La Corte Suprema del Sudafrica ordina l’incarcerazione di Jacob Zumama


La Corte suprema sudafricana ha condannato l’ex presidente Jacob Zuma a 15 mesi di carcere per oltraggio alla corte per aver violato l’ordine di partecipare a un’indagine sulle accuse di corruzione durante la sua presidenza.

La Corte Costituzionale ha affermato in una nota che “l’unica sanzione adeguata è la reclusione diretta e non sospesa” per un periodo di 15 mesi. un giudizio Martedì. È la prima volta nella storia del Paese che un ex presidente viene condannato al carcere.

Zuma, 79 anni, deve consegnarsi alla polizia entro cinque giorni. La corte ha affermato che se non lo fa, la polizia deve “prendere tutte le misure necessarie” per garantire la sua reclusione. Zuma di solito vive nella sua fattoria a Encandela, un villaggio rurale nel KwaZulu-Natal.

La sentenza della corte è stata accolta con favore dagli attivisti della società civile, che l’hanno considerata un momento critico per la democrazia del Sudafrica. L’African National Congress al governo ha invitato i suoi “membri a mantenere la calma”. Zuma ha guidato il partito per quasi dieci anni e ha ancora sostenitori all’interno dell’ANC.

Questo caso è considerato un test importante per la giustizia e le indagini. La corte ha dichiarato che Zuma “cerca di ignorare, minare e minare completamente lo stato di diritto in molti modi”.

Ha scoperto che Zuma ha sfidato la corte e ha dichiarato che stava rispondendo a “una serie di attacchi diretti e sforzi pianificati e insidiosi” [Zuma] Corrompere la sua legittimità e autorità”. Ha aggiunto: “Il potere della giustizia è messo alla prova. .. Il processo giudiziario non è mai stato così minacciato. “

L’ex presidente ha ignorato l’ordine della Commissione d’inchiesta sulla corruzione di comparire in tribunale e Raymond Zondo, vice capo della giustizia e capo delle indagini del Sudafrica, ha cercato di andare in prigione per il suo disprezzo.

Indagine a lungo termine Ha indagato sulle accuse secondo cui Zuma ha aiutato la famosa famiglia di affaristi Guptas a ottenere contratti statali e determinare le politiche.Questo è noto come lo scandalo “cattura dello stato”. Gupta e Zuma hanno negato di aver commesso illeciti.

Zuma è stato costretto a dimettersi a causa di uno scandalo di corruzione nel 2018 e l’indagine è diventata uno dei segni più potenti degli sforzi di pulizia del successore di Zuma, Cyril Ramaphosa, e dei suoi limiti e intorpidimento.

Decine di testimoni hanno accusato l’ex presidente di corruzione sistemica, compresa la manipolazione di nomine e contratti ministeriali per sostenere l’impero economico della famiglia di origine indiana.

Zuma ha fatto una breve apparizione prima dell’indagine del 2019, negando il coinvolgimento nella corruzione e affermando che la persona che lo accusava faceva parte di un “Kick me out of the scene” sponsorizzato dall’Occidente.

Ma la volta successiva che si è presentato, ha rifiutato di rispondere alle domande e ha scioperato, senza tornare al banco dei testimoni.

L’ex presidente ha anche rifiutato di contattare la Corte costituzionale. “Non è la nostra legge che sto violando, ma alcuni giudici senza legge che hanno lasciato posizioni costituzionali per convenienza politica”, ha detto Zuma, riferendosi ai giudici di Zondo e alla Corte costituzionale.

Lawson Naidu, segretario esecutivo del Consiglio per la promozione della costituzione sudafricana, ha affermato che il disprezzo di Zuma non ha lasciato scelta alla corte. Questo è un “grande giorno per il governo costituzionale del Sudafrica e per lo stato di diritto”. .. Questa è una vera affermazione dei principi fondamentali del nostro Paese democratico. “

Zuma era un prigioniero nella famigerata prigione dell’apartheid a Robben Island e capo del dipartimento di intelligence dell’ANC durante la lotta anti-apartheid.Ha detto che avrebbe preferito affrontare il carcere piuttosto che seguire gli ordini di tornare per le indagini.

William Gumede, presidente della Democratic Engineering Foundation, ha affermato che anche così, Zuma e il suo team legale “credono che sarà condannato alla libertà vigilata” piuttosto che andare in prigione. “Cercherà di trasformarlo in un martirio”, ma “questo è uno shock per lui”, ha detto.

Gumed ha affermato che questa sentenza invierà un segnale forte che anche i dirigenti più anziani dell’ANC non sono irremovibili. “La gente sta tremando ora… Se l’ex presidente ha ancora un potere considerevole nel paese, puoi andare in prigione… Se sei un funzionario di livello inferiore, arriverà il tuo giorno”, ha detto Gumed.

“Tracciare una linea per lo stato di diritto in Sudafrica è una sentenza assolutamente importante”, ha affermato, elogiando la Corte costituzionale come “l’ultima frontiera e l’ultima linea di difesa” per la democrazia in Sudafrica.

“Questo è un momento storico”, ha detto Karam Singh, capo dell’ufficio legale e investigativo dell’ONG anticorruzione Corruption Watch. “In Sudafrica, abbiamo visto per la prima volta che un ex capo di stato è stato direttamente condannato alla reclusione a tempo determinato”.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *