Il mirino antitrust di Facebook nei mercati dell’UE e del Regno Unito


2/2

© Reuters. Foto del file: in questa illustrazione fotografica scattata il 2 dicembre 2019, sul telefono viene visualizzato il logo di Facebook. REUTERS/Johanna Geron/Illustrazione/Foto d’archivio

2/2

Autori: Foo Yun Chee e Kate Holton

Bruxelles/Londra (Reuters)-Europa e Regno Unito hanno avviato venerdì un’indagine formale antitrust su Facebook (NASDAQ:) per determinare se il social network più grande del mondo stia utilizzando i dati dei clienti e gli inserzionisti Concorrenza sleale e nuovi attacchi al suo modello di business.

Queste mosse separate hanno aperto un nuovo fronte in Europa contro uno dei giganti tecnologici statunitensi e il sondaggio ha esaminato come Facebook utilizza le sue enormi quantità di dati, inclusi i dati di quasi 7 milioni di aziende che fanno pubblicità sul mercato di Facebook.

Durante la pandemia di COVID-19, il commercio online è diventato sempre più importante. Il boss di Facebook Mark Zuckerberg ha dichiarato ad aprile che più di 1 miliardo di persone visitano il servizio di trading ogni mese.

L’indagine dell’UE ha confermato ciò che una persona a conoscenza della questione ha detto a Reuters il 26 maggio. Facebook ha affermato che l’indagine è infondata.

“Nell’economia digitale di oggi, i dati non dovrebbero essere utilizzati in modo da distorcere la concorrenza”, ha affermato Margrethe Vestager, commissario europeo per la concorrenza.

Ha imposto una multa di oltre 8 miliardi di euro (9,7 miliardi di dollari) ad Alphabet (NASDAQ:) Google e sta anche indagando su Amazon (NASDAQ:) e Apple (NASDAQ:) Codice azionario:). Anche i regolatori britannici stanno esaminando Google e Apple.

Il Marketplace di Facebook è stato lanciato nel 2016 ed è utilizzato per acquistare e vendere beni in 70 paesi/regioni ed è soggetto al controllo dell’UE dal 2019.

“Studineremo in dettaglio se questi dati danno a Facebook un vantaggio competitivo indebito, specialmente nel campo degli annunci economici online, dove le persone comprano e vendono beni ogni giorno e dove Facebook compete anche con le aziende che raccolgono dati”, ha detto Wei Starger. .

L’esecutivo dell’UE indagherà anche se Facebook ha collegato Marketplace ai social network, dandogli un vantaggio nel raggiungere i clienti e minacciando i servizi di pubblicità classificata online dei concorrenti.

Il sondaggio nel Regno Unito è più ampio, esamina il modo in cui Facebook raccoglie i dati dagli inserzionisti e l’accesso Single Sign-On ad altri siti Web tramite l’accesso a Facebook, e come questo avvantaggia le attività di incontri di Marketplace e Facebook.

Vantaggio ingiusto

“Intendiamo indagare a fondo sull’utilizzo dei dati da parte di Facebook per valutare se le sue pratiche commerciali gli conferiscono un vantaggio sleale nel campo degli appuntamenti online e della pubblicità classificata”, ha affermato Andrea Co, CEO dell’Autorità per la concorrenza e il mercato (CMA). una dichiarazione.

“Qualsiasi vantaggio renderà più difficile il successo delle aziende concorrenti (comprese le aziende nuove e più piccole) e potrebbe ridurre le scelte dei clienti”, ha affermato.

I governi di tutto il mondo stanno valutando di rafforzare la supervisione delle aziende tecnologiche che sono diventate più forti durante la pandemia di COVID-19. I ministri delle finanze del G7 stanno studiando nuove leggi fiscali per le multinazionali.

Facebook ha affermato che collaborerà pienamente con le indagini dell’UE e del Regno Unito “per dimostrare che sono prive di fondamento”.

La società ha dichiarato in una nota: “I mercati e gli appuntamenti offrono alle persone più scelte. Entrambi i prodotti operano in un ambiente altamente competitivo e hanno molte grandi aziende esistenti”.

Le due indagini annunciate venerdì sono solo le ultime sfide normative che il gruppo californiano deve affrontare.

Giovedì, Facebook ha ceduto alle pressioni francesi e, dopo una denuncia tre anni fa, si è offerta di fornire ai suoi partner un accesso chiaro e obiettivo all’inventario pubblicitario e ai dati delle campagne pubblicitarie.

L’ufficio cartelli tedesco ha emesso un ordine nel febbraio 2019 per impedire a Facebook di raccogliere dati dagli utenti, il che ha innescato una lunga battaglia legale.

(1 USD = 0,8255 Euro)





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *