Incompetenza politica in Argentina durante l’era Covid-19 – shareandstocks.com


L’inevitabilità della seconda o terza ondata di Covid-19 sembra essere un fenomeno globale, con alcuni paesi che soffrono persino della quarta e quinta ondata di contagi e decessi.Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus ha opinioni simili sulla carenza globale di vaccini famoso Nella colonna New York Times: “Degli oltre 890 milioni di dosi di vaccino vaccinate a livello globale, oltre l’81% è stato vaccinato nei paesi ad alto e medio-alto reddito. I paesi a basso reddito hanno ricevuto solo lo 0,3%”.

Pertanto, è diventata evidente la necessità di attuare delle restrizioni, comprese le restrizioni alla frequenza personale, soprattutto diffondendosi nelle città densamente popolate, come la città di Buenos Aires e le sue metropoli che si estendono fino alla provincia di Buenos Aires.Distretto, come è successo di recente. Sono cose su cui potrebbero essere d’accordo il presidente Alberto Fernández, il sindaco Horacio Rodríguez Lareta e il governatore Axel Kisilov, così come l’intera AMBA (Buenos Aires), i leader municipali e tutti i governatori dell’area metropolitana di Leith. Ad eccezione delle persone che negano il coronavirus come Jair Bolsonaro e Donald Trump, la maggior parte dei funzionari pubblici di tutto il mondo probabilmente capisce che queste sono le regole del gioco durante questa pandemia apparentemente infinita nell’emisfero meridionale.

Ciò che sembra inevitabile è l’aumento esponenziale degli usi politici dell’infezione da Covid-19 e delle misure di risposta adottate. Con il pieno sostegno di Rodríguez Lareta e Kirsilov, c’è un barlume di speranza nel ricordo dell’azione coordinata di Fernandez contro la pandemia lo scorso anno, anche se Christina Fernandez de Kirchner chiaramente non era presente. , Sebbene il suo precedente ministro dell’Economia fosse molto bravo. Dalla seconda metà dello scorso anno la pressione sul clima politico ha continuato ad aumentare, ed è ancora nella curva positiva del coronavirus.Con il recente litigio tra i vertici dei tre più importanti seggi esecutivi, è arrivato il culmine dello scontro un punto culminante nel paese. Ridurre il dibattito alla stagione elettorale ridurrà di fatto il lassismo dei nostri leader politici falliti, perché le elezioni sono di sangue democratico e quindi una variabile costante che deve essere celebrata come meccanismo attraverso il quale si possono selezionare le persone migliori Vieni a governare.

In realtà, siamo di fronte a un altro esempio dell’incapacità del nostro sistema democratico di creare le condizioni per un’azione coordinata di fronte a problemi strutturali o urgenti e fatali. In superficie, la speculazione elettorale potrebbe essere alla base di alcune recenti iniziative. La guerra tra Rodriguez Larreta e i governi nazionale e provinciale sembra essere più facile da risolvere attraverso il dialogo che attraverso le procedure legali.Poche settimane fa, su richiesta del governo provinciale, il governo centrale non ha avuto la collaborazione della città. . I raduni dell’opposizione chiedono da tempo l’apertura delle scuole, e anche il ministro dell’Istruzione Nicolas Trotta e il ministro della Salute Carla Vizotti hanno fatto presente che rimarranno così. Qualche settimana fa, il decreto di emergenza emanato da Il presidente Alberto lo contraddice. Rodriguez Larreta è andato in tribunale con i suoi genitori insoddisfatti.Alla fine, la Corte Federale ha combattuto una battaglia decisiva con il Tribunale della città e la Corte Suprema ha sentito mal di testa. Infine, la frequenza delle scuole di fisica deve essere limitata, come è successo a livello globale, ma sembriamo sempre in difficoltà, il che porterà a confusione, disillusione e ulteriore divisione tra le due grandi alleanze politiche. Tutto ciò è vantaggioso per coloro che predicano al coro nelle circostanze estreme dei partiti di governo e di opposizione.In questo caso, Kicillof e il presidente del partito PRO Patricia Bullrich sono incarnati.

La situazione dei vaccini ha anche messo in luce le politiche di basso livello che siamo stati costretti ad accettare. A livello nazionale, il presidente Fernandez ha più volte invitato Mauricio Macri e l’opposizione ad aiutarlo a vaccinare se “sei così amato dal mondo”. Allo stesso tempo, il capo del gabinetto, Santiago Caffeiro, ha sottolineato che se i governi provinciali e municipali sono disposti, possono acquistare i vaccini da soli, in una certa misura per coprire la loro incapacità di ottenere più vaccini in un mondo che scarseggia. Non lasciare un pollice per il tuo avversario.

D’altra parte, Rodríguez Lareta e la più ampia coalizione Juntos por el Cambio hanno iniziato ad accusare l’amministrazione Fernández-Fernandez di strategie di vaccinazione inadeguate, osservando che il presidente aveva promesso di vaccinare decine di milioni di cittadini nei primi tre mesi. . Entrambe le parti sono cadute nel vuoto perché Luana Volnovich, il capo dell’agenzia pensioni PAMI, ha dato una triste prestazione accusando il governo della città di difetti nel piano di vaccinazione.L’opposizione ha continuato a mettere in discussione i ritardi dietro le trattative con Pfizer e Oxford-AstraZeneca Piano.

Questa incoerenza politica rende sempre più difficile per il ministro dell’Economia Martin Guzman rinegoziare il debito sovrano nelle mani di organizzazioni multilaterali, ovvero il Fondo monetario internazionale e il Club di Parigi. Con l’opposizione che strangola il governo, le principali figure di Alberto nel governo economico sono state in un fuoco incrociato e il più fondamentalista Kirchner ha fatto pressioni su di lui. Alcuni dicono che questa è la prima volta che la gente di Kisilov ha schiaffeggiato Guzman. Una risposta a lo stretto rapporto con Fernandez de Kirchner. In vista dell’imminente tornata elettorale, c’è pressione all’interno della Todos Front Alliance al potere per raddoppiare gli sforzi sulla base della sua fazione Kirchner centrale. Dall’altra parte del corridoio, Juntos por el Cambio ha continuato a criticare Guzman per la mancanza di pianificazione economica. All’interno del Fondo monetario internazionale e del Club di Parigi, stanno tutti sottolineando che la mancanza di consenso politico impedisce qualsiasi tentativo di portare avanti qualsiasi negoziato di ristrutturazione, il che significa che qualsiasi decisione chiave verrà presa dopo le elezioni.

La politica è considerata come la disciplina dei funzionari pubblici, il cui compito è lavorare sodo per migliorare il benessere dei membri della società, che secondo il modello democratico li eleggono in base al merito. Secondo Montesquieu e altri, in teoria, questo sistema è la base del sistema di governo più equo. Tuttavia, quando il suo interprete non si concentra sulla giustizia, ma persegue l’obiettivo utilitaristico di acquisire potere – presumibilmente per migliorare la società – diventa distorto al punto in cui gli interessi politici prevalgono sugli interessi sociali. Alberto, Rodriguez Larreta e Kicillof ci stanno dando una lezione in tempo reale.

Questo foglio Pubblicato originariamente su Buenos Aires Times, l’unico quotidiano in lingua inglese dell’Argentina.

leggi di più



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *