I prezzi franco fabbrica della Cina hanno raggiunto il tasso di crescita più rapido dal 2008, intensificando le pressioni inflazionistiche globali Reuters


© Reuters. Immagine del file: il 2 marzo 2020, un nuovo focolaio di coronavirus è scoppiato a Hangzhou, nella provincia di Zhejiang, in Cina.Un lavoratore che indossava una maschera stava lavorando a una linea di produzione di cerchi in acciaio per biciclette in una fabbrica.China Daily tramite Reuters/Dottore degli archivi

PECHINO (Reuters) – Spinti dall’impennata dei prezzi delle materie prime, i prezzi franco fabbrica della Cina a maggio sono aumentati al tasso annuale più rapido degli ultimi 12 anni, dopo che i responsabili politici hanno cercato di rinvigorire la crescita economica dopo la ripresa economica innescata dal COVID-19. ha esacerbato le pressioni sui prezzi globali. Piombo.

Gli investitori sono sempre più preoccupati che le misure di stimolo alla pandemia possano intensificare l’inflazione globale e costringere le banche centrali a inasprire le politiche, il che potrebbe inibire la ripresa.

Il National Bureau of Statistics (NBS) ha dichiarato in una dichiarazione che, spinto dal forte aumento dei prezzi del minerale di ferro e dei metalli non ferrosi, l’indice dei prezzi alla produzione (PPI) cinese è aumentato del 9,0% da una cifra base bassa nello stesso periodo dello scorso anno.

Gli analisti intervistati da Reuters si aspettavano un aumento del PPI dell’8,5% dopo l’aumento del 6,8% ad aprile.

L’indice dei prezzi al consumo ha registrato il più grande aumento su base annua in otto mesi, ma è stato inferiore alle attese e ancora molto al di sotto dell’obiettivo ufficiale del governo del 3%. L’aumento del PPI non ha ancora influenzato l’inflazione al consumo, il che significa che è improbabile che la Banca popolare cinese sia preoccupata in questo momento.

“L’inflazione dei prezzi alla produzione potrebbe essere vicina al picco… Non ci aspettiamo che (l’inflazione dei prezzi al consumo) superi il 2% nei prossimi trimestri. Pertanto, è improbabile che (i dati) inneschino alcun cambiamento nella politica monetaria”. Lo ha affermato Julian Evans-Prichard, economista senior cinese di Macross.

Nie Wen, capo economista di Hwabao Trust, ha anche affermato che il PPI potrebbe raggiungere presto un picco, ma ha aggiunto:

“La cosa preoccupante è che il PPI potrebbe rimanere a un livello più alto per molto tempo. Se le aziende mid e downstream non possono permettersi costi più elevati, ciò causerà problemi economici”.

Prezzo delle materie prime

Su base mensile, il PPI è aumentato dell’1,6%, superiore allo 0,9% di aprile.

Le centrali elettriche a carbone riservano anche carbone termico per soddisfare l’aumento della domanda di energia durante il periodo di picco estivo, causando un aumento dei prezzi dell’industria mineraria e del lavaggio del carbone del 10,6% su base mensile, rispetto al 2,8% del mese scorso, ha affermato Dong. Lijuan, statistico senior presso l’Ufficio nazionale di statistica.

Spinti dalla ripresa della domanda post-blocco e da una sufficiente liquidità globale, i prezzi di materie prime come carbone, acciaio e minerale di ferro che influenzano il PPI sono aumentati quest’anno.

La People’s Bank of China ha dichiarato che i prezzi più alti delle materie prime e le cifre di base più basse dello scorso anno potrebbero aumentare ulteriormente l’inflazione dei prezzi alla produzione cinese nel secondo e nel terzo trimestre.

I politici cinesi si sono impegnati ad adottare misure per raffreddare i prezzi delle materie prime calde e impedire che vengano trasferite ai consumatori, mentre i pianificatori nazionali hanno affermato che la Cina rafforzerà i controlli sui prezzi su minerale di ferro, rame, mais e altre materie prime.

I dati del National Bureau of Statistics hanno anche mostrato che l’indice dei prezzi al consumo (CPI) cinese è aumentato dell’1,3% su base annua a maggio, superiore all’aumento dello 0,9% ad aprile, ma inferiore all’1,6% previsto nel sondaggio Reuters.

Sebbene i prezzi della carne di maiale siano ancora in calo, l’inflazione alimentare è aumentata dello 0,3% a maggio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso a causa dell’aumento dei prezzi del pesce d’acqua dolce e delle uova. Al contrario, i prezzi dei generi alimentari sono diminuiti dello 0,7% ad aprile.

Il prezzo degli articoli non alimentari, inclusi biglietti aerei, benzina e diesel, è salito al 5,5%, il che potrebbe essere aumentato dalle festività cinesi del Labor Day all’inizio di maggio.

Dong del National Bureau of Statistics ha affermato che su base mensile, nelle vendite di frigoriferi, TV, laptop, materiali da costruzione e abbigliamento estivo, l’aumento dei costi di input della fabbrica ha iniziato a essere trasferito ai consumatori, ma i loro aumenti di prezzo sono ancora moderato.

L’economia cinese è rimbalzata con forza dalla recessione causata dal coronavirus all’inizio dello scorso anno ed è cresciuta di un record del 18,3% nel primo trimestre.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *