Il regolatore bancario globale sollecita le più rigorose regole sul capitale per le criptovalute


I regolatori globali chiedono alle criptovalute di implementare le regole patrimoniali bancarie più rigorose di qualsiasi asset, ritenendo che i requisiti per detenere bitcoin e token simili dovrebbero essere molto più elevati di quelli per azioni e obbligazioni tradizionali.

Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria, il più potente standard bancario al mondo, ha dichiarato che le banche esposte a criptovalute volatili dovrebbero affrontare requisiti patrimoniali più severi per riflettere rischi più elevati.

È intervenuto in un rapporto pubblicato giovedì mentre i politici di tutto il mondo hanno rafforzato i piani per regolamentare i mercati emergenti veloci.

Il Comitato di Basilea ha riconosciuto che, sebbene le banche abbiano un’esposizione limitata all’emergente settore delle criptovalute, “la crescita delle criptovalute e dei servizi correlati può innescare problemi di stabilità finanziaria e aumentare i rischi affrontati dalle banche”.

I rischi menzionati includono rischi di mercato e di credito, frode, hacking, riciclaggio di denaro e rischi di finanziamento del terrorismo.

Alcuni asset, come i token azionari, saranno conformi alle regole esistenti degli standard patrimoniali minimi rivisti per le banche. Suggerisce che altri, come Bitcoin, dovranno affrontare un nuovo sistema prudenziale “conservativo”.

Il comitato ha affermato che le stablecoin, le criptovalute legate ad asset tradizionali come le valute, soddisferanno anche i requisiti delle regole esistenti se saranno completamente mantenute in qualsiasi momento. Ha aggiunto che le banche devono monitorare questo “per essere sempre efficaci”.

Tutti gli altri asset crittografati, inclusi Bitcoin ed Ethereum, entreranno in un nuovo e più difficile sistema. La ponderazione del rischio proposta dal Comitato di Basilea è 1.250%, che soddisfa gli standard più rigorosi per l’esposizione delle banche alle attività rischiose.

Ciò significa che le banche devono effettivamente detenere un capitale pari ai rischi che devono affrontare. Basilea ha dichiarato che un’esposizione Bitcoin di $ 100 comporterebbe un requisito di capitale minimo di $ 100.

Questi standard si applicheranno alle risorse create per i seguenti scopi Finanza decentralizzata (DeFi) e token non fungibili (NFT), ma le potenziali valute digitali della banca centrale non rientrano nell’ambito della consultazione, ha aggiunto.

Quando è uscita la proposta di Basilea, i regolatori globali stavano lottando per far fronte al rapido aumento delle risorse digitali e al crescente interesse degli investitori. Le autorità statunitensi sperano anche di svolgere un ruolo più attivo nella regolamentazione del mercato delle criptovalute da 1,5 trilioni di dollari perché temono che la mancanza di regolamentazione possa danneggiare gli investitori in settori altamente volatili e speculativi.

Strada Fu Street con Citigroup È una delle banche che ha espresso la speranza di fornire ai clienti più servizi di crittografia.

Le regole prudenziali impongono requisiti sulle attività liquide e sui livelli di capitale e le banche devono accantonare questi requisiti in modo da poter stringere i fondi in modo ordinato senza danneggiare i clienti o causare panico nel mercato.

I token digitali basati su asset tradizionali (come azioni, obbligazioni, materie prime e contanti) rientreranno nella prima categoria di asset crittografati.
Tuttavia, devono avere lo stesso livello Diritti legali Come attività tradizionali, come dividendi o altri diritti di flusso di cassa, alcune attualmente non lo fanno.

La consultazione terminerà a settembre.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *