La caduta di Matt Hancock avrà conseguenze durature


Forse l’unica cosa più scioccante del fatto che Matt Hancock non lo abbia visto subito doversi dimettere per aver violato le sue regole di Covid è che Boris Johnson non sapeva di doverlo licenziare.

La violazione dell’ordine di reclusione da parte dell’ex ministro della Salute e di un suo assistente ha ricordato sgarbatamente al Partito conservatore che monitorare il comportamento personale di tutti rendeva equo anche il proprio comportamento. Gli inglesi possono essersi liberati della loro avidità, ma l’ipocrisia è sempre offensiva.

Per la migliore ragione, il governo ha violato profondamente la libertà personale. Le persone non devono opporsi al blocco per riconoscere un eccessivo allungamento a volte folle. Le persone muoiono da sole o sono in lutto. La nuova relazione è vietata. Non c’è da stupirsi che i cittadini siano arrabbiati quando i leader ignorano queste regole e Hancock li sostiene con l’entusiasmo dei giudici spagnoli. Il suo fallimento è troppo umano, ma questa è l’umanità che ha negato agli altri.

Questo è il secondo caso di un importante sostenitore del lock-in che infrange le regole. Proprio come Dominic Cummings, il capo stratega di Johnson all’epoca, ha subito precedenti violazioni che hanno trasferito il potere all’interno del governo, avrà un impatto duraturo. Si può dire che sia Long Hancock.

Il primo è quello di accelerare l’eliminazione delle restrizioni Covid. Sajid Javid, successore di Hancock, ha affermato che “nessun governo dovrebbe voler limitare” la libertà. Molte misure di controllo sono scomparse e i ministri sono determinati a porre fine a quasi tutte le restrizioni il 19 luglio. Ma anche se parlare di irreversibilità della riapertura risulta sciatto, è difficile immaginare che regole future invaderanno i comportamenti privati.

Javid potrebbe avere ragione, il Paese ora deve imparare a convivere con il Covid, ma toglie la politica ai dati. Anche nelle migliori circostanze, consentire al virus di diffondersi rallenterebbe il tasso di ritorno sul posto di lavoro, portando a più morti e restrizioni straniere ai viaggi dal Regno Unito. Livelli tollerabili di ospedalizzazione e morte necessitano ancora di alcune metriche, soprattutto prima dell’ondata invernale.

Il secondo effetto sarà l’equilibrio di potere nel gabinetto. Alcuni vedono Javid come un potenziale alleato di Johnson e del Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak, in cerca di denaro aggiuntivo per il SSN e l’assistenza sociale senza dolorosi compromessi fiscali. Sicuramente competerà per le risorse, ma c’è un’altra situazione. La più grande preoccupazione di Sunak è che la spesa sia inferiore alla spesa senza fondi, e l’ex primo ministro Javid simpatizzerà con questo.

Lunedì Javid ha sottolineato la necessità di “finanziamenti sostenibili” e ha simpatizzato con l’idea di una nuova imposta sull’assistenza sociale (pagata da persone con più di 40 anni). È del tutto possibile per lui e Sunak, i suoi amici e compagni Thatcher formare un’alleanza per garantire fondi aggiuntivi e metodi di pagamento. Il nuovo ministro della Salute non sta cercando di combattere il suo leader, ma il nuovo asse Sunak/Javid potrebbe diventare una forza per gestire le scosse di assestamento della pandemia mentre spinge il partito a tornare al conservatorismo fiscale.

La terza questione è la più intangibile perché riguarda la natura del governo. Gli alleati di Johnson hanno sostenuto che nel processo di non licenziare Hancock, ha dato al ministro il tempo di trarre le sue inevitabili conclusioni senza intorpidire lo scalpo del nemico. Non è un bugiardo, né è abbastanza per licenziare un uomo adultero.

Può essere. Un’altra opinione è che questo dimostri che il governo guidato da Boris Johnson non è stato in grado di far rispettare gli standard di condotta anche nelle circostanze più sfacciate. Uno dei vantaggi politici di Johnson è la sua disponibilità a ignorare la tradizione. Ma gli standard sono fissati ai massimi livelli. Inoltre, poiché anche lui era dalla parte di Cummings, questo non era nemmeno il primo reato. L’immagine che si sta costruendo è un vestito da selvaggio west (forse una banda di un centro commerciale), le regole si applicano agli altri, se riesci a rispettarlo, allora va tutto bene. La stessa arroganza si applica ad altre scorrettezze ministeriali e ai rapporti con i donatori di partito.

Questo atteggiamento si riflette anche in una serie di ruoli pagati ma ambigui di Whitehall, in particolare l’amante di Hancock come direttore non esecutivo del dipartimento della salute. Allora è troppo arbitrario assegnare appalti agli alleati.In pandemia non si possono applicare le solite regole, ma il disprezzo per il processo si concentra in una E-mail di Cummings Chiedere 530.000 sterline per un progetto: “Nessun acquisto, nessun avvocato, nessun incontro, per favore non rimandare, invialo immediatamente”.

Molti partiti conservatori hanno salutato questa distruzione burocratica come un’arma contro l’inerzia di Whitehall. Tuttavia, non è possibile rilasciare fondi per capriccio di consulenti. Questa strada si è conclusa con sprechi e frodi.Alcuni amici hanno convinto Johnson a usare Sondaggio del consiglio di amministrazione Entra nello scandalo Greensill e nell’imminente revisione del comitato per gli standard per risolvere i problemi futuri in anticipo. Johnson non è desideroso di cedere il potere ad agenzie esterne, ma regolamenti ministeriali e Whitehall più chiari possono proteggerlo dalla negligenza.

Quando Johnson è in disparte, il suo disprezzo per la moderazione non sembra rappresentare una minaccia. Ma man mano che le scelte economiche diventano più difficili e la buona volontà svanisce gradualmente, scoprirà improvvisamente che le critiche che ha spazzato via da lui continuano.

Questo non dovrebbe essere esagerato. I suoi membri del Congresso pensano ancora che sia il vincitore, l’opposizione è debole e i sostenitori hanno digerito e persino apprezzato il suo stile di cavaliere. Ma questa settimana ci ricorda che la tolleranza non è illimitata. Nessun governo può eludere all’infinito, sembra che pensi che le regole siano per i piccoli.

L’incapacità di Johnson di stabilire standard e regole è nei suoi geni, ma questa è un’ulcera sulla spina dorsale del suo governo. Non trattata, può portare a cattiveria, arroganza e sotto-consegna. Quando arriva il vecchio nemico, nessuno può dirlo senza preavviso.

robert.shrimsley@ft.com



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *