Il personale delle case di cura in Inghilterra applicherà i colpi di Covid


In Inghilterra, i lavoratori delle case di cura che lavorano con gli anziani devono essere vaccinati contro il Covid-19 come condizione per mantenere il proprio lavoro nell’ambito dei piani del governo, che potrebbero anche aprire la strada alla vaccinazione obbligatoria per gli operatori sanitari.

Il Ministero della Salute e dell’Assistenza Sociale dovrebbe consultare se i lavoratori che lavorano nelle case degli anziani di età superiore ai 65 anni debbano ricevere 16 settimane di iniezione o il rischio di essere licenziati.

Una consultazione separata esaminerà se allo stesso lavoratore debba essere somministrato anche un vaccino antinfluenzale obbligatorio.L’azione è prima di tutto Rapporto del guardiano.

I ministri sono sempre più preoccupati per il tasso di vaccinazione contro il Covid nelle case di cura, che ritengono metta alcune delle persone più vulnerabili del paese a un ulteriore rischio di contrarre la malattia.

Sebbene circa l’80% degli operatori sanitari in generale abbia ricevuto almeno una vaccinazione, il tasso di utilizzo è inferiore a Londra, dove il personale tende ad essere più giovane.

Una fonte a Whitehall ha dichiarato: “Abbiamo la responsabilità di proteggere i gruppi vulnerabili nelle case di cura e i pazienti negli ospedali. Queste misure salveranno vite”. Hanno sottolineato che esiste un precedente per richiedere ad alcuni medici di prima linea di essere vaccinati contro l’epatite B.

La consultazione preliminare del DHSC su questa idea si è recentemente conclusa e si comprende che ha attirato un numero insolitamente elevato di richieste. Il DHSC ha dichiarato: “La nostra priorità è garantire che le persone nelle case di cura siano protette. Abbiamo avviato una consultazione per scoprire se e come il governo imporrà nuovi requisiti ai fornitori di case di cura per adulti per prendersi cura degli anziani e distribuire solo Covid-19 vaccinazioni. Vaccinazioni o dipendenti che hanno ricevuto adeguate esenzioni. ”

Ha detto che i risultati della consultazione saranno annunciati “a tempo debito”.

Tuttavia, le organizzazioni che rappresentano le case di cura hanno messo in guardia contro la vaccinazione obbligatoria perché temono che i dipendenti possano dimettersi invece di essere vaccinati, esacerbando così la carenza di manodopera.

Il sindacato dei minibus verdi ha criticato mercoledì il piano “pensato” e ha avvertito che se la vaccinazione è obbligatoria, più di un terzo del personale infermieristico prenderà in considerazione le dimissioni. Ha detto che il governo dovrebbe prendere più misure per risolvere il problema dell’esitazione del vaccino.

Il funzionario nazionale del GMB Rachel Harrison ha affermato che il governo può adottare misure per “assicurare squadre di vaccinazione del SSN più mobili in modo che coloro che lavorano nei turni di notte possano essere vaccinati”.

Ha aggiunto che, al contrario, i ministri stanno “facendo piani per vaccinare caregiver forti senza considerare seriamente gli enormi ostacoli che questi lavoratori devono ancora affrontare per essere accoltellati”.

Il prof. Martin Green, CEO di Care England, un ente del settore, ha affermato che se la regolamentazione è lo “strumento di scelta”, allora “tutti i problemi causati dalla vaccinazione obbligatoria degli operatori dell’assistenza sociale devono essere pienamente affrontati”. “Introdotto prima.

“Ci devono essere una guida centrale, finanziamenti e leadership per aiutare a supportare i fornitori di assistenza sociale per adulti nell’attuazione di questo regolamento. In altre parole, deve esserci un adeguato supporto infrastrutturale”, ha aggiunto.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *