I migliori club hanno la più grande sconfitta collettiva nella storia della Premier League


A causa della pandemia, le migliori squadre di calcio inglesi hanno registrato la più grande perdita collettiva al lordo delle imposte nella storia della Premier League.

Secondo i dati della società di servizi professionali Deloitte, la perdita ante imposte per la stagione 2019/20 è salita a poco meno di 1 miliardo di sterline, quasi cinque volte la stagione precedente.

Deloitte, che ha analizzato gli ultimi resoconti della squadra, ha affermato che i ricavi del club hanno subito un calo collettivo per la prima volta, in calo del 13% rispetto alla stagione precedente a 4,5 miliardi di sterline. Deloitte ha utilizzato stime per Newcastle e Watford, che non hanno ancora comunicato la loro situazione finanziaria.

Dopo che la stagione è stata posticipata di tre mesi da marzo 2020, la pandemia di Covid-19 ha costretto i 20 club della Premier League a posticipare o restituire entrate da emittenti e sponsor. Ai fan è stato permesso di guardare la partita solo da maggio di quest’anno.

“La nostra attuale aspettativa è che questo sarà il punto più basso di questo particolare declino”, ha affermato Dan Jones, partner e capo del Deloitte Sports Business Group.

Il club della Premier League fondato nel 1992 ha ottenuto profitti ante imposte solo quattro volte negli ultimi 20 anni dal 2013. A livello operativo, il club non ha iniziato a realizzare profitti fino al 2018/19, la stagione prima della pandemia, quando i costi sono cresciuti più velocemente delle entrate.

Meno di un quarto dei club è redditizio. Deloitte non ha fornito una ripartizione club per club, ma un’analisi del British Financial Times ha mostrato che il Manchester City, campione della Premier League di Abu Dhabi, ha registrato una perdita di 125,1 milioni di sterline nella stagione 2019/20, secondo solo all’Everton. squadra controllata da Farhad Moshiri ha subito una perdita di 139,9 milioni di sterline.

Jones ha affermato che sebbene le finanze del club dovrebbero iniziare a riprendersi in questa stagione, i dati potrebbero non tornare ai livelli pre-pandemia fino alla fine della prossima stagione.

Croce di club L’Europa ha sofferto I guadagni sono stati colpiti duramente. Il Barcelona Football Club spagnolo ha riportato una perdita ante imposte di 128 milioni di euro, mentre l’utile ante imposte del rivale nazionale Real Madrid per la stagione 2019/20 è sceso da 53,5 milioni di euro a 1,9 milioni di euro. La Juventus ha registrato una perdita ante imposte di 81,7 milioni di euro.

La pressione economica è una di queste Il pilota dietro la UEFA Super League, 12 club d’élite europee hanno cercato di formare nuove competizioni per assicurarsi di poter partecipare in ogni stagione per migliorare la propria situazione finanziaria, ma questo tentativo è fallito.

Deloitte ha affermato che l’epidemia ha evidenziato la “inflessibilità” dei costi del club a breve termine. Nonostante il colpo alle entrate, le spese salariali dei club della Premier League nel 2019/20 sono aumentate del 3% raggiungendo il record di 3,3 miliardi di sterline.

Tuttavia, Deloitte ha affermato che questa è stata la percentuale di aumento di stipendio più bassa dalla stagione 2004/05, quando il Chelsea ha vinto il primo titolo di Premier League del club.

Sebbene i vincoli finanziari del club possano mettere sotto pressione gli stipendi, Jones ha affermato che “i giocatori in difficoltà andranno comunque bene”.

“La maggior parte delle persone che possiedono e prendono decisioni nelle squadre di calcio vogliono vincere le partite di calcio, quindi vogliono ottenere i migliori giocatori possibili e sanno che stanno gareggiando per questi giocatori”, ha aggiunto.

La sua opinione è stata ripresa da Tim Bridge, il capo della business unit sportiva dell’azienda, che ha affermato che è difficile valutare se l’inflazione dei salari bassi continuerà. Ha detto che altri fattori, come bonus posticipati o tagli temporanei, possono distorcere la situazione reale.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *