La Casa Bianca accusa a Reuters gli hacker russi di aver hackerato lo staff di JBS


© Reuters. Immagine del file: Panoramica della fabbrica di carne di maiale JBS USA Worthington in Minnesota, Stati Uniti, il 28 ottobre 2020. REUTERS/Bing Guan/File foto/File foto

Autori: Nandita Bose e Tom Polansek

WASHINGTON/CHICAGO (Reuters)-I dipendenti di JBS SA sono tornati mercoledì all’impianto di lavorazione della carne negli Stati Uniti, dove l’attività di carne bovina dell’azienda è stata interrotta a causa di un attacco ransomware un giorno fa.

Una fonte che ha familiarità con la questione ha affermato che un famigerato gruppo di hacker legati alla Russia era dietro l’attacco informatico a JBS, che ha interrotto la produzione di carne in Nord America e Australia.

La JBS brasiliana controlla circa il 20% della capacità di macellazione di bovini e suini negli Stati Uniti, quindi le fabbriche che hanno iniziato a riaprire dovrebbero prevenire gravi interruzioni della catena di approvvigionamento, anche se non è chiaro quando tutte le fabbriche riprenderanno le normali operazioni.

Funzionari della U.S. Food and Commercial Workers’ Union (UFCW) International Union, che rappresenta oltre 25.000 lavoratori del confezionamento di carne JBS, hanno affermato che la fabbrica dovrebbe riprendere la piena produzione nei prossimi giorni.

JBS, il più grande trasformatore di carne al mondo, ha dichiarato martedì sera di “aver compiuto progressi significativi nell’affrontare gli attacchi informatici”. Secondo una dichiarazione, gli stabilimenti “più” di manzo, maiale, pollame e alimenti preparati della società inizieranno le operazioni mercoledì.

Il mese scorso, un’organizzazione collegata alla Russia ha lanciato un attacco informatico al più grande oleodotto coloniale degli Stati Uniti, che ha interrotto la fornitura di carburante negli Stati Uniti sudorientali per diversi giorni.

Questo è il terzo grande attacco relativo alla Russia quest’anno.Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto mercoledì che gli hacker di JBS dovrebbero essere discussi in un vertice con il presidente russo Vladimir Putin a metà giugno.

“In termini di come rispondiamo, non cancelleremo alcuna opzione, ma ovviamente c’è un processo di revisione della politica interna per considerare questo, e abbiamo anche un contatto diretto con i russi per esprimere i nostri rapporti su questi”, ha aggiunto Psaki.

“Il presidente Biden crede certamente che il presidente Putin e il governo russo possano svolgere un ruolo nella prevenzione e nella prevenzione di questi attacchi”.

Secondo le fonti, il nome del gruppo informatico russo è REvil.

Gli investigatori della sicurezza informatica hanno precedentemente affermato di ritenere che alcuni membri del team di ransomware REvil si trovino in Russia. Questa prolifica organizzazione di ransomware potrebbe essere nota per aver attaccato un fornitore di Apple Inc (NASDAQ:) chiamato Quanta Computer all’inizio di quest’anno, dopo aver precedentemente pubblicato informazioni in russo sui forum di criminalità informatica per commercializzare dati rubati.

Nel caso del computer Quanta, l’hacker ha lanciato una minaccia di ricatto e ha chiesto alla società di pagare 50 milioni di dollari per riottenere l’accesso al suo sistema.

Negli ultimi anni, il ransomware si è evoluto in un problema urgente di sicurezza nazionale. Molte bande, molte delle quali di lingua russa, hanno sviluppato software per crittografare i file e quindi richiedono che le chiavi vengano pagate in valuta crittografata in modo che il proprietario possa decifrarle e riutilizzarle.

Scramble per manzo

L’attività nordamericana di JBS ha sede a Greeley, in Colorado, e vende carne bovina e suina con il marchio Swift e rivenditori come Costco Wholesale (NASDAQ:) vendono filetto e filetto di maiale.

Con l’aumento delle importazioni cinesi, l’aumento dei costi dei mangimi e la chiusura di molti impianti di lavorazione della carne negli Stati Uniti dall’epidemia di COVID-19, i macelli hanno dovuto far fronte alla carenza di manodopera e i prezzi di carne bovina e suina negli Stati Uniti sono aumentati.

Altin Kalo, economista di Steiner Consulting Group, ha dichiarato: “I prossimi giorni potrebbero essere molto nervosi, perché anche se (JBS) iniziano ad aprire oggi, chissà come funzioneranno”. . ).”

Secondo le stime del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, mercoledì la macellazione di bovini dei trasformatori di carne americani è diminuita del 12,5% rispetto a una settimana fa e dell’8% rispetto a un anno fa, ma la macellazione è aumentata di circa il 12% da martedì.

JBS possiede anche la maggioranza delle azioni di Pilgrim’s Pride (NASDAQ:) Co, un’azienda di lavorazione del pollo che vende pollo biologico con il marchio Just Bare.

JBS ha dichiarato che le operazioni della società in Brasile, Messico e Regno Unito non sono state interessate dall’attacco.

I rappresentanti del sindacato UFCW Local 7 hanno dichiarato che mercoledì JBS ha annullato il turno mattutino presso la sua fabbrica di carne bovina a Greeley, ma il programma per i turni successivi è ripreso normalmente. Il dipartimento per la sicurezza della fabbrica ha anche affermato che il secondo turno sta funzionando.

Una fabbrica di carne di manzo JBS a Grand Island, nel Nebraska, ha detto ai suoi dipendenti su Facebook (NASDAQ :) che riprenderà i normali orari per tutti i reparti.

I futures sul bestiame del Chicago Mercantile Exchange (CME) sono aumentati mercoledì dopo essere scesi martedì perché la chiusura dello stabilimento JBS ha impedito agli allevatori di inviare il bestiame al macello.

L’attacco ha attirato l’attenzione sull’industria della carne bovina concentrata negli Stati Uniti: quattro società, tra cui JBS, hanno macellato oltre l’80% del bestiame e la chiusura del macello ha gravemente colpito i prezzi che gli allevatori pagano per il loro bestiame.

“Il Dipartimento di Giustizia deve studiare seriamente l’industria della lavorazione della carne. Se non può, il Congresso deve approvare riforme per proteggere un mercato del bestiame equo e aperto”, ha affermato il senatore degli Stati Uniti Minnesota, guidato dal repubblicano del South Dakota Mike Langz e dalla democratica Tina. Smith, lo stato ha scritto in una lettera al procuratore generale Merrick Garland.





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *