La Casa Bianca afferma che le bande criminali russe potrebbero aver violato il fornitore di carne JBS


La Casa Bianca ha dichiarato che un’organizzazione criminale con sede in Russia era la fonte dell’attacco ransomware, che ha interrotto il massacro di animali di JBS. Dopo essere stata informata dal più grande trasformatore di carne del mondo, la Casa Bianca ha dichiarato di aver minacciato la fornitura di carne bovina a causa della riduzione delle operazioni. declino e aumento della tratta. prezzo.

JBS, con sede a San Paolo, ha subito attacchi informatici ai suoi sistemi nordamericani e australiani negli ultimi due giorni, causando l’interruzione del lavoro di migliaia di dipendenti.

L’azienda ha licenziato 7.000 lavoratori nei macelli australiani che dipendono fortemente da lavoratori temporanei, mentre Canada e Stati Uniti hanno cancellato turni di almeno 3.000 lavoratori.

Questo incidente è stato scoperto per la prima volta domenica, e questo è l’incidente più recente. Una serie di attacchi informatici Il mese scorso, mirando alle aziende che svolgono un ruolo importante nell’economia, compreso il ransomware, ha bloccato il flusso del gasdotto delle colonie, un’importante arteria di carburante sulla popolosa costa orientale degli Stati Uniti.

Poiché i conducenti erano preoccupati per la carenza di benzina durante la chiusura della colonia, l’attività agricola ha fatto preoccupare le persone per JBS. “Poiché JBS controlla circa il 20% della lavorazione della carne negli Stati Uniti, un simile attacco alla sicurezza potrebbe avere un impatto significativo sul nostro approvvigionamento alimentare nazionale”, ha affermato la National Farmers Union degli Stati Uniti. Su Twitter.

La portavoce Karine Jean-Pierre ha detto martedì che la Casa Bianca “ha contattato direttamente il governo russo su questo tema e ha trasmesso il messaggio che il paese responsabile non nasconderà i criminali ransomware”.

Jean-Pierre ha aggiunto che l’FBI sta indagando sull’attacco e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha incaricato il governo di studiare modi per alleviare le interruzioni delle forniture.

JBS ha affermato che quando ha stabilito che era l’obiettivo di un attacco informatico organizzato, ha intrapreso un’azione immediata, inclusa la sospensione del sistema interessato e la notifica alle autorità. L’organizzazione ha affermato che l’attacco ha colpito diversi server che supportano i suoi sistemi informatici australiani e nordamericani.

“L’azienda attualmente non è a conoscenza di alcuna prova che i dati di clienti, fornitori o dipendenti siano stati compromessi o utilizzati in modo improprio a causa di questa situazione. Ci vorrà del tempo per risolvere l’incidente, il che potrebbe ritardare alcune transazioni con clienti e fornitori”. Ha detto JBS.

Lo stabilimento ha annunciato su Facebook che negli Stati Uniti lo stabilimento di carne bovina dell’azienda a Cactus City, in Texas, è stato chiuso martedì. I rappresentanti dei sindacati hanno affermato che anche lo stabilimento di carne bovina dell’azienda a Greeley, in Colorado, il più grande macello degli Stati Uniti, è stato cancellato.

La sospensione ha indotto il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti a posticipare il rapporto sui prezzi del bestiame e della carne per motivi di “problemi che presentavano i confezionatori”.

Persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che JBS ha annullato il sistema di turni in una fabbrica di carne bovina a Brooks, Alberta, ma non ha detto quando sarebbe stata in grado di riprendere la lavorazione di bovini, suini e ovini in 47 fabbriche in Australia.

Matt Journeaux, un funzionario dell’Australian Meat Industry Employees Union, ha detto che il personale di JBS è arrivato sul posto di lavoro lunedì mattina e gli è stato detto che era stato costretto a dimettersi a causa dell’attacco.

“Questo influenzerà la produzione alimentare. Dipende solo dalla durata della chiusura. JBS esporta circa il 60% dei suoi prodotti trasformati, quindi alcuni clienti d’oltremare possono imballare leggermente”, ha detto.

Il prezzo dei futures sul bestiame è sceso perché il mercato si aspettava che il bestiame fosse molto ricercato al di fuori del macello.Il contratto benchmark di Chicago è sceso di quasi il 4% martedì.

L’industria della lavorazione della carne si affida a software e sistemi IT per tracciare e classificare gli animali e mantenere i registri per conformarsi agli standard normativi.

Dalmo Veras, CEO dell’organizzazione brasiliana per la sicurezza informatica 313X, ha dichiarato: “Questi tipi di attacchi sono più normali di quanto pensiamo e i peggiori tipi di attacchi ci sono persino sconosciuti”.

Gli altri reportage di Emiko Terazono a Londra





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *