Il nuovo obiettivo del vaccino di Johnson sarà testato attraverso l’esitazione e la fornitura di vaccini


Un nuovo ambizioso obiettivo di vaccinare completamente i due terzi della popolazione adulta inglese entro il 19 luglio metterà alla prova gli operatori delle vaccinazioni di prima linea del paese che avvertono di una carenza di forniture e sono in aumento Più difficile è il piano per eliminare l’arretrato di non coronavirus -trattamenti correlati.

Lunedì, nuovi dati di Public Health England hanno mostrato che il legame tra infezione e ricovero (che era ferreo nelle prime due ondate) è stato notevolmente indebolito, quindi i vaccini sono al centro della limitazione dell’impatto della terza ondata attualmente in corso nel Regno Unito Il ruolo è enfatizzato. I dati mostrano che le due iniezioni sono molto efficaci nel prevenire i ricoveri ospedalieri e il cambiamento delta si riflette nella posizione dominante nel Regno Unito.

Un’analisi del Financial Times britannico ha confermato l’impatto della vaccinazione: l’analisi ha mostrato che le persone di età pari o superiore a 65 anni rappresentano solo il 27% del numero di ricoveri in Inghilterra, che è il tasso più basso dall’inizio della pandemia e ben al di sotto del 73% Il culmine storico è maggio 2020.

In questo gruppo, le persone con più di 85 anni rappresentano ormai solo l’8% delle presenze, che è al di sotto del picco del 29%. Nonostante questi notevoli progressi, gli ultimi dati suggeriscono che il numero di ricoveri ospedalieri per le persone di età compresa tra 55 e 64 anni potrebbe aumentare, indicando che il virus sta riscontrando lacune nella copertura vaccinale. 850.000 persone in questa fascia di età non hanno ricevuto una singola dose di vaccino e 1,4 milioni di persone hanno ricevuto solo una dose di vaccino.

La stima centrale del consigliere scientifico del governo sbloccata il 19 luglio mostra ancora che ad agosto e settembre c’è stato un picco di oltre 1.000 ricoveri ospedalieri e 100 decessi ogni giorno.

In una conferenza stampa lunedì sera ha annunciato il rinvio del piano per revocare completamente il blocco di Covid-19 la prossima settimana.Il primo ministro Boris Johnson ha sottolineato che il piano limiterà tutte le persone di 40 anni accorciando l’intervallo di dose a otto settimane. La minaccia rappresentata dalle varianti Delta.

La modellizzazione del gruppo consultivo Sage mostra anche che, considerando i possibili vantaggi di trasmissione della variante Delta, oltre l’80% della popolazione – adulti e bambini – ha bisogno di ottenere l’immunità attraverso la vaccinazione o l’infezione naturale per ottenere “l’immunità di gregge”.

Inoltre, uno studio nazionale scozzese pubblicato su The Lancet ha scoperto che i casi di varianti Delta hanno quasi il doppio delle probabilità di richiedere il ricovero in ospedale rispetto alle persone che sono risultate positive al ceppo Alpha precedentemente dominante.

Tuttavia, i ricercatori dietro lo studio hanno affermato che i due principali vaccini forniti nel Regno Unito, BioNTech/Pfizer e Oxford/AstraZeneca, fornivano una protezione “molto, molto sostanziale”.

Poiché i ministri ora vogliono aumentare gli sforzi di vaccinazione, il personale in prima linea nelle campagne di vaccinazione britanniche, considerate tra le più efficaci al mondo, stanno lottando per superare una serie di ostacoli, dall’esitazione alla carenza di approvvigionamento.

Secondo gli ultimi dati del Dipartimento della sanità pubblica, in Inghilterra, un totale di 14,8 milioni di adulti in Inghilterra non hanno ancora ricevuto una dose del vaccino. Ciò include 2,1 milioni di persone di età pari o superiore a 50 anni.Questo numero è ancora elevato ed è diminuito solo dell’1% nell’ultima settimana.

Secondo i dati del governo del 13 giugno, 25,4 milioni di adulti in Inghilterra hanno ricevuto due dosi del vaccino contro il coronavirus. Secondo le stime del Financial Times, coprire i due terzi della popolazione adulta in Inghilterra significherebbe più di 3 milioni di colpi da qui al 19 luglio. Negli ultimi 7 giorni, l’attuale tasso di vaccinazione in Inghilterra è in media di 239.000 casi, ma questo include anche la somministrazione della prima dose di vaccino alle persone.

Il grafico mostra che circa 15 milioni di adulti in Inghilterra non sono ancora vaccinati, inclusi circa 2 milioni di persone sopra i 50 anni

Ruth Rankine della NHS Federation rappresenta la rete di medici generici responsabili della maggior parte del programma di vaccinazione e ha affermato che c’è ancora molto lavoro da fare per garantire che tutte le persone britanniche idonee siano vaccinate.

Ha detto che in alcuni casi, i medici di base stanno rifocalizzando “il loro tempo e la loro capacità di affrontare l’arretrato di lavoro, specialmente in luoghi dove ci sono punti di massa nelle vicinanze che possono subentrare al lavoro di vaccinazione”. Il carico di lavoro delle cure primarie è “sempre più complesso”, richiedendo la gestione dei sintomi dei pazienti in lista d’attesa ospedaliera e dei pazienti con problemi di salute mentale. Rankine ha aggiunto: “Abbiamo anche ascoltato i rapporti dei nostri membri sulla carenza di vaccini Pfizer necessari per le persone sotto i 40 anni”.

Il direttore della sanità pubblica di Sheffield, Greg Fair, ha affermato che un problema irrisolto è come indirizzare le forniture alle aree con il tasso di assorbimento più basso. Ha sottolineato che il 75% delle vaccinazioni finora è stato effettuato in centri gestiti da medici di base e ha aggiunto: “Possono andare avanti alla loro attuale velocità operativa, per non parlare di accelerare, e richiedono molta attenzione e riflessione. Perché l’ultima cosa che qualcuno vuole fare è distruggere le cure primarie nel processo”.

Il professor Martin Marshall, presidente del Royal College of General Practitioners, ha espresso preoccupazione per la capacità dei medici di base di continuare a svolgere un ruolo così importante nel processo di vaccinazione, poiché sono sotto pressione per ripristinare i normali servizi ai pazienti.

L’evidenza aneddotica mostra che sempre più medici generici stanno rinunciando alla responsabilità delle vaccinazioni. “Sentono di dover concentrarsi sulla loro attività come al solito, e poi tornare quando hanno bisogno di un’iniezione di richiamo in autunno”, ha aggiunto.

Marshall ha anche affermato che per raggiungere le persone resistenti alla vaccinazione è necessario continuare a lavorare sodo. “In generale, il tasso di vaccinazione è molto alto, molto più alto di quanto ci si aspettasse, e anche il tasso di vaccinazione nel Regno Unito è molto più alto di quello di altri paesi”. È stata confrontata l’area di East London, dove c’è una grande minoranza di popolazione, e si scopre che i membri di questo gruppo sono più riluttanti a farsi vaccinare.

Ha aggiunto che attraverso iniziative come l’apertura di cliniche di vaccinazione in luoghi religiosi e l’invio di autobus alla comunità, stanno persuadendo le persone a vaccinarsi. “È lento e difficile, ma funziona”, ha detto Marshall.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *