La Gran Bretagna lancia un programma di aiuti nazionali post-Brexit per sostenere l’industria


Il Regno Unito formulerà mercoledì un sistema di sovvenzioni nazionali post-Brexit più semplice e più “flessibile” e il governo utilizzerà il sistema per promuovere o sostenere industrie selezionate.

Il governo ha affermato che il nuovo sistema britannico sarà “basato su sussidi ammissibili, a condizione che i sussidi seguano il principio dell’intero Regno Unito: fornire un buon valore ai contribuenti britannici, ricevendo sussidi in modo tempestivo ed efficace”.

Il dibattito sugli aiuti di Stato è Fonte di attrito Durante la negoziazione dell’accordo commerciale Regno Unito-UE che è stato finalizzato lo scorso anno, Bruxelles ha spinto affinché le regole del Regno Unito fossero coerenti con l’UE per garantire “parità di condizioni”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha respinto queste richieste, ritenendo che la Gran Bretagna potesse adottare un metodo più rapido e meno burocratico per supportare le imprese che si adattano alle esigenze dell’economia britannica.

“Il nuovo sistema di sovvenzioni personalizzate del Regno Unito sarà semplice, flessibile e basato su principi di buon senso, senza eccessiva burocrazia”, ​​ha affermato il segretario al Commercio Paul Sculley.

L’Unione europea aveva sperato che il Regno Unito adottasse un’autorità di vigilanza statutaria che avesse il diritto di intervenire quando il governo proponeva di sovvenzionare le industrie, ma alla fine ha accettato un’autorità di vigilanza indipendente.

Il Regno Unito istituirà un “dipartimento di consulenza sulle sovvenzioni” all’interno dell’Autorità per la concorrenza e il mercato, che può solo consigliare se le sovvenzioni sono eque.

Le aziende che chiedono l’arbitrato, ad esempio perché ritengono che il governo abbia aiutato ingiustamente i loro concorrenti, dovranno chiedere un risarcimento attraverso i tribunali britannici.

Sebbene i ministri abbiano espresso osservazioni sull’eliminazione della burocrazia a Bruxelles, gli esperti affermano che la proposta britannica non equivale a sussidi gratuiti.

George Peretz QC, il principale avvocato specializzato in concorrenza di Monckton Chambers, ha affermato che l’istituzione di un dipartimento di consulenza sulle sovvenzioni all’interno del regolatore della concorrenza invierà un segnale positivo a Bruxelles che il Regno Unito applicherà ancora le restrizioni alle sovvenzioni.

Nel sistema britannico, il sostegno statale sarà suddiviso in tre categorie: i sussidi controversi sono dichiarati “interessati”, e le situazioni forse anche più difficili sono considerate “particolarmente interessate”. Il resto si presumerà conforme ai principi stabiliti dalla normativa.

Gli esperti legali hanno affermato che non sarà chiaro come queste categorie siano definite e gestite con precisione prima che il governo pubblichi la legislazione completa e i relativi regolamenti.

James Webber, un partner dello studio legale Shearman & Sterling, ha affermato che il governo ha fatto bene a evitare di riformare il sistema di notifica obbligatorio dell’UE per gli aiuti di Stato al fine di creare un processo più snello.

Ha aggiunto: “Dovremo aspettare per vedere i dettagli, ma in linea di principio è saggio distinguere tra i due tipi di sussidi, purché il modo di farlo sia meno invadente del sistema Ue”.

Il sistema proposto, che sarà delineato nella nuova legislazione, potrebbe nuovamente indurre i governi decentralizzati scozzese e gallese a lamentarsi di ciò che dicono sia il sussidio per l’acquisizione del potere di Westminster dopo la Brexit.

I governi scozzese e gallese hanno affermato che in base alle precedenti leggi sul decentramento, il Regno Unito dovrebbe avere il controllo sulle politiche di aiuti di Stato dopo la Brexit: vogliono mantenere stretti legami con le regole dell’UE.

Tuttavia, secondo il piano del Regno Unito, ci sarà un sistema di controllo a livello del Regno Unito in base al quale il governo decentralizzato “avrà il diritto” di sovvenzionare le aziende che soddisfano la “serie di principi del Regno Unito”.

Sarà loro vietato farlo per indurre le aziende a trasferirsi da altre parti del Regno Unito.

Il segretario al Commercio Kwasi Kwarteng ha dichiarato che questi piani non saranno il “ritorno del governo al fallimento degli anni ’70” nel tentativo di “scegliere i vincitori” o salvare le società non sostenibili.

Sarà vietata la concessione di garanzie governative illimitate alle società e saranno vietati i sussidi alle società insolventi.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *