I prezzi delle materie prime salgono, il tasso di inflazione della Corea del Sud raggiunge il massimo da 9 anni Reuters


© Reuters. Foto del file: Il 27 febbraio 2020, in un mercato tradizionale a Seoul, in Corea del Sud, un negoziante che indossa una maschera per proteggersi dal coronavirus sta aspettando i clienti. REUTERS/Heo Ran

di Joori Roh

SEOUL (Reuters)- L’inflazione al consumo sudcoreana ha accelerato a un massimo di oltre nove anni a maggio, intensificando le richieste di un graduale inasprimento della politica monetaria, ma questo aumento è dovuto principalmente al basso effetto base e all’aumento dei prezzi del petrolio e dei prodotti agricoli.

I dati del governo pubblicati mercoledì hanno mostrato che i prezzi al consumo a maggio sono aumentati del 2,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, il tasso di crescita più rapido dall’aprile 2012, in linea con l’aumento del 2,6% stimato in un sondaggio Reuters. Ad aprile è cresciuto del 2,3%.

Nel maggio 2020, a causa della pandemia di coronavirus che ha colpito la domanda e le catene di approvvigionamento, la Corea del Sud è caduta in deflazione.

Il ministro delle finanze del paese ha affermato che l’impatto di una base bassa e delle interruzioni temporanee dell’offerta in alcuni prodotti agricoli e prezzi del petrolio sarà attenuato in futuro.

Il ministro delle finanze Hong Nanji ha dichiarato: “Il governo sarà pronto ad affrontare i rischi di inflazione, prevenire aspettative di inflazione eccessive e adottare misure per stabilizzare il costo della vita”.

I dati di mercoledì hanno mostrato che il costo dei prodotti agricoli, zootecnici, della pesca e del petrolio è aumentato rispettivamente del 12,1% e del 23,3%.

Escludendo le fluttuazioni dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari, l’IPC core è aumentato dell’1,2% su base annua, l’aumento maggiore da novembre 2018.

Il tasso di inflazione mese su mese è stato dello 0,1%, inferiore all’aumento dello 0,2% di aprile.

La scorsa settimana, la banca centrale ha mantenuto il tasso di interesse di riferimento al minimo storico dello 0,50%, ma ha alzato le prospettive economiche e ha previsto un’elevata inflazione al consumo.

Il presidente della banca ha affermato che di fronte all’accelerazione dell’inflazione e all’aumento dei pericolosi squilibri, la banca è pronta a ritirare le misure speciali di stimolo estese durante la pandemia.

ANZ Research ha dichiarato in un rapporto: “Sebbene le informazioni sulla politica della banca centrale siano diventate più rigide di recente, i chiari segnali che i rischi associati al COVID-19 stanno svanendo potrebbero essere un prerequisito per un inasprimento delle politiche”.

“Il nostro presupposto di base è che la Banca di Corea avvierà la normalizzazione delle politiche nel primo trimestre del 2022… Riconosciamo che tassi di vaccinazione più rapidi del previsto potrebbero aprire la strada al primo aumento dei tassi nel quarto trimestre del 2021”.

La Bank of Korea attualmente prevede un tasso di inflazione annuo dell’1,8% nel 2021 e dell’1,4% nel 2022.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potrebbero verificarsi a causa dell’uso di questi dati.

Media convergenti O chiunque sia correlato a Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento alle informazioni contenute in questo sito Web (inclusi dati, quotazioni, grafici e segnali di trading). Si prega di comprendere appieno i rischi e i costi associati al trading sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose possibili.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *