La Bank of Australia ridurrà gli acquisti di obbligazioni e manterrà i tassi di interesse a livelli storicamente bassi Reuters


© Reuters. File foto: i pedoni passano davanti all’ingresso principale della sede della Reserve Bank of Australia (RBA) nel centro di Sydney, in Australia, il 3 ottobre 2016. La foto è stata scattata il 3 ottobre 2016. REUTERS/David Gray/Foto d’archivio

Swati Pandey

SYDNEY (Reuters) – Martedì la Bank of Australia ha mantenuto il tasso di liquidità al minimo storico dello 0,1% e ha affermato che potrebbe rimanere fino al 2024, ma ha ridotto gli acquisti di obbligazioni.

Come generalmente previsto, la Reserve Bank of Australia (RBA) ha mantenuto l’obiettivo di rendimento triennale dello 0,1% per le obbligazioni di aprile 2024 e ha annunciato il terzo round di allentamento quantitativo, anche se su scala ridotta rispetto ai due round precedenti.

La Bank of Australia continuerà ad acquistare titoli di stato a un tasso di 4 miliardi di dollari australiani a settimana dopo l’attuale scadenza di settembre, invece degli attuali 5 miliardi di dollari australiani.

Gli analisti intervistati da Reuters hanno previsto all’unanimità che la Reserve Bank of Australia limiterà il suo obiettivo di rendimento ad aprile 2024 invece di estenderlo a novembre. In termini di politiche di allentamento quantitativo, la maggior parte delle persone si aspetta un ambiente “flessibile”. [AU/INT]

In una breve dichiarazione dopo l’incontro, il governatore Philip Lowe ha dichiarato che le misure di martedì “forniranno il sostegno monetario sostenuto necessario affinché l’economia passi dalla fase di ripresa alla fase di espansione”.

Lowe terrà una conferenza stampa alle 0600 GMT.

La Bank of Australia ha tagliato i tassi di interesse tre volte lo scorso anno ai minimi storici attuali e ha lanciato un programma di acquisto di obbligazioni su larga scala per ridurre i costi di finanziamento e stimolare i consumi.

Le misure di stimolo monetario combinate con il sostegno finanziario del governo hanno dato impulso all’economia australiana da 2 trilioni di dollari, che ha ora superato il livello pre-pandemia. Il mercato del lavoro si sta rapidamente restringendo, il mercato immobiliare si sta riscaldando e la spesa dei consumatori è attiva.

La scorsa settimana, la città più grande dell’Australia, Sydney, è entrata nel più rigoroso blocco del coronavirus dall’inizio della pandemia, mentre anche altre grandi città hanno implementato alcune misure di contenimento.

Nel caso di programmi di vaccinazione lenti e disfunzionali, queste restrizioni possono indebolire l’eccellente performance economica dell’Australia, finora solo il 9% circa degli adulti è stato vaccinato, il più basso tra i paesi sviluppati.

La Bank of Australia riconosce la forza dei dati recenti, ma sottolinea che la recente epidemia di virus è un’incertezza chiave nel prossimo futuro. Lowe ha ribadito che la visione fondamentale della banca centrale australiana per l’economia è che non raggiungerà i suoi obiettivi di inflazione e occupazione prima del 2024.

Le tendenze accomodanti della RBA sono in netto contrasto con le sue controparti neozelandesi, che a maggio sono diventate una delle prime economie avanzate a mostrare le misure di stimolo adottate durante la pandemia di COVID-19.

Gli economisti della BNZ, una filiale della National Australia Bank (OTC:), prevedono che la Reserve Bank of New Zealand (RBNZ) inizierà ad aumentare i tassi di interesse entro la fine dell’anno, grazie alla forte ripresa economica determinata dalla pandemia.

La maggior parte degli economisti australiani non vedrà la Reserve Bank of Australia aumentare i tassi di interesse fino alla metà del 2023.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *