Il Regno Unito prevede di vendere Channel 4 Reuters


© Reuters. Foto del file: Il segretario di Stato britannico per il digitale, la cultura, i media e lo sport Oliver Dawden cammina fuori Downing Street, Londra, Regno Unito, il 24 febbraio 2021.Reuters/John Sibley

Paul Sandel

LONDRA (Reuters)-Il governo conservatore del Regno Unito ha dichiarato mercoledì che prevede di vendere Channel 4, lanciato 39 anni fa, come BBC e Televisione indipendente (LON:) per contribuire a garantire il suo futuro come emittente di servizio pubblico.

Questo canale finanziato dalla pubblicità mira a fornire una programmazione stimolante e unica agli spettatori meno serviti dalle emittenti tradizionali.

Channel 4 non ha prodotto i propri programmi, ma ha incaricato una nuova società di produzione di produrre programmi, contribuendo a stabilire un dipartimento di produzione televisiva indipendente di successo nel Regno Unito.

Channel 4 è sede di programmi di notizie di punta giornalieri, commedie (come “The Middleman”) e “This is Sin” e altre commedie. Ha messo in dubbio il motivo del governo per la sua proposta di vendita, affermando che il suo stato finanziario è “molto sano” e sta svolgendo le sue funzioni.

Tuttavia, il governo ha affermato che Channel 4 è vulnerabile all’instabilità del mercato pubblicitario e che cambiare l’ambito della proprietà privata può aiutare a proteggere il suo futuro.

Ha inoltre affermato che negozierà con emittenti come BBC, ITV e Sky sulla supervisione di servizi di video on demand come Netflix (NASDAQ:) e Amazon (NASDAQ:) Prime. Documentari e notizie sulle regole sessuali.

Il ministro del digitale Oliver Dowden (Oliver Dowden) ha affermato che le regole di trasmissione britanniche possono essere fatte risalire all’era analogica del 20 ° secolo.

Ha detto: “È tempo di considerare come possiamo liberare il potenziale delle emittenti del servizio pubblico, garantendo al contempo che gli spettatori e gli ascoltatori che consumano contenuti in nuovi formati siano serviti da un sistema equo e ben funzionante”.

Ha detto che un altro modello di proprietà, ma il modello di Channel 4 di mantenere le sue responsabilità di servizio pubblico “potrebbe essere migliore per le emittenti e migliore per il paese”.

Il sottosegretario di Downton, John Whittingdale, non ha escluso la possibilità di offerenti stranieri, come Rupert Murdoch.

“Saremo interessati a sentire le opinioni di chiunque esprima interesse”, ha detto a LBC Radio.

Il CEO di Channel 4 Alex Mahon ha affermato che lo spirito dell’emittente sarà minacciato dalla vendita.

Enders Analysis ha affermato che crede che sarà difficile per Channel 4 mantenere le sue responsabilità, come sostenere voci inaudite e assumersi audaci rischi creativi, che i nuovi acquirenti non pagheranno più di una “piccola somma”.

“La nostra prima priorità è il nostro impatto sul pubblico e il nostro impatto sull’economia creativa del Regno Unito; questo non ha nulla a che fare con la linea di fondo”, ha detto Ma Hong ai legislatori martedì.

“Quindi questo significa che possiamo sempre mettere i servizi pubblici al di sopra del profitto”.

Il rispettato naturalista britannico David Attenborough ha firmato una lettera aperta con altre figure televisive e artistiche chiedendo al governo di fermare gli “attacchi politici e finanziari miopi” alle trasmissioni del servizio pubblico.

Il governo precedente aveva preso in considerazione la privatizzazione di Channel 4, ma ha ceduto a causa dei timori che potesse danneggiare il dipartimento di produzione televisiva indipendente.

Channel 4 ha dichiarato martedì che le sue entrate per il 2020 sono state “estremamente resistenti” e che, nonostante il forte calo della domanda pubblicitaria durante la pandemia di coronavirus, sono comunque diminuite del 5% per l’anno.

Il governo ha dichiarato che negozierà i suoi piani prima di presentare proposte legislative in autunno.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *