Il cane da guardia della concorrenza indaga sul rifiuto di rimborso di Ryanair e British Airways


Dopo che Ryanair e British Airways si sono rifiutati di rimborsare i clienti per i voli che non hanno potuto prendere durante la pandemia, l’autorità britannica di regolamentazione della concorrenza ha intentato azioni legali contro le due compagnie aeree.

La dichiarazione dell’Autorità per la concorrenza e i mercati di mercoledì ha suscitato una risposta rabbiosa da parte di British Airways, che ha definito l’indagine “incredibile” e che eventuali sanzioni potrebbero mettere a rischio il lavoro.

CMA ha dichiarato che sta indagando se BA e Ryanair abbiano violato le leggi sulla concorrenza e ha scritto alle due società dettagliando le loro preoccupazioni. Il regolatore ha avviato un’indagine a dicembre.

Durante la pandemia, quando i clienti non sono in grado di volare a causa del blocco britannico, BA offre ai clienti buoni o l’opportunità di riprenotare i voli, mentre Ryanair offre solo l’opzione di riprenotazione.

Il CEO di CMA Andrea Coscelli ha dichiarato: “Sebbene comprendiamo che le compagnie aeree hanno attraversato momenti difficili durante la pandemia, non dovremmo permettere che le persone vengano pagate ingiustamente di tasca loro per rispettare la legge.

“I clienti hanno prenotato questi voli in buona fede, ma a causa di circostanze al di fuori del loro controllo, legalmente impossibilitati a prenderli. Riteniamo che queste persone meritino un rimborso”.

Poiché l’industria dell’aviazione deve affrontare la prospettiva crescente di una seconda estate di viaggi perduti, questo sondaggio è un nuovo grattacapo per BA e Ryanair.

British Airways, che ha fornito oltre 3 milioni di rimborsi ai clienti durante la crisi, ha dichiarato: “È incredibile che il governo stia cercando di punire ulteriormente un settore in difficoltà”.

La compagnia aerea ha dichiarato: “Qualsiasi azione intrapresa contro la nostra industria non farà altro che destabilizzarla, con potenziali impatti su occupazione, affari, connettività ed economia del Regno Unito”.

Ryanair ha affermato di aver accolto con favore la recensione e di aver pagato “in circostanze ragionevoli” ai clienti che hanno operato voli durante il periodo di lock-in. La compagnia aerea ha affermato che da giugno tutti i clienti possono riprenotare i voli senza pagare.

La scorsa primavera, durante la prima ondata di Covid-19, quasi tutti gli aerei sono stati messi a terra e le compagnie aeree hanno dovuto affrontare un grande arretrato di rimborsi. Secondo l’Amministrazione dell’aviazione civile, da allora sono stati rimborsati ai clienti oltre 3 miliardi di sterline e, mentre la crisi entra nel suo secondo anno, la situazione finanziaria del settore è tesa.

Tuttavia, quando le compagnie aeree continuano a operare voli durante il blocco britannico, quando i viaggi non essenziali sono vietati, anche le politiche delle compagnie aeree sono soggette a un controllo crescente. La compagnia aerea ha sostenuto che molti passeggeri devono ancora volare per lavoro e molti passeggeri non hanno fornito rimborsi.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *