Il Gruppo dei Sette ha raggiunto uno storico accordo sulla tassazione delle multinazionali


Le economie avanzate del G7 hanno raggiunto un “accordo storico” che chiamano tassazione delle multinazionali, sperando di creare uno slancio inarrestabile per raggiungere un accordo globale.

Un comunicato emesso sabato ha mostrato che Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Canada hanno trovato sufficienti compromessi per impedire alle aziende di trasferire profitti in giurisdizioni a bassa tassazione e per garantire che le più grandi società multinazionali si trovino dove operano Pagare più tasse.

L’accordo è stato accolto con favore dal ministro delle Finanze e ha segnato un importante passo avanti nei negoziati avviati nel 2013.

Il Cancelliere dello Scacchiere britannico Rishi Sunak, in qualità di presidente del gruppo quest’anno, ha accolto con favore l’accordo. Ha detto: “I miei colleghi finanziari e io abbiamo raggiunto un accordo storico sulla riforma fiscale globale, che richiede ai più grandi giganti tecnologici multinazionali di pagare una giusta quota di tasse nel Regno Unito”.

La prima priorità del Regno Unito nei negoziati è ottenere maggiori entrate da aziende come Apple, Google e Facebook.

L’entusiasmo di Sunak è stato riconosciuto da altri ministri delle finanze del G7. Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen (Janet Yellen) ha affermato che l’accordo è un “impegno significativo e senza precedenti” per almeno il 15% dell’imposta sulle società più bassa del mondo, che aumenterà significativamente le entrate fiscali delle società statunitensi.

Il ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz ha dichiarato che l’accordo è “una buona notizia per la giustizia e la solidarietà fiscale e una cattiva notizia per i paradisi fiscali in tutto il mondo”.

Il collega francese Bruno Le Maire ha affermato che i paesi del G7 hanno “affrontato la sfida di questo momento storico”, affermando che l’accordo ha aperto la strada all’accordo globale del G20 che si terrà a Venezia a luglio.

I dettagli della prima parte dell’accordo sono un’importante concessione dell’amministrazione Biden agli Stati Uniti, che ha chiaramente affermato che la “più grande azienda del mondo” con un margine di profitto di almeno il 10% deve distribuire il 20% dei suoi profitti globali al paese in cui vendono.

Se implementato, questo annullerà un secolo di tassazione internazionale delle società, ovvero i profitti vengono tassati solo dove l’azienda ha una presenza fisica.

Resta da risolvere la definizione di azienda più grande del mondo. Questa parte della transazione richiederà un accordo globale entro la fine dell’anno.

In cambio di questa concessione, gli Stati Uniti hanno ottenuto l’accordo di altri paesi del G7 per imporre un’aliquota minima globale di imposta sulle società a ciascun paese almeno il 15%.

Ciò ridurrà la motivazione delle grandi società a dichiarare profitti in paradisi fiscali o giurisdizioni a bassa tassazione come l’Irlanda, perché il paese/regione in cui ha sede la società sarà in grado di compensare il pagamento delle tasse della società al livello effettivo più basso nel mondo.

Gli Stati Uniti dovrebbero essere i maggiori beneficiari del secondo pilastro dell’accordo.

Venerdì sera, le persone hanno negoziato se l’accordo fisserà l’aliquota minima globale al 15% o “almeno” al 15%. Paesi come la Francia hanno chiesto aliquote fiscali più elevate per ottenere più reddito dal suo paese più grande . l’azienda.

Una delle questioni più controverse è che gli Stati Uniti richiedono a Francia, Regno Unito e Italia di rinunciare alla nuova tassa digitale in cambio del diritto di tassare la transazione. Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen (Janet Yellen) aveva sperato di farlo immediatamente, mentre i paesi europei hanno insistito sul fatto che avrebbero eliminato queste tasse una volta firmato e approvato qualsiasi accordo globale.

Il comunicato mostra che questa parte dell’operazione deve ancora essere collegata a impegni specifici. “Forniremo un adeguato coordinamento tra l’applicazione delle nuove norme fiscali internazionali e l’abolizione di tutte le tasse sui servizi digitali per tutte le società e altre misure simili correlate”, ha affermato.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *