La domanda di importazione della Cina migliora le prospettive della cintura agricola degli Stati Uniti


La guerra commerciale di Donald Trump con la Cina ha fatto sì che gli agricoltori americani si affidassero ai fondi di soccorso del governo per sopravvivere. Ma la Cina è ora al centro di un’inversione delle sorti degli agricoltori, poiché il boom delle esportazioni e l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari hanno promosso la ripresa dell’economia agricola degli Stati Uniti.

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha dichiarato che quest’anno gli Stati Uniti esporteranno 37,2 miliardi di dollari di prodotti agricoli in Cina, guidati da soia, mais, noci, manzo, grano e pollame. previsioneQuesto importo rappresenta il 23% delle esportazioni agricole totali degli Stati Uniti stimate in 164 miliardi di dollari USA.

L’aumento della domanda in Cina, così come le restrizioni sull’offerta di mais e soia causate dalla siccità in Brasile, hanno contribuito a un’impennata della domanda globale. Prezzi del cibo, Che ha fornito ulteriore impulso agli agricoltori americani.

“Le cose sono davvero migliorate”, ha detto Mark Wilson, un coltivatore di mais di Tolone, Illinois. “Sembra piuttosto buono ora.”

Dopo che la Cina ha imposto tariffe punitive sui prodotti agricoli americani nel 2018 in risposta alle tariffe di Trump, gli agricoltori americani hanno ricevuto sussidi governativi senza precedenti. All’inizio del 2020, Pechino ha promesso di acquistare prodotti agricoli su larga scala nell’ambito di un accordo commerciale con gli Stati Uniti, ma è rapidamente scomparsa. La pandemia si è diffusa e ha indotto Washington a fornire più aiuti.

Pagamento del governo Promuovere il reddito agricolo netto degli Stati Uniti nel 2020 per raggiungere il livello più alto dal 2013, corretto per l’inflazione. Gli economisti del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti prevedono che il reddito diminuirà dell’8% nel 2021, poiché molti di questi pagamenti scompariranno. Ma il totale è di 111,4 miliardi di dollari, che sarà comunque superiore del 21% al reddito medio annuo dal 2000 al 2019.

I semi di soia vengono pressati in mangimi per suini e olio vegetale e sono stati storicamente la più grande esportazione di prodotti agricoli dagli Stati Uniti alla Cina.Ma anche la Cina è entrata nel mercato mais americano I dati del governo mostrano che 23,2 milioni di tonnellate sono state spedite o prenotate per l’anno di vendita che termina ad agosto, rispetto a meno di 200.000 tonnellate di cinque anni fa.

Questa primavera, i prezzi del mais e della soia erano vicini ai massimi storici, quando una grave siccità nell’estate del 2012 ha distrutto la produzione statunitense. Sebbene la stagione di crescita sia in anticipo, i meteorologi prevedono che i raccolti saranno sani quest’anno, consentendo agli agricoltori di utilizzare semi di soia che costano più di $ 15 per staio e mais che costano più di $ 6 per staio.

Dave Walton, un coltivatore di soia e mais dell’Iowa, ha dichiarato: “Le dispense sono solo cerotti per aiutarci a superare le difficoltà. Abbiamo sempre sperato di vedere questo tipo di domanda e questo tipo di prezzo”. “Abbiamo buone condizioni . Abbiamo appena piantato le colture nel terreno e ora sembra fantastico. Quindi c’è molto di cui essere grati”.

Il grafico a barre da miliardi di dollari mostra che le vendite di colture e bestiame hanno principalmente compensato il calo dei sussidi agricoli

Con l’escalation delle tensioni tra Washington e Pechino, le vendite alla Cina dalla cintura agricola degli Stati Uniti erano forti.L’amministrazione Biden nei giorni scorsi Dozzine annunciate Delle aziende cinesi hanno vietato agli investitori americani di entrare a causa di problemi di sicurezza nazionale e la maggior parte delle tariffe imposte da Trump sulle merci cinesi aderire a.

Scott Irwin, un economista agricolo presso l’Università dell’Illinois, ha affermato che le vendite continueranno a essere “una domanda da 64.000 dollari di cui tutti vogliono conoscere la risposta”. Ma ha aggiunto: “Non vedo alcun motivo per cui gli acquisti della Cina cambieranno in modo significativo, almeno a livello globale”.

Pechino si impegna per le importazioni Almeno 80 miliardi di dollari USA Nell’accordo commerciale con la Casa Bianca all’inizio del 2020, i prodotti agricoli americani da più di due anni. Ad aprile, l’impegno della Cina per il 2021 è indietro del 22%, ma sta “recuperando” Velocemente“Secondo il gruppo di pressione, la U.S. Farm Bureau Federation.

Joseph Glauber, l’ex capo economista del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, è riluttante ad attribuire la crescita delle vendite all’accordo commerciale preliminare. Ha sottolineato che il paese si è parzialmente ripreso dalla peste suina africana, che ha portato a una sostanziale riduzione della mandria di suini del paese, che è la forza trainante della domanda di cereali da foraggio.

“Non credo che questo sia un fenomeno temporaneo”, ha detto Glauber. “Penso che la Cina continuerà ad essere un importatore molto potente”.

La guerra commerciale iniziata nel 2018 ha causato alcuni problemi agricoli fare affidamento Informazioni sull’approvvigionamento in Cina. Il consulente dell’US Soybean Export Council, John Bizer, ha affermato che la diversificazione della domanda è un “obiettivo primario” e che le spese di marketing del settore sono concentrate principalmente nel sud-est asiatico, nel Nord Africa e nel Medio Oriente.

“Ora dipendiamo molto dalla Cina”, ha detto Bai Ze. “Ma, sai, i semi di soia cinesi sono anche fortemente dipendenti dal resto del mondo”.

L’Ufficio per l’agricoltura degli Stati Uniti ha dichiarato che non imporrà più sussidi a Washington. L’economista della federazione Veronica Nigh ha dichiarato: “Quando le cose migliorano, il nostro compito non è chiedere soldi o alleviare il dolore”, ma ha aggiunto che se le esportazioni in Cina “andassero a sud”, gli agricoltori potrebbero aver bisogno di nuovo di aiuto.

In Iowa, Walton è cautamente ottimista: “Vedremo sicuramente un aumento dei profitti. Non sarà una grande manna o un diamante, ma sarà redditizio per un po’ di tempo”.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *