I vicini sono arrabbiati per il “rumore infernale” dell’appartamento londinese di proprietà del Vaticano


L’appartamento di lusso del Vaticano da £ 30.000 a settimana nel centro di Londra è diventato oggetto di lamentele da parte dei residenti locali per il “rumore infernale” delle riunioni a tarda notte.

Alcuni residenti di Hans Square, Chelsea, uno degli indirizzi più costosi di Londra, si sono lamentati con il consiglio locale e persino con l’ambasciatore della Santa Sede nel Regno Unito per gli eventi rumorosi tenuti in Vaticano, alcuni dei quali hanno coinvolto i DJ.

Nel 2014, l’acquisto di questo appartamento e di diverse altre proprietà di lusso a Londra è stato supervisionato dal cardinale Giovanni Angelo Becciu, che questo mese è diventato il primo uomo moderno ad ottenere Accusato di reato finanziario Dal Vaticano.

Queste proprietà sono detenute dal Dipartimento della Santa Sede attraverso la Jersey Shell Company e sono responsabili delle cosiddette donazioni di beneficenza di Peters Burns, progettate per fornire servizi ai poveri e ai bisognosi. A causa delle accuse contro di lui e diversi altri funzionari vaticani, gli investimenti supervisionati da Becciu utilizzando il denaro sono stati oggetto di un crescente controllo internazionale.

Il cardinale Giovanni Angelo Becciu ha difeso l’investimento in immobili di qualità a Londra da parte del dipartimento della Santa Sede sotto la sua supervisione, affermando che si trattava di un uso normale e responsabile dei beni vaticani © Gregorio Borgia/AP

L’appartamento di tre piani di 9000 piedi quadrati attualmente libero di Hans Place dispone di un ampio giardino e di una piscina coperta come parte di un progetto di ristrutturazione multimilionario. Attualmente è affittato per £ 30.000 a settimana per conto della società che lo gestisce per conto della Santa Sede.

La società che gestisce la proprietà ha più inquilini nell’ultimo anno, ha dichiarato che la proprietà non è affittata a breve termine e che nel mercato immobiliare londinese gli affitti sono quotati su base settimanale.

Un residente che vive nelle vicinanze, che ha richiesto l’anonimato, ha affermato che dopo che alcune persone nella proprietà hanno tenuto riunioni rumorose e incontri sociali, i vicini hanno presentato varie denunce, comprese denunce al parlamento, che includevano la possibilità che siano durate fino alle prime ore del mattino . .

In una lettera che il “Financial Times” britannico ha visto lamentarsi del “rumore infernale” tra i residenti e i Royal Boroughs di Kensington e Chelsea, un membro del Parlamento ha dichiarato che la squadra “rumore e fastidio” nel distretto ha recentemente scritto Lettera a una società di Jersey attraverso la quale il Vaticano possiede la proprietà.

Secondo le lettere viste dal Financial Times il mese scorso, il consiglio comunale ha indagato su queste denunce. Il legislatore ha scritto in un’e-mail inviata ai residenti questo mese: “Con la revoca delle restrizioni, si spera che le persone possano riunirsi nei locali notturni anziché negli appartamenti”.

Un residente locale ha detto che era così frustrato che si è lamentato con l’ambasciatore del Vaticano nel Regno Unito. “Ho scritto all’Apostolo Ambasciatore (Ambasciatore Vaticano), ma non hanno trovato nulla a riguardo”.

L’ufficio dell’ambasciatore britannico del Vaticano ha risposto alla denuncia in una e-mail, sperando di “agire con le autorità locali” e altri per aiutare a risolvere il problema immediato.

Nessun denunciante ha affermato che un dipendente del Vaticano ha partecipato a una festa a tarda notte tenuta nell’appartamento.

L’incriminazione da parte del Vaticano di Becciu e di altri nove nella prima settimana di luglio ha segnato una drammatica accelerazione di Papa Francesco Motivazione per la riforma Le finanze della Santa Sede.

Becky era una volta uno dei chierici più potenti del Vaticano e ha negato qualsiasi illecito. Ha difeso l’investimento nelle proprietà di alta qualità di Londra da parte della Santa Sede sotto la sua supervisione, dicendo che era un uso normale e responsabile dei beni del Vaticano.

Becciu non è responsabile della supervisione della locazione o della gestione di qualsiasi proprietà londinese di proprietà del Vaticano.

La società che gestisce i beni vaticani non è stata accusata di alcun illecito. Il suo portavoce ha affermato di aver appreso delle preoccupazioni di alcuni vicini in merito a rumore, illuminazione e interferenze, ha condotto indagini appropriate e “non si aspetta di nuovo alcun problema”.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *