Il brasiliano Bolsonaro punta alle elezioni in risposta a Trump


Questa settimana, un gruppo di legislatori brasiliani discuterà se includere schede cartacee insieme a schede elettroniche nelle elezioni del prossimo anno, non perché il sistema attuale sia già screditato, ma perché Jair Bolsonaro minaccia di annullare senza di loro voto.

Il presidente di destra ha dichiarato che le ricevute erano necessarie per prevenire le frodi, ma non ha fornito prove di violazioni del voto brasiliano. “O abbiamo elezioni pulite, o non abbiamo elezioni”, ha detto Bolsonaro alla fine della scorsa settimana.

Questa minaccia riecheggia le minacce di Donald Trump durante le elezioni statunitensi dello scorso anno, innescando le tendenze autoritarie nei confronti dell’ex capitano dell’esercito e il rischio che lui o i suoi sostenitori più estremi possano interferire nelle elezioni presidenziali del prossimo anno. Non andare per la sua strada.

“Bolsonaro ha alzato il tono sotto tutti gli aspetti. Le discussioni di voto stampate sono solo uno strumento per difendere le azioni di Trump”, ha indicato il deputato laburista Afonso Florence (Afonso Florence) agli Stati Uniti a gennaio Said durante l’azione della milizia del Campidoglio. “Non abbiamo dubbi che qualcosa di simile potrebbe accadere l’anno prossimo”.

Bolsonaro ha anche affermato che questa disputa potrebbe minare i sondaggi di opinione pubblica il prossimo anno: “Stiamo rischiando di non votare l’anno prossimo. Il futuro è in gioco”.

Ha accusato di frode la corte elettorale brasiliana, che amministra il voto. La corte ha fermamente negato che il voto fosse stato compromesso.

Per molte persone, la minaccia di Bolsonaro è stata una risposta a lui. Sempre più pericoloso punto di vista politico. Il polarizzato presidente brasiliano deve affrontare nuove richieste di impeachment da legislatori di sinistra e di destra. Secondo i dati dell’organizzazione di sondaggi Datafolha, il 54% degli elettori brasiliani ora sostiene la sua rimozione per la prima volta da quando è diventato presidente nel 2019.

Anche i principali media conservatori hanno cominciato a opporsi a lui. Domenica, un editoriale del quotidiano O Estado de São Paulo ha dichiarato: “Bolsonaro non può più continuare a servire come presidente”.

Oltre ai commenti incendiari e autoritari, il governo Bolsonaro Fai quello che vuoi La pandemia di Covid-19.Serie recenti Accuse di corruzione La questione dell’approvvigionamento dei vaccini ha messo in discussione la proposta del presidente sulla gestione di un governo pulito.

Minacciati anche i leader brasiliani Ritorno alla lotta politica L’ex presidente di sinistra Luiz Inácio Lula da Silva (Luiz Inácio Lula da Silva) è diventato un forte oppositore dopo che la sua condanna per corruzione è stata ritirata a marzo.

Uno studio dell’organizzazione di voto Ipec alla fine del mese scorso ha mostrato che Lula, il fondatore del Partito dei lavoratori, sconfiggerà Bolsonaro al primo turno del sistema elettorale a due turni del paese.

Un sondaggio condotto da Datafolha la scorsa settimana ha mostrato che al secondo turno del ballottaggio, Lula avrebbe ricevuto il 58% dei voti, mentre Bolsonaro aveva il 31%. Tuttavia, gli analisti hanno rapidamente avvertito che le elezioni non si terranno fino all’ottobre del prossimo anno e che potrebbero esserci importanti cambiamenti prima di allora.

La questione dell’integrità elettorale non è il primo attacco di Bolsonaro al sistema democratico brasiliano. L’anno scorso, questo ex paracadutista, che spesso perde l’era della dittatura militare, si è unito alle fila dei sostenitori che chiedevano la chiusura della Corte Suprema e del Congresso.

“Quello che vogliamo sentire dal presidente non sono schede stampate. Vogliamo sapere quali misure prende per accelerare la vaccinazione e ridurre la disoccupazione e la fame”, ha affermato Marcelo Ramos, membro del Parlamento e vicepresidente della camera bassa del parlamento. .

“Ma non ha risposte a domande come disoccupazione, fame e cattive condizioni di lavoro, quindi ha cercato di distorcere” [the narrative]. “

Anche il presidente del Senato e alleato di Bolsonaro, Rodrigo Pacheco, ha espresso chiaramente i suoi sentimenti: “Chiunque intenda ribellarsi allo stato di diritto democratico può essere certo che sarà individuato dal popolo brasiliano e dalla storia. Il nemico del Paese .”

La tensione con il Congresso è pericolosa per Bolsonaro. Il Congresso controlla il processo di impeachment e varie fazioni politiche lo stanno spingendo a dimettersi.

Questo slancio è stato rafforzato la scorsa settimana dopo che la Corte Suprema ha autorizzato un’indagine penale per accertare se Bolsonaro non avesse omesso di riferire alla polizia in merito a potenziali accuse di corruzione relative all’approvvigionamento di 20 milioni di vaccini Covid prodotti dalla Bharat Biotech indiana.

Il presidente della Camera dei Comuni, Arthur Lira, che controlla il processo di impeachment, ha finora rifiutato di sostenere questa mossa. Tuttavia, se la popolarità del presidente tra il pubblico e le relazioni con il Congresso continuano a deteriorarsi, questa situazione potrebbe cambiare rapidamente.

Thiago Vidal, analista politico presso la società di consulenza Prospectiva, ha dichiarato: “Legalmente parlando, non può fermare le elezioni perché le elezioni sono previste dalla Costituzione, inclusa la data delle elezioni”. “Ma le minacce che ha lanciato sono illegali. Tentativi essere correlato-un colpo di stato in senso tradizionale, ostacolando il processo elettorale il giorno delle elezioni, o non riconoscendo i risultati e rifiutando di andarsene.

“La questione della stampa dei voti è solo un altro aspetto del discorso antidemocratico e pericoloso del presidente. La possibilità di un’azione antidemocratica è reale perché Bolsonaro la spinge ed è circondato da sostenitori che la sostengono”.

Segnalazione aggiuntiva di Carolina Pulis



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *