Il Dubai Real Estate Investment Trust affronta una lotta prima del voto sulla ristrutturazione del sukuk


Prima del voto di austerità di lunedì sul suo piano di ristrutturazione, un gruppo di banche internazionali stava lavorando per migliorare la trasparenza e i cambiamenti di governance di un importante fondo di investimento immobiliare a Dubai, segnando un raro caso di attivismo degli investitori nella regione del Golfo.

L’UAE Real Estate Investment Trust è il più grande trust di investimento immobiliare conforme alla Sharia negli Emirati Arabi Uniti e incontra la resistenza di un gruppo di debitori quando cerca di ristrutturare il sukuk o sukuk da 400 milioni di dollari in scadenza nel dicembre 2022. Il pagamento di $ 10,2 milioni sarà dovuto entro la fine del mese.

Questa disputa pone un’altra sfida per il centro commerciale della regione del Golfo mentre gli Emirati Arabi Uniti cercano di cancellare la propria reputazione dopo diversi scandali finanziari, incluso il crollo dell’operatore ospedaliero con sede ad Abu Dhabi elencato nel Regno Unito Comitato di gestione nazionale National E una società di private equity dei mercati emergenti con sede a Dubai Abrai.

L’UAE Real Estate Investment Trust descrive la riorganizzazione come “un’operazione di modifica ed espansione diretta e volontaria… Nella progettazione si tiene conto degli interessi dei possessori di sukuk”. Lo strumento è quotato al Nasdaq di Dubai e ha espresso fiducia che il 75% degli obbligazionisti sarà d’accordo prima del 7 giugno.

Ma un gruppo di investitori che si definiscono “gruppi ad hoc” ha chiesto una migliore governance di Equitativa, manager di Reit, come condizione per accettare la riorganizzazione. Equitativa è di proprietà di Sylvain Vieujot e sua moglie Magali Mouquet, amministratore delegato e direttore esecutivo dell’UAE Real Estate Investment Trust.

Persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che i membri di Ad Hoc includono società di gestione patrimoniale internazionali come la scozzese Aberdeen Standard Investments e la svizzera Vontobel. Entrambe le società di gestione del risparmio hanno rifiutato di commentare.

L’organizzazione ha dichiarato che i suoi membri detengono il 40% del debito e ha invitato i manager a ridurre le commissioni di gestione che considerano “eccessive” e a fornire agli investitori migliori opzioni di ristrutturazione finanziaria.

“Il gruppo ad hoc è rimasto deluso dal carattere e dall’etica aziendale di un’azienda che ha rifiutato di impegnarsi con parti interessate significative del debito che hanno espresso preoccupazioni legittime, chiesto trasparenza e una migliore governance”, ha affermato un rappresentante. “Se le sue rimostranze non vengono risolte, il gruppo manterrà il diritto di scegliere”.

In risposta, un portavoce di Equitativa ha dichiarato che Reit ha una “sana struttura di governo societario” con cinque consigli di amministrazione indipendenti e numerosi amministratori indipendenti, e le sue commissioni sono “in linea con i colleghi del settore”.

La società ha aggiunto al suggerimento di Houlihan Lokey che la sua proposta di ristrutturazione è equa. Sostituirà le obbligazioni islamiche non garantite esistenti con nuovi strumenti con scadenza nel 2024 e garantiti da attività per un valore di 280 milioni di dollari.

L’anno scorso, un gruppo di azionisti indipendenti dagli obbligazionisti ha scritto all’autorità di regolamentazione di Reit, esprimendo preoccupazione sul fatto che stesse sopravvalutando il proprio portafoglio di investimenti per aumentare le commissioni.

La Dubai Financial Services Authority ha dichiarato al Financial Times che se viene trovata una prova di cattiva condotta, adotterà le misure appropriate, ma ha rifiutato di commentare qualsiasi indagine attiva.

L’UAE Real Estate Investment Trust ha smentito le affermazioni degli azionisti secondo cui la sua valutazione è troppo alta e il mese scorso ha affermato che dopo che il nuovo team di valutazione ha abbassato il valore del suo portafoglio di investimenti del 19% a 690 milioni di dollari, ridurrà le sue commissioni di gestione del 20% quest’anno. . Alla fine del 2020, era di 855 milioni di dollari nel terzo trimestre dello scorso anno. La società ha attribuito il calo all’impatto del coronavirus sul settore immobiliare di Dubai.

Su suggerimento di Rothschild, gli obbligazionisti opposti hanno invitato l’UAE Real Estate Trust a divulgare questi rapporti di valutazione esterni perché ritengono che è improbabile che la riduzione sia completamente guidata da Covid-19.

Dopo che la proposta di ristrutturazione è stata avanzata, Fitch ha declassato il rating dell’UAE Real Estate Trust al rating più basso prima del default, ma l’agenzia di rating ha dichiarato di avere liquidità sufficiente per pagare il pagamento della cedola a giugno.

Tuttavia, un rappresentante del gruppo degli obbligazionisti ha dichiarato che, in base alle previsioni sui flussi di cassa, la società potrebbe non essere in grado di pagare il pagamento di dicembre. Equitativa ha espresso soddisfazione per il proprio stato di liquidità.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *