Il Regno Unito interviene per proteggere l’industria siderurgica dai rischi delle sfide dell’OMC


Gli avvocati del commercio hanno affermato che il governo britannico ha deciso di estendere le tariffe sui prodotti siderurgici all’ultimo minuto, che potrebbero essere vulnerabili alle sfide dell’Organizzazione mondiale del commercio.

Il segretario al commercio internazionale Liz Truss ha posto il veto alla Trade Remedy Agency, un’agenzia nazionale che regola la politica commerciale britannica, ma non ha trovato prove che fosse ragionevole continuare a prendere alcune misure di emergenza.

Il mese scorso TRA ha scoperto che non vi erano prove sufficienti per mantenere le tariffe del 25% su 9 prodotti siderurgici e ha anche raccomandato al Regno Unito di mantenere le tariffe su altri 10 prodotti siderurgici.

I produttori nazionali di acciaio hanno descritto la decisione iniziale come un “colpo pesante”, che ha portato i membri del Congresso a protestare contro la prospettiva di grandi quantità di importazioni di acciaio a basso costo, che hanno portato alla perdita di posti di lavoro.

Truss è stato anche fortemente sottoposto a pressioni dal ministro del Commercio Kwasi Kwarteng e ha deciso di estendere le tariffe su un totale di 15 prodotti e di abolire le tariffe solo su 4 di essi.

Secondo la legislazione del 2018 che ha originariamente istituito il TRA, Truss può solo accettare o rifiutare completamente le raccomandazioni dell’agenzia, il che causerà la cessazione automatica di tutte le tariffe alla mezzanotte del 30 giugno.

Invece, ha approvato una legislazione di emergenza per consentirle di modificare la proposta TRA.

Tuttavia, gli esperti commerciali hanno affermato che la decisione della Gran Bretagna potrebbe essere contestata dall’OMC. Sebbene l’UE abbia rispettato i regolamenti dell’OMC quando l’UE ha imposto i dazi tre anni fa, la Gran Bretagna deve fornire prove che la propria industria siderurgica sta soffrendo per le importazioni.

Hanno affermato che i grandi esportatori come la Turchia che esportano acciaio nel Regno Unito rischiano di presentare reclami all’OMC.

Sam Low, un esperto di commercio presso l’European Reform Center, ha affermato che la sentenza della TRA contro l’estensione delle misure di salvaguardia “diventerà certamente parte della sfida che un paese deve affrontare in seno all’OMC”.

Tuttavia, ha sottolineato che queste sfide “richiedono molto tempo” e la decisione di Truss è solo di estendere le tariffe per le altre cinque categorie per un altro anno.

Un avvocato del commercio ha anche sottolineato che le differenze tra gli Stati membri significano che l’OMC non ha un organo di appello effettivo per giudicare le controversie. Pertanto, le decisioni dell’OMC spesso non vengono applicate.

British Steel, l’ente commerciale del settore, ha affermato di ritenere che la decisione “è in linea con le regole dell’OMC”. Ha aggiunto: “Tra le categorie ampliate dal Segretario di Stato, c’è una minaccia di danni. Se non vengono attuate le garanzie, le importazioni aumenteranno”.

La decisione di Truth è un’umiliazione per la TRA ed è vista da coloro che sono vicini all’organizzazione commerciale come una prova che il governo conservatore è diventato più “interventista” nell’era Johnson.Oliver Griffith tra capi chief L’esecutivo ha dichiarato al Financial Times il mese scorso che mentre l’economia britannica dopo la Brexit si apre al mondo, si aspetta che le azioni difensive contro le importazioni saranno notevolmente ridotte.

Una persona che ha familiarità con TRA ha affermato che è anche preoccupato che il caso dell’OMC possa essere dannoso per il Regno Unito.

“La decisione del governo parla da sé. Questo è un governo molto diverso dal governo che era in vigore due anni fa. È un interventista”, hanno detto. Hanno aggiunto che i prezzi al consumo potrebbero aumentare a causa delle tariffe, in particolare quelle sui cibi in scatola.

La persona ha affermato che TRA manterrà la propria indipendenza e continuerà a prendere decisioni basate sui fatti.

Ma Truss ha detto la scorsa settimana che rivedrà il ruolo di TRA per darle più libertà di intervenire nelle tariffe per proteggere le industrie vulnerabili dall’aumento delle importazioni a basso costo.

“Il quadro dei rimedi commerciali è stato introdotto per la prima volta nel 2018 sotto la guida della precedente amministrazione”, ha affermato Truss in una dichiarazione scritta della Camera dei Comuni, riferendosi al governo di Theresa May.

“L’attuale governo lo esaminerà per garantire che sia aggiornato, aderisca alle regole dell’OMC e si applichi al mondo post-Covid. È fondamentale che in futuro disponiamo degli strumenti per garantire che le industrie siano protette da concorrenza sleale. E l’impatto di un aumento imprevisto delle importazioni”.

Il presidente della TRA, Simon Walker, ha dichiarato che “fornisce una consulenza equa al governo sulla base di un’attenta analisi delle prove disponibili.

“In questa circostanza, per tutte le nostre indagini, stiamo lavorando nel quadro giuridico dei rimedi commerciali previsti dalla legislazione e dai regolamenti britannici. Ma la decisione finale è presa dai ministri”.

Un portavoce di Truss ha dichiarato che l’estensione è stata solo per i primi 12 mesi ed è stata effettuata “in circostanze speciali”.

Queste misure sono “commisurate e ragionevoli in condizioni di mercato uniche”. La persona ha aggiunto che lascerà il tempo per “considerare nuove prove” e ha indicato che il governo è “impegnato a garantire che le società britanniche continuino a operare in condizioni di libero ed equo commercio”.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *