I prezzi del petrolio diminuiscono a causa della continua flessione del coronavirus dopo forti aumenti settimanali Reuters


© Reuters. Foto del file: il 9 giugno 2016, il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha fotografato un labirinto di oleodotti e valvole del petrolio greggio durante una visita alla Riserva di petrolio strategico a Freeport, in Texas. REUTERS/Richard Carson

Rossland Hassone

SINGAPORE (Reuters) – I prezzi del petrolio sono scesi venerdì poiché le preoccupazioni per la vaccinazione globale incompleta contro il COVID-19 hanno attenuato l’ottimismo su una ripresa della domanda di carburante.

0504 GMT è sceso di 13 centesimi, o 0,2%, a 71,18 dollari USA al barile, dopo essere sceso di 4 centesimi giovedì ed essere salito al livello più alto da maggio 2019. Il contratto dovrebbe aumentare di oltre il 2% questa settimana.

Il petrolio degli Stati Uniti è sceso di 10 centesimi, o dello 0,2%, a 68,71 dollari, in calo di 2 centesimi il giorno di negoziazione precedente, ma si prevede che aumenterà di quasi il 4% questa settimana.

“Lo slancio al rialzo sembra essere stato esaurito per far posto ad alcuni profitti. Ma non mi aspetto che la correzione sia ampia perché l’argomento più ampio di un forte rimbalzo dell’economia statunitense e della domanda di petrolio è profondamente radicato”, ha affermato Vandana Hari. , Vanda (NASDAQ:) Analista Insights Energy.

A causa dell’ottimismo sul fatto che la domanda globale di carburante si sta riprendendo dalla profonda pandemia, entrambi i contratti sono aumentati di circa 5 dollari nelle ultime due settimane.

“Continuiamo a credere che la ripresa della domanda di petrolio sia in gran parte il risultato della vaccinazione”, ha affermato in un rapporto un analista di materie prime di JPMorgan Chase (NYSE :).

Gli analisti hanno sottolineato: “Il lavoro di vaccinazione negli Stati Uniti e in Europa sta procedendo senza intoppi”, ma la lenta promozione della vaccinazione nei paesi asiatici sviluppati ed emergenti significa che “le restrizioni sul distanziamento sociale nella regione non sono chiaramente terminate”.

Più di 170 milioni di persone in tutto il mondo sono state infettate dal virus e il bilancio delle vittime è vicino a 3,8 milioni.Questo è il secondo anno della peggiore crisi sanitaria globale in un secolo e non c’è alcun segno che finirà presto.

I prezzi del petrolio sono aumentati all’inizio di questa settimana poiché l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e i suoi alleati nel gruppo OPEC+ prevedono che la domanda supererà l’offerta nella seconda metà del 2021. L’OPEC+ ha concordato martedì di continuare a limitare le forniture e aumentare i prezzi fino a luglio.

Se verrà raggiunto un accordo, si prevede che anche il lento progresso dei negoziati sul nucleare iraniano darà respiro alla domanda prima che il petrolio iraniano ritorni sul mercato.

Tuttavia, il lento lancio della vaccinazione e gli alti tassi di infezione in paesi come Brasile e India stanno colpendo le prospettive della domanda dei mercati mondiali del petrolio greggio e del petrolio raffinato in forte crescita.

Allo stesso tempo, nonostante l’aumento delle scorte di carburante, il calo delle scorte della scorsa settimana ha superato le aspettative, indicando che la domanda di prodotti finali non corrisponde alla produzione di raffineria. [EIA/S]

“Mentre le principali notizie e i dati su EIA, OPEC+ e Iran vengono digeriti questa settimana, il complesso potrebbe ripercorrere il sentiment dei mercati finanziari più ampi. Il prossimo punto di controllo è l’annuncio sull’occupazione di maggio negli Stati Uniti più tardi oggi. Dati”, ha detto Harry.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *