paesi a reddito medio ed escludere 22 dei 72 paesi stanno affrontando un alto rischio di sofferenza del debito.

L’iniziativa è lontana dal raggiungere il suo obiettivo originale e alcuni paesi non sono disposti a chiedere il congelamento dei pagamenti del debito per non minare il loro rating creditizio.

“Abbiamo bisogno che ogni paese, in particolare la banca più grande, faccia la sua parte”, ha detto Singh in un evento online ospitato dal Center for Strategic and International Studies.

Ha detto: “Molte delle attività di prestito della Cina sono molto opache e classifica la maggior parte dei suoi prestiti come guidati dalle imprese, sebbene sia chiaramente guidata dal governo”.

Singh ha affermato che è anche importante rafforzare gli incentivi affinché il settore privato sopporti l’onere della riduzione del debito per i paesi a basso e medio reddito.

“Il sostegno pubblico delle istituzioni internazionali non dovrebbe essere utilizzato per ripagare il settore privato. Penso che il settore privato abbia bisogno di internalizzare gli investimenti nei mercati emergenti non è una realtà gratuita”, ha affermato.

Il funzionario della Casa Bianca ha anche affermato che se i paesi fortemente indebitati cercano di ristrutturare più profondamente il loro onere del debito, è importante “eliminare lo stigma che devono affrontare”, che in molti casi è necessario per creare spazio per le riforme strutturali.

Finora, solo tre paesi, Etiopia, Ciad e Zambia, hanno richiesto una ristrutturazione del debito più profonda nell’ambito di un quadro comune concordato dai paesi del G20 e dal prestatore bilaterale ufficiale, il Club di Parigi.

I funzionari finanziari del G20 si incontreranno a Venezia dal 9 al 10 luglio per discutere dell’imminente crisi del debito che stanno affrontando i paesi in via di sviluppo e i mercati emergenti.

Secondo i dati dell’Institute of International Finance, i livelli di debito nei mercati emergenti hanno raggiunto un livello record nel primo trimestre, superando gli 86 trilioni di dollari.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *