I leader del G7 si impegnano a fornire 1 miliardo di dosi di vaccino contro il Covid-19 ai paesi più poveri


I leader delle economie del G7 riuniti nel Regno Unito annunceranno il loro impegno a fornire 1 miliardo di dosi di coronavirus ai paesi più poveri come parte del piano “vaccinare il mondo” entro la fine del 2022.

La mossa, che sarà delineata all’inizio del vertice di tre giorni venerdì, mira a rispondere alle critiche secondo cui i ricchi governi occidentali hanno ottenuto la maggior parte del vaccino salvavita Covid-19 dai produttori per immunizzare le proprie popolazioni. L’impegno è anche un tentativo di contrastare la “diplomazia dei vaccini” di Pechino e Mosca, che hanno venduto rapidamente vaccini ai paesi in via di sviluppo.

Secondo gli assistenti, al vertice del G7 in Cornovaglia, la pittoresca punta meridionale del Regno Unito, il primo ministro Boris Johnson annuncerà venerdì che il Regno Unito donerà 100 milioni di dosi di vaccini rimanenti nei prossimi 12 mesi.

Posteriore Incontro faccia a faccia con il suo padrone A Cabis Bay, una zona rurale costiera della Cornovaglia, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato giovedì di essersi impegnato ad acquistare 500 milioni di vaccini Covid-19 prodotti da BioNTech/Pfizer e a donarli ad alcuni dei paesi più poveri del mondo. Compresi 200 milioni quest’anno, e il resto nella prima metà del prossimo anno.

Biden ha dichiarato: “Si tratta della nostra responsabilità e del nostro obbligo umanitario di fare del nostro meglio per salvare più vite”.

L’Unione europea si è impegnata separatamente a fornire 100 milioni di dosi ai paesi africani e ad altri paesi in via di sviluppo entro la fine di quest’anno.

Il vaccino Pfizer Covid viene somministrato a Johannesburg, in Sudafrica. Emmanuel Macron ha dichiarato che spera di promuovere una copertura del 40% dell’Africa entro la fine di quest’anno © Themba Hadebe/AP

Ha tenuto un discorso all’Eliseo giovedì, Lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron Promuoverà i paesi del Gruppo dei Sette per “rimuovere gli ostacoli” e accelerare il tasso di vaccinazione in Africa, raggiungendo un tasso di immunizzazione del 40% entro la fine di quest’anno e del 60% entro la fine del primo trimestre del prossimo anno.

Macron ha aggiunto che i Jabs donati dagli Stati Uniti e da altri membri del G7 devono essere “associati” a ulteriori impegni da parte dei produttori farmaceutici per regalare il 10% della loro produzione.

I diplomatici britannici hanno definito la conferenza di Kabis Bay un “vertice sui vaccini” e hanno sottolineato che i paesi del G7 dimostreranno il loro approccio collettivo alla riscoperta rispondendo al Covid-19.

Quattro anni dopo che la presidenza degli Stati Uniti conflittuale e introversa di Donald Trump ha effettivamente paralizzato il club delle ricche democrazie, Biden utilizzerà il vertice del G7 e il viaggio di lunedì a Bruxelles per ribadire la presenza degli Stati Uniti nel mondo democratico e nella leadership della regione transatlantica. Cooperazione.

Johnson ha descritto la sua interazione con Biden come “una boccata d’aria fresca”. “Ci sono molte cose [we] Voglio farlo insieme”, ha detto, citando la sicurezza, la Nato e il cambiamento climatico.

Altri temi importanti nell’agenda dei paesi del G7 (Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone) includono il cambiamento climatico, l’istruzione delle ragazze e la ripresa economica.

Il ministro delle finanze del gruppo ha deciso di istituire Sistema globale di tassazione delle società, Anche se i dettagli non sono ancora stati pienamente concordati.

Johnson ha fatto della lotta contro il nuovo virus della corona il fulcro del vertice e i leader del Gruppo dei Sette nazioni terranno il loro primo incontro faccia a faccia in più di un anno al Carbis Bay Boutique Hotel venerdì.

“Questa è la prima volta che vanno d’accordo da anni”, ha detto un funzionario britannico. L’incontro includerà un barbecue sulla spiaggia il sabato sera, tra cui aragosta di Newlyn pescata localmente e spumante della Cornovaglia.

L’ospite del vertice Johnson chiederà ai leader del G7 di incoraggiare le aziende farmaceutiche ad adottare il modello Oxford AstraZeneca per fornire vaccini senza scopo di lucro durante la pandemia.

Downing Street ha dichiarato che Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson si sono impegnati a condividere 1,3 miliardi di dosi di farmaci con i paesi in via di sviluppo senza scopo di lucro.

Johnson è stato duramente criticato dai suoi stessi legislatori, incluso l’ex primo ministro Theresa May, per aver tagliato il budget per gli aiuti della Gran Bretagna dallo 0,7% del reddito nazionale allo 0,5% durante la pandemia.

Il vertice lavorerà anche per raggiungere un accordo su un approccio congiunto per combattere le future epidemie. Johnson è desideroso di evitare il cosiddetto approccio “ognuno per uno” di Downing Street, in cui i paesi si affannano per assicurarsi forniture importanti quando inizia la pandemia.

Johnson ha invitato i leader di Australia, India, Sud Africa e Corea del Sud a partecipare, ma i funzionari britannici hanno cercato di confutare l’idea che il G7 si stia espandendo in un gruppo democratico anti-Cina. “Riguarda chi siamo, non contro chi siamo”, ha detto un funzionario britannico.

Per Johnson, questo vertice è un’opportunità per portare la Gran Bretagna sulla scena mondiale dopo la Brexit, ma la questione del ritiro della Gran Bretagna dall’Unione europea continua a tormentarlo, in particolare i nuovi accordi in Irlanda del Nord.

Rapporto supplementare di Victor Mallet e David Keohane a Parigi



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *