La Gran Bretagna spera di raggiungere un accordo commerciale con l’Australia dopo il G7


L’obiettivo del Regno Unito è quello di firmare il primo importante accordo commerciale post-Brexit con l’Australia poco dopo il prossimo vertice del G7, poiché un importante gruppo commerciale del Pacifico ha approvato formalmente la domanda del Regno Unito per avviare i negoziati.

Gli alti funzionari di Whitehall hanno dichiarato che i negoziati tra il Regno Unito e l’Australia sono in fase di completamento e un accordo provvisorio è stato “stilato” nella settimana successiva al vertice del G7 in Cornovaglia il 14 giugno. Il 12 giugno il primo ministro australiano Scott Morrison parteciperà a un raduno di leader occidentali come ospite del primo ministro britannico Boris Johnson.

Mercoledì, il Comprehensive Progress Agreement for the Trans-Pacific Partnership (CPTPP) ha approvato il Regno Unito per l’avvio dei negoziati, il che indica inoltre che l’accordo commerciale con l’Australia sta per essere finalizzato. Una persona vicina ai negoziati ha descritto l’accordo con Canberra come un “trampolino di lancio importante”, che è un membro fondatore del Gruppo degli Undici.

Un membro di spicco di Downing Street ha confermato che Morrison rimarrà nel Regno Unito per colloqui bilaterali con Johnson una settimana dopo la fine della riunione del G7.

Persone vicine hanno affermato di sperare che i leader dei due paesi accettino in linea di principio l’accordo anglo-australiano. Un funzionario ha dichiarato: “Tutti sperano che accada per allora”. Questo sarà il primo grande accordo commerciale dopo la Brexit. Non è una “estensione” dell’accordo esistente di cui gode il Regno Unito come membro dell’Unione europea.

La firma dell’accordo commerciale anglo-australiano sarà considerata il vangelo politico di Liz Truth, Segretario di Stato britannico per il commercio internazionale, e consoliderà la sua reputazione come una delle stelle nascenti del Partito Conservatore.Ma ha anche dei rischi politico Alcuni membri del gabinetto temevano che ciò avrebbe innescato una forte opposizione da parte degli agricoltori britannici, avvertendo che se ai loro omologhi australiani fosse concesso l’accesso esente da dazi al mercato britannico, ciò avrebbe causato gravi danni.

Secondo Conservative Home, un sito web favorito dalla base del partito, il 45enne è tra i migliori nelle sue classifiche. Rango Ha ricoperto la carica di ministro per quattro mesi consecutivi. Il sito web riporta che ha un punteggio di approvazione netto di 89 punti tra i suoi membri.

L’editore di ConHome, Paul Goodman, ha dichiarato: “È difficile per un membro come un ministro svolgere un ruolo in politica. Ma Leeds ha raggiunto un gran numero di accordi commerciali. Il fatto che quasi tutto questo sia stato invertito non esiste né esiste. Non esiste. non esiste.”

Segreti commerciali

Il “Financial Times” britannico ha rivisto “Trade Secrets”, che è la sua newsletter quotidiana imperdibile sul volto mutevole del commercio internazionale e della globalizzazione.

Registrati qui Scopri quali paesi, aziende e tecnologie stanno plasmando la nuova economia globale.

L’immagine crescente di Terrass e l’uso entusiasta dei social media hanno attirato l’attenzione di alcuni dei suoi colleghi, che alcuni la chiamano “autopromozione entusiasta”. Un altro partito conservatore di alto livello ha affermato che questo comportamento li ha portati a chiedersi se il Ministero del commercio internazionale debba essere ribattezzato “Ministero di Instagram Truss”.

Un alto funzionario della DIT ha avvertito che la delicatezza delle questioni agricole significa che il Regno Unito non si affretterà a raggiungere un accordo con l’Australia. “Siamo nella fase finale, ma uno dei punti critici è l’agricoltura”, ha detto la persona. “Se devi posticipare una transazione per raggiungere la transazione giusta, allora così sia.”

Le persone che hanno familiarità con i negoziati hanno affermato che il periodo di transizione per l’introduzione di nuove condizioni commerciali è un altro punto critico. “L’Australia è riluttante ad aspettare 10 o 15 anni per attuare l’accordo”, ha affermato un alto funzionario britannico.

Il grafico a barre delle principali esportazioni del Regno Unito in Australia nel 2019 (milioni di dollari USA) mostra il commercio tra il Regno Unito e l'Australia

Nonostante la fanfara di Truth, l’accordo di libero scambio con l’Australia ha avuto scarso impatto sull’economia britannica. Le stesse stime del governo indicano che aumenterà il PIL da un ulteriore 0,01% allo 0,02% entro 15 anni.

Nei 12 mesi fino a marzo 2021, il Regno Unito ha esportato circa 4,5 miliardi di sterline di merci in Australia, 139 miliardi di sterline nell’UE e 45 miliardi di sterline negli Stati Uniti.

Le esportazioni di servizi nel 2020 sono leggermente superiori, a 5,4 miliardi di sterline. Ma le esportazioni totali di beni e servizi dello scorso anno rappresentavano ancora solo l’1,7% delle esportazioni totali del Regno Unito, rendendo l’Australia la 14a destinazione di esportazione per il Regno Unito. Nel 2020, i beni e i servizi australiani hanno rappresentato meno dell’1% delle importazioni totali del Regno Unito.

Come la transazione australiana, Truss è entusiasta perseguito I membri del CPTPP, che includono economie in rapida crescita come Messico, Malesia e Vietnam, e attori regionali maturi come Giappone, Australia, Nuova Zelanda e Canada, sono l’agenda “Global Britain” post-Brexit dell’amministrazione Johnson.

L'istogramma della quota delle esportazioni di merci del Regno Unito, per destinazione (%) mostra che il commercio tra il Regno Unito e i paesi CPTPP è inferiore al commercio con l'UE e gli Stati Uniti

Il Regno Unito si è mosso rapidamente e ha presentato una domanda di adesione all’UE entro poche settimane dal periodo di transizione della Brexit terminato a dicembre.

Dan Tehan, il ministro australiano del commercio, ha accolto con favore l’inizio dell’ingresso della Gran Bretagna nei negoziati. Ha detto su Twitter: “Aderendo a un’economia ambiziosa e di alta qualità, il peso economico e strategico del ‘CPTPP’ sarà rafforzato”.

Truss ha affermato che è “una buona notizia” che il processo di adesione sia iniziato, descrivendo il CPTPP come una “zona di libero scambio vivace”. Truth ha aggiunto che il piano britannico sarà presentato al Parlamento prima dell’inizio dei negoziati formali.

L'istogramma della somma mobile di 12 mesi (miliardi di sterline) mostra che le esportazioni del Regno Unito verso i paesi CPTPP sono dominate da Canada e Giappone

Oltre a fissare gli obiettivi negoziali dei negoziati CPTPP, il governo intende anche emettere una valutazione dell’impatto economico dell’adesione della Gran Bretagna all’Unione europea.

Professor Michael Gasiorek, Direttore dell’Osservatorio sulla politica commerciale del Regno Unito, Università del Sussex avvertimento “Il potere contrattuale qui è principalmente nelle mani dei paesi CPTPP e il mercato del Regno Unito non è molto importante per loro”.

Ha inoltre sottolineato che nei negoziati bilaterali il Regno Unito può ottenere un accordo migliore rispetto alle numerose eccezioni di servizio nel CPTPP, concludendo che “in generale… i vantaggi economici dell’adesione del Regno Unito al CPTPP non sembrano essere alto.” .

Nei 12 mesi terminati a marzo 2021, le esportazioni di merci del Regno Unito verso 11 membri del CPTPP hanno raggiunto un valore di 25 miliardi di sterline, pari all’8% delle esportazioni totali di merci del Regno Unito e oltre cinque volte le esportazioni verso l’UE.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *