La Germania non è riuscita a ridurre il pericoloso inquinamento atmosferico, le regole della Corte di giustizia europea


La Germania è stata condannata dalla Corte di giustizia europea per non aver risolto il problema dell’inquinamento atmosferico nella sua città più grande. La sentenza sarà consegnata alle fabbriche dei Verdi entro quattro mesi. elezioni nazionali.

La Corte Suprema dell’Unione Europea ha affermato che tra il 2010 e il 2016, 26 delle 89 regioni valutate (comprese città come Berlino, Colonia e Monaco di Baviera) hanno “sistematicamente e continuamente” superato il biossido di gas prodotto dai motori diesel in Germania. NO2). .

La dura condanna riflette la nuova volontà della corte di sollecitare maggiori azioni a favore dell’ambiente.Il mese scorso, a Royal Dutch Shell Royal Riduci le emissioni di anidride carbonica più velocemente di quanto pianificato dalla compagnia petrolifera. Ad aprile, la Corte costituzionale tedesca Richiesta di modifica della legge tedesca sul cambiamento climatico.

Il capo del gruppo tedesco di azione per l’ambiente (DUH), Jürgen Resch, ha descritto la decisione della Corte di giustizia europea come “schiacciata rumorosamente sui lobbisti del diesel sulla panchina del governo” e ha affermato che “per più di un decennio, la Germania ha sistematicamente e deliberatamente rotto diritto europeo”.

Per molto tempo, il miglioramento della qualità dell’aria in Europa è stato un importante obiettivo dell’Unione Europea. L’Agenzia europea dell’ambiente ha citato i dati ufficiali per dimostrare che quasi tutti gli europei sono ancora colpiti dall’inquinamento atmosferico, che ogni anno provoca circa 400.000 morti premature in tutto il continente europeo.

Le grandi città tedesche lavorano duramente da molti anni per risolvere il problema delle alte concentrazioni di biossido di azoto, causa principale delle malattie respiratorie. Nel 2018, Amburgo è diventata la prima metropoli tedesca a vietare i vecchi veicoli diesel come parte di uno sforzo per ridurre le emissioni.

I gruppi ambientalisti hanno anche vinto una serie di sentenze, ordinando a città come Berlino, Colonia, Stoccarda e Francoforte di vietare ai veicoli diesel di circolare nelle strade più trafficate.

La Corte di giustizia europea ha dichiarato che la Germania ha superato il limite orario in due regioni: Stoccarda e Reno-Meno, inclusa Francoforte. Secondo le normative UE, la media oraria di NO2 non deve superare i 200 microgrammi/m3, e non più di 18 volte in un anno, e la media annuale di NO2 non deve superare i 40 mg/m3.

Il Ministero dell’Ambiente ha dichiarato in una dichiarazione che la Germania ha notevolmente migliorato la qualità dell’aria nelle sue città negli ultimi anni: il biossido di azoto in 90 città ha superato il limite nel 2016, ma è sceso a 25 nel 2019 e solo a 6 nel 2020— -Anche se questo è in gran parte dovuto alle conseguenze della pandemia di coronavirus.

Ha aggiunto che i nuovi standard di emissione per i veicoli diesel garantiscono “veicoli più puliti sulla strada, non solo sulla carta”, osservando che il governo ha fornito ai comuni 1,5 miliardi di euro di finanziamenti per aiutarli a passare agli autobus elettrici.

Tuttavia, il tribunale che sta procedendo contro la causa per l’inquinamento atmosferico intentata dalla Commissione europea nel 2018 ha dichiarato che la decisione di giovedì significa che le azioni della commissione sono “pienamente” consentite.

Ha affermato che la Germania non aveva adottato misure appropriate dall’11 giugno 2010 e quindi “non ha adempiuto ai suoi obblighi”. Ha inoltre respinto l’argomento di Berlino secondo cui la “negligenza” di Bruxelles dovrebbe essere attribuita all’incapacità del comitato di proporre una legislazione efficace per limitare le emissioni di biossido di azoto dai veicoli diesel.

Le norme UE sull’omologazione dei veicoli “non possono esentare gli Stati membri dall’obbligo di rispettare i limiti UE. [air quality] Direttiva”, ha affermato la Corte di giustizia europea.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *