Il milionario di destra che potrebbe porre fine all’era di Netanyahu Reuters


4/4

© Reuters. Naftali Bennett, leader del partito Yamina, ha rilasciato una dichiarazione alla Knesset della Knesset a Gerusalemme il 30 maggio 2021. Yonatan Sindel/Piscina via REUTERS

2/4

Maya Lube

GERUSALEMME (Reuters)-Il possibile prossimo primo ministro israeliano, Naftali Bennett (Naftali Bennett) è un milionario della tecnologia che si è fatto da sé che sogna di annettere la maggior parte della Cisgiordania occupata.

Bennett ha detto che per ragioni di sicurezza, la creazione di uno stato palestinese sarebbe un suicidio per Israele.

Ma l’alfiere dei diritti religiosi israeliani e uno strenuo sostenitore degli insediamenti ebraici ha affermato che sta unendo le forze con i suoi oppositori politici per salvare il paese dal disastro politico.

Bennett, 49 anni, è figlio di immigrati americani, una generazione più giovane del primo ministro 71enne Benjamin Netanyahu, il leader più longevo di Israele.

Come ex commando, Bennett ha chiamato il figlio maggiore Yoni, il fratello di Netanyahu, ucciso in un raid israeliano all’aeroporto di Entebbe in Uganda nel 1976 per salvare i passeggeri rapiti.

Bennett ha una relazione a lungo termine e spesso instabile con Netanyahu.Ha servito come assistente anziano dell’allora leader del partito di opposizione dal 2006 al 2008, e poi, secondo quanto riferito, ha avuto un cattivo rapporto con Netanyahu.

Bennett ha fatto irruzione nella politica nazionale nel 2013, ha trasformato un partito a favore dei coloni e ha servito come ministro della difesa e ministro dell’istruzione e dell’economia per i governi di Netanyahu.

Come ex leader di Yesha, il principale movimento di coloni in Cisgiordania, Bennett ha fatto dell’annessione di parte del territorio occupato da Israele nella guerra del 1967 una caratteristica importante del suo programma politico.

Ma in qualità di leader di un cosiddetto governo di “cambiamento” che include partiti di sinistra e centristi, è politicamente impossibile continuare l’annessione facendo affidamento sul sostegno dei legislatori arabi in parlamento.

Bennett ha detto domenica che sia la destra che la sinistra devono scendere a compromessi su tali questioni ideologiche.

Bennett è nato ad Haifa, in Israele, è un immigrato di San Francisco e un moderno ebreo ortodosso. Vive con sua moglie Gilat (cuoca dei dolci) e i loro quattro figli a Raanana, un ricco sobborgo di Tel Aviv.

Come Netanyahu, Bennett parla un inglese fluente con un accento americano e ha trascorso parte della sua infanzia in Nord America, dove i suoi genitori andavano in vacanza.

Mentre lavorava nel campo dell’alta tecnologia, Bennett ha studiato legge all’Università Ebraica di Gerusalemme. Nel 1999 ha fondato una start-up, poi si è trasferito a New York e infine ha venduto la sua società di software antifrode Cyota alla società di sicurezza americana RSA nel 2005 per 145 milioni di dollari.

politica

L’anno scorso, quando l’amministrazione Netanyahu ha cercato di far avanzare l’annessione della Cisgiordania e la costruzione di insediamenti negli ultimi mesi dell’amministrazione Trump, Bennett, l’allora Segretario alla Difesa, ha dichiarato: “Lo slancio di costruzione del paese non può essere fermato, anche se è un Secondi.”

Quando Israele e gli Emirati Arabi Uniti stabilirono formalmente le relazioni, il piano di annessione fu infine annullato. Gli analisti ritengono che sotto la guida del successore democratico di Donald Trump, il presidente Joe Biden, ci siano poche possibilità di resurrezione, se non del tutto.

Tuttavia, è probabile che i palestinesi pensino che la promozione di Bennett sia un colpo alla speranza di negoziare la pace e stabilire uno stato indipendente, e lo è il piano diplomatico a lungo termine che Biden sostiene.

Dopo la quarta elezione israeliana in due anni a marzo, Bennett, che guida il partito di estrema destra Amina, ha affermato che il quinto voto sarebbe un disastro nazionale e sarebbe una grande opposizione a Netanyahu.Il gruppo di centrosinistra negozia.

Come sostenitore della liberalizzazione economica, Bennett ha espresso sostegno per la riduzione della burocrazia e delle tasse del governo.

A differenza di alcuni dei suoi ex alleati nei diritti religiosi, Bennett è relativamente libero su questioni come i diritti degli omosessuali e il rapporto tra religione e stato, e si trova in un paese in cui il rabbino ortodosso ha una forte influenza.





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *