I rivali di Netanyahu hanno corso per finalizzare lo scioglimento definitivo del suo seggio


I leader dell’opposizione israeliana sono coinvolti in frenetici negoziati dell’ultimo minuto per sopprimere un governo di minoranza che potrebbe porre fine ai 12 anni di governo del primo ministro Benjamin Netanyahu come primo ministro dello stato ebraico.

Questo Alleanza improbabileDal partito di estrema sinistra Meretz all’ultranazionalista Yamina, posizionato dal centrista Yesh Atid, attraverso il regno politico, il partito è già al centro di un partito da 120 seggi.Nella Knesset sono stati accumulati 57 seggi. Ha anche bisogno del sostegno del Ram a quattro seggi del Partito Islamico per superare la soglia dei 61 seggi e formare un governo.

Coloro che professano di “cambiare il governo” devono convincere il presidente Leuven Rivlin prima di mercoledì che possono votare in Parlamento e sostituire il primo ministro israeliano più longevo.

La persona che ha sostituito Netanyahu potrebbe essere Naftali Bennett, l’ex segretario alla Difesa, il cui partito aveva solo sei seggi dopo che un membro che non era disposto a sostenere la coalizione se ne era andato. Bennett potrebbe alternarsi come primo ministro con l’ex conduttore televisivo Yesh Atid, leader Yair Lapid, che ha consolidato l’alleanza in diverse settimane di negoziati dietro le quinte.

Bennett, 49 anni, era il capo dello staff di Netanyahu. Domenica sera ha assegnato potenziali combinazioni di gabinetto con Lapid, mentre i manifestanti di destra si sono riuniti intorno alle sue residenze e ad altri leader Yamina.

Il partner politico di Bennett, Ayelet Shaked, il possibile procuratore generale, ha ricevuto un’ulteriore protezione dalla polizia dopo aver ricevuto minacce dalla destra.

Il Rapid ha detto martedì che le continue minacce di violenza contro gli oppositori di Netanyahu sono state la ragione principale per esonerarlo dall’incarico di primo ministro. Ha aggiunto che lui, Bennett, Shaked, il procuratore generale e i pubblici ministeri che cercano di corrompere Natanyahu, così come diversi giornalisti, sono tutti protetti dalla polizia.

Rapid ha detto alla riunione dell’opposizione: “Siamo tutti minacciati di violenza e omicidio”. Ha ammesso che la coalizione sta affrontando “molti ostacoli”. Lapid ha proseguito dicendo che se avrà successo, allora “sarà più tranquillo ei ministri andranno a lavorare senza incitamento. [hatred], Non mentire e non tollerare la paura di tanto in tanto. “

Netanyahu ha definito l’alleanza dell’opposizione una “frode di questo secolo” e ha detto che renderebbe Israele ancora più debole.

“Cosa sarà [this government] Cosa si fa per la deterrenza di Israele? Come vediamo la visione del nemico “, ha detto domenica sera.” Cosa faranno in Iran e Gaza? Cosa diranno nella sala del governo a Washington? “

Bennett si oppose ideologicamente alla creazione di uno stato palestinese. In precedenza si era scontrato con Netanyahu, ma non lo fece. Più duro con Hamas, Questa è l’organizzazione militante che controlla la Striscia di Gaza.

Ha fatto pressioni su Israele affinché annettesse ampi tratti di terra nella Cisgiordania occupata e ha sostenuto l’espansione degli insediamenti ebraici, che la maggior parte della comunità internazionale considera illegali.

Bennett ha giurato a destra del partito Likud di Netanyahu in un discorso domenica sera. Ha detto: “Questo non è un governo che cederà parte della terra di Israele”, ha menzionato nella Bibbia dove Israele controlla ma i palestinesi cercano le loro case.

Allo stesso tempo, Netanyahu ha intensificato gli sforzi per privare un membro della coalizione: se il Partito Islamico continuerà a rimanere in carica, la coalizione governerà con la maggioranza dei seggi.

Una squadra di Netanyahu ha informato i suoi avversari di notte e ha detto: “Anche nel governo di opposizione di sinistra istituito da Rapide, ci sono israeliani leali”. “Stanno realizzando il pericolo per Israele. [that this government poses]. “

L’attacco di Natanyahu al regime di destra di Bennett ha esercitato pressioni sul leader di Ra’am, Mansour Abbas, affinché riconsiderasse il suo sostegno alle politiche del governo sionista in cambio dei benefici materiali delle comunità di minoranza musulmana in Israele, compreso l’aumento dei mezzi finanziari per la polizia, gli ospedali e altri cittadini.

Dopo quattro elezioni in stallo dall’aprile 2019, Abbas si è separato dagli altri partiti arabi in Israele nel tentativo di posizionarsi come il re. Sebbene sia Bennett che Netanyahu si siano pubblicamente vantati delle politiche di destra contro i cittadini palestinesi israeliani, Abbas è rimasto in silenzio.

“Ha bisogno di pensarci due volte prima di agire”, hanno detto i membri del parlamento del partito arabo di opposizione, che non voleva aderire alla coalizione. “Hai usato Bennett invece di Netanyahu. Pensi che sia un bene?”

Se Bennett e Rapide formeranno con successo un’alleanza, la Knesset probabilmente voterà per i seggi del governo a metà della prossima settimana. Se fallisce, Israele dovrà affrontare la sua quinta elezione generale in soli due anni.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *