Il gruppo di supercar elettriche Rimac controllerà la Bugatti di Volkswagen


La startup croata di supercar elettriche Rimac controllerà il marchio Bugatti di Volkswagen per consolidare la sua posizione di forza automobilistica matura.

La nuova società si chiamerà Bugatti Rimac e sarà guidata da Mate Rimac, fondatore nel 2009 del gruppo omonimo Nel suo garage E trasformalo in uno dei fornitori di tecnologia più favoriti del settore.

I sistemi elettrici e a batteria dell’azienda sono stati utilizzati in auto che vanno da Aston Martin e Pininfarina a Jaguar, nonché nel reparto corse del marchio di sedili Volkswagen.

Il controllo da parte di esperti elettrici è anche un importante punto di partenza per Bugatti, che vende le sue supercar con un motore a 16 cilindri e un suono gutturale.

Tuttavia, l’avvento della tecnologia delle batterie ha portato a velocità che anche le locomotive diesel più avanzate difficilmente possono eguagliare: l’imminente Rimac Nevera dovrebbe essere l’auto più veloce di sempre, precedentemente di proprietà di Bugatti Chiron.

Rimac ha affermato che Bugatti lancerà un modello elettrico durante questo decennio, ma produrrà ancora modelli ibridi entro la fine di quel periodo. “Possiamo avere due linee di prodotti parallele e completamente diverse”, ha affermato Rimac, che ha paragonato Bugatti a un orologio svizzero e Rimac a un orologio Apple.

Secondo l’accordo annunciato lunedì, Rimac, sostenuta da Porsche e Hyundai, deterrà il 55% della nuova società, mentre il marchio Porsche di Volkswagen deterrà le azioni rimanenti.

Ciò significa che se le azioni di Rimac sono incluse, Porsche controllerà il 58,2% della società finale attraverso le sue azioni esistenti in Rimac, anche se queste società affermano che la casa automobilistica non ha voce in capitolo su come opera la divisione combinata. . Il boss della Porsche Oliver Bloom ha dichiarato lunedì che nessun fondo è passato di mano nell’accordo.

Mentre l’azienda tedesca intraprende un viaggio elettrico di 35 miliardi di euro, questo mette Rimac ulteriormente sotto l’ombrello di Volkswagen, anche se l’azienda croata scorporerà la sua business unit che costruisce tecnologia per altre case automobilistiche.

Sia Bugatti che Rimac continueranno a sviluppare i loro marchi.Anche se la produzione Bugatti rimarrà in Francia, tutta la sua ricerca sarà trasferita nella nuova sede di Rimac in Croazia.

Mate Rimac, 32 anni, possiede il 37% della società, che equivale al 20,4% del nuovo Gruppo Bugatti Rimac.

“Rimac e Bugatti sono una coppia perfetta in termini di ciò che ognuno di noi porta. In qualità di azienda automobilistica e tecnologica giovane, agile e veloce, siamo diventati un pioniere del settore nella tecnologia elettrica”, ha affermato.

Ha aggiunto che il business delle supercar “dovrebbe essere autosufficiente e redditizio”.

Sempre lunedì, il concorrente locale di Porsche, Daimler, ha confermato che riunirà i suoi tre marchi di lusso – AMG, Classe G e Maybach – in un’unica business unit questo autunno per posizionarsi in modo più efficace nelle “aree di lusso e prestazioni superiori”.

La decisione di Porsche di includere Bugatti nella joint venture renderà gli investitori Volkswagen ancora più fiduciosi che asset simili all’interno del gruppo vengano ceduti o venduti, che sono sempre più fuori sincronia con gli sforzi dell’azienda per guidare la trasformazione elettrica.

Dopo che il capo della Volkswagen Herbert Diess si è scontrato con un potente sindacato tedesco nel dicembre dello scorso anno, il consiglio di sorveglianza della società ha dichiarato che “il consiglio ha concordato che Lamborghini e Ducati rimarranno parte del gruppo Volkswagen”.

Nel maggio di quest’anno, Volkswagen ha respinto l’acquisizione da 7,5 miliardi di euro di Lamborghini da parte dell’agenzia di investimenti svizzera guidata da Rea Stark, che ha anche co-fondato una startup di auto elettriche con Toni Piech, figlio dell’ex presidente della Volkswagen.

Tuttavia, il mercato dei capitali è sempre più sotto pressione per scindere questi marchi. “Il messaggio è “dimentica i giocattoli”, ha detto una persona che ha familiarità con le discussioni tra il pubblico e gli investitori.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *