Il diplomatico senior degli Stati Uniti Sherman visiterà la Cina Reuters in mezzo alle tensioni


2/2

© Reuters. Foto del file: il 9 novembre 2018, prima della riunione degli alti funzionari della difesa dei due paesi al Pentagono ad Arlington, in Virginia, si possono vedere le bandiere degli Stati Uniti e della Cina.REUTERS/Yuri Gripas/File Photo

2/2

Simon Lewis e David Brunstrom

Washington (Reuters) – Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato mercoledì che il vicesegretario di Stato americano Wendy Sherman visiterà la Cina dal 25 al 26 luglio, poiché le due maggiori economie del mondo stanno cercando soluzioni alle difficili relazioni bilaterali.

Il funzionario n. 2 del Consiglio di Stato Sherman incontrerà il consigliere di Stato e ministro degli Esteri Wang Yi e altri funzionari a Tianjin, a sud-est di Pechino.

La visita di Sherman avverrà dopo la conclusione della sua visita in Giappone, Corea del Sud e Mongolia, come parte del suo secondo viaggio in Asia in meno di due mesi. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato che Sherman visiterà anche l’Oman il 27 luglio.

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha dichiarato in una dichiarazione che i colloqui con la Cina saranno “parte degli sforzi di scambio sincero degli Stati Uniti in corso… per promuovere gli interessi e i valori degli Stati Uniti e per gestire le relazioni tra i due paesi in modo responsabile”.

Usando l’acronimo per il nome ufficiale cinese della Repubblica popolare cinese, ha affermato che Sherman “discuterà le aree in cui siamo seriamente preoccupati per le azioni della Cina e in cui i nostri interessi sono allineati”.

La comunità della politica estera ha atteso con impazienza la visita di Sherman in Cina, ma non l’ha annunciata insieme al suo altro itinerario la scorsa settimana.

Ciò potrebbe aiutare a gettare le basi per ulteriori scambi e potenziali incontri tra il presidente Joe Biden e il leader cinese Xi Jinping entro la fine dell’anno, possibilmente durante il vertice del G20 in Italia alla fine di ottobre.

Gli Stati Uniti hanno fatto questa visita.Il media statale cinese Xinhua News Agency ha citato il portavoce del ministero degli Esteri cinese dicendo che Sherman prima terrà colloqui con il viceministro degli Esteri Xie Feng, e poi si incontrerà con Wang Yi.

Il portavoce, che ha chiesto di non essere nominato, ha affermato che la Cina “manterrà la sua sovranità, sicurezza e interessi di sviluppo con un atteggiamento fermo”.

Secondo l’agenzia di stampa Xinhua, la Cina chiederà agli Stati Uniti di smettere di interferire negli affari interni della Cina e di fermare le azioni che danneggiano gli interessi della Cina.

Il South China Morning Post di Hong Kong ha riferito la scorsa settimana che la Cina prevede di far incontrare Xie Sherman, ma le due parti stanno negoziando i dettagli dell’accordo.

La dichiarazione del Dipartimento di Stato non ha menzionato Xie.

“I nostri contatti di alto livello sono una risorsa preziosa, quindi vogliamo garantire scambi sostanziali e costruttivi con alti funzionari cinesi”, ha detto ai giornalisti un alto funzionario del governo degli Stati Uniti.

“Questo è esattamente ciò che crediamo di ottenere in questo incontro con Wang Yi”.

Corea del Nord, cambiamento climatico e Iran sono le preoccupazioni comuni che spera di fare progressi in Cina, anche se le relazioni tra i due paesi sono scese al livello peggiore da decenni.

Biden ha aumentato le sanzioni contro la Cina per presunta violazione dei diritti umani nello Xinjiang e a Hong Kong e la scorsa settimana ha preso di mira più funzionari cinesi.

A differenza del suo predecessore, Donald Trump, Biden cerca anche ampiamente di unire alleati e partner per aiutare a contrastare ciò che la Casa Bianca chiama le politiche economiche ed estere sempre più dure della Cina.

Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha affermato in una normale conferenza stampa mercoledì che è necessario un dialogo costruttivo con Pechino e gli Stati Uniti vogliono garantire che la concorrenza non si trasformi in conflitto.

Price ha dichiarato: “Il vicepresidente intende mostrare alla Cina come dovrebbe essere una competizione sana e responsabile attraverso questa partecipazione”.

L’inviato speciale per il clima John Kerry ha visitato Shanghai ad aprile ed è diventato il più alto funzionario statunitense a visitare la Cina da quando Biden è entrato in carica a gennaio.

Altrimenti, dal primo incontro con il massimo diplomatico cinese Yang Jiechi in Alaska nel marzo di quest’anno, che si è scagliato contro gli Stati Uniti per quella che ha definito una politica estera egemonica, c’è stato pochissimo contatto faccia a faccia tra le due parti. E la sua democrazia in difficoltà.

Gli Stati Uniti accusano la Cina di sensazionalismo.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *