Intesa San Paolo: vinto il titolo di Best Bank in Italia

L’istituto di credito Intesa San Paolo è stato premiato come “Best Bank in Italy” da Global Finance, rivista finanziaria internazionale. Stesso riconoscimento anche per Banca Intesa Beograd come Best Bank in Serbia,  facente parte sempre del gruppo Intesa San Paolo.

Un eccellente risultato se si considera la crisi del settore bancario italiano degli ultimi anni, con annessi errori del Governo.

Il Global Finance, ogni anno, seleziona i migliori istituti di credito nel mondo, con l’aiuto di un folto gruppo di analisti finanziari.

Per quanto riguarda la banca torinese, sono stati presi in considerazione il modello di business sostenibile, la buona governance, i risultati raggiunti nel 2018, l’eccellenza nella gestione, l’innovazione tecnologica messa a disposizione dei clienti e la leadership nella trasformazione digitale.

Intesa fa il pieno di utili: confronto tra le maggiori banche italiane

Non a caso, i primi nove mesi del 2019 hanno visto il gruppo torinese primeggiare sulle principali concorrenti, ovvero Unicredit, Banco Bpm, Monte dei Paschi di Siena e Ubi Banca.

In linea generale, gli utili complessivi degli istituti esaminati ammontano a 8,7 miliardi di euro. Facendo registrare un +38,5%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ad incidere su questo dato, due elementi principali. Da una parte, la riduzione delle svalutazioni dei crediti (-10,1%). Dall’altra, un forte incremento della produttività del lavoro.

Un quadro che evidenzia anche un forte aumento del prodotto bancario pro capite, aumentato del 5,2% da Gennaio a Settembre 2019.

I dati esaminati mettono in evidenza, però, anche un importante calo del numero dei dipendenti, dovuto principalmente alla chiusura di filiali e alla soppressione di sportelli. I costi operativi e i costi del personale sono dunque in calo, con grande preoccupazione da parte dei sindacati.

Riccardo Colombiani, segretario generale di First Cisl, sottolinea l’emergenza lavoro, dichiarando che:

Le banche festeggiano, ma festeggiano solo loro. Il calo degli occupati e degli sportelli è drammatico, una vera e propria emorragia. E’ ora di dire con chiarezza ai banchieri che l’epoca dei tagli è finita. La strada giusta è quella di rilanciare occupazione e salari, come chiediamo nella piattaforma di rinnovo del contratto nazionale.

Ma intanto, Intesa San Paolo raggiunge risultati record che non si vedevano dal 2008!

Carlo Messina, CEO dell’istituto di credito torinese, punta ora anche sul ruolo della banca come motore dell’economia sociale in Italia, promuovendo un grande progetto per l’inclusione economica e per la lotta alla povertà.

Nei primi nove mesi del 2019, Banca Intesa ha aiutato ben 15.000 aziende a tornare in bonis. Un numero che sale a 108 mila se si considerano i dati degli ultimi 5 anni.

 

 

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *