Il Giappone espanderà il suo settore della sicurezza informatica per la difesa nazionale-shareandstocks.com


TOKYO-Il Ministero della Difesa del Giappone prevede di aumentare il personale che si occupa di sicurezza informatica, compreso il reclutamento dal settore privato, per rispondere ad attacchi sempre più sofisticati da Cina, Russia e altri paesi.

Alla fine dell’anno fiscale 2020, la Forza di autodifesa ha circa 660 di questi membri. Il piano prevede di aumentare questo numero a più di 1.000 entro l’anno fiscale 2023.

Gli attacchi informatici tradizionalmente coinvolgono virus informatici che si infiltrano nelle reti e rubano informazioni, ma negli ultimi anni gli hacker sono diventati più sofisticati. Sabato, le aziende statunitensi ed europee si sono affrettate a contenere l’attacco ransomware che ha colpito la società di informatica statunitense Kaseya. Quell’attacco ha costretto la catena alimentare svedese Coop a chiudere tutti i suoi 800 negozi e poi ha effettuato un attacco simile all’operatore di oleodotti statunitense a maggio. Aumentano anche gli attacchi in Giappone.

Gli attacchi alla rete di comunicazione delle forze di autodifesa possono interrompere o interrompere le attività delle truppe di stanza in varie parti del Giappone. Anche le informazioni riservate relative alla difesa nazionale possono finire nelle mani sbagliate. Questa situazione avrà un forte impatto sulla sicurezza nazionale.

Il Ministero sta cercando di rafforzare le difese informatiche in termini di quantità e qualità.

Entro la fine di questo anno fiscale, i 660 addetti alla sicurezza informatica che proteggono il sistema condiviso per l’intera Forza di autodifesa e le forze aeree, marittime e terrestri dovrebbero aumentare a 800.

Un’unità responsabile della supervisione della difesa informatica dell’intera Forza di Autodifesa sarà lanciata nel 2022 e migliorerà l’efficienza integrando unità in ciascuna filiale.

All’inizio di quest’anno fiscale, il Ground Self-Defense Force Engineering College ha aperto un corso sulla sicurezza informatica. Questo corso mira a formare il personale addetto alla sicurezza informatica insegnando conoscenze di base come i linguaggi di programmazione.

Il Dipartimento della Difesa cercherà anche competenze esterne per prepararsi ad attacchi sempre più sofisticati. Questo mese ha assunto un consulente di supervisione della sicurezza informatica da Nippon Telegraph and Telephone e un altro consulente di supervisione della sicurezza informatica dalla principale società di sicurezza informatica LAC. Lavoreranno nel dipartimento due o tre giorni alla settimana rimanendo come dipendenti delle rispettive società.

NTT Group ha più di 300.000 dipendenti. La protezione di un’organizzazione così grande dagli attacchi informatici richiede che ogni dipendente sia consapevole della minaccia e che dirigenti e manager debbano disporre di conoscenze pertinenti. SDF, con oltre 200.000 dipendenti, prenderà in considerazione l’istituzione di un programma di formazione basato sull’esperienza di NTT in questo campo.

Oltre agli attuali programmi di formazione per il personale SDF all’estero, impareranno anche come affrontare gli attacchi informatici da esperti con conoscenze e competenze avanzate.

Sebbene il loro stipendio non sia stato reso noto, il Ministero della Difesa ha stanziato 20 milioni di yen ($ 180.000) nel budget dell’anno fiscale 2021 per l’assunzione di consulenti.

Il Giappone sta anche rafforzando la cooperazione con il suo principale alleato, gli Stati Uniti.La Forza di autodifesa marittima ha condotto un’esercitazione di attacco informatico con le forze armate statunitensi il mese scorso sul cacciatorpediniere Izumo.

“La Marina degli Stati Uniti è davanti a noi”, ha dichiarato Hiroshi Yamamura, capo di stato maggiore della Forza di autodifesa marittima. “È importante poter condividere il modo in cui facciamo le cose e le idee alla base”.

Le navi da guerra sono costantemente connesse alla rete durante la navigazione, quindi qualsiasi scappatoia nelle comunicazioni marittime aumenterà il rischio di infezione da virus. Ad esempio, i virus possono anche entrare nel sistema tramite le unità flash utilizzate per la manutenzione delle navi, influenzando così il sistema di navigazione della nave.

Le capacità di rete del Giappone essere valutato L’International Institute for Strategic Studies, un think tank britannico, lo ha elencato come un “tre livelli” in un rapporto pubblicato il mese scorso, che è il più basso della scala a tre livelli. Il rapporto ha evidenziato gli anelli deboli nel campo della sicurezza nazionale.

La Cina e la Russia si stanno sempre più concentrando sulla combinazione di attacchi fisici da parte di forze aeree, marittime e terrestri con attacchi informatici ed elettromagnetici. Si dice che il dipartimento per gli attacchi informatici della Cina abbia 30.000 dipendenti. Ciò ha aumentato l’urgenza degli sforzi della Self-Defense Force per aumentare il proprio personale e rafforzare le proprie forze informatiche e per cooperare con gli Stati Uniti.

leggi di più



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *