La Lituania afferma che la Bielorussia ha “armato” l’immigrazione illegale


Secondo i ministri degli esteri degli Stati baltici, la Bielorussia sta “armando” gli immigrati spostando gli immigrati illegali dall’Iraq e dalla Siria attraverso il confine verso la Lituania.

Gabrielius Landsbergis ha dichiarato al “Financial Times” britannico che la Bielorussia offriva agli immigrati un pacchetto di offerte da agenzie di viaggio statali (compresi voli da Baghdad o Istanbul e viaggi verso il confine lituano) per indurre gli immigrati a partecipare ad “attacchi misti contro Europa.”

Finora quest’anno, il numero di migranti che hanno attraversato il confine dalla Bielorussia detenuti in Lituania è quasi raddoppiato rispetto ai tre anni precedenti.

“Questo è un immigrato armato diretto contro la Lituania. Il motivo? È facile da indovinare. Parliamo, proteggiamo il principale leader dell’opposizione [from Belarus]”, ha detto Landsbergs lunedì.

La Lituania è stata Alta allerta Dal mese scorso, la Bielorussia ha costretto un aereo Ryanair ad atterrare da Atene a Vilnius, e poi ha arrestato un certo numero di famosi dissidenti Roman Protasevich che sono morti nei paesi baltici.

Presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko Il mese scorso ha minacciato che con l’aumento delle tensioni con l’Occidente, il suo paese potrebbe allentare alcuni dei suoi confini. “Abbiamo fermato la droga e l’immigrazione, ora mangi e ti riprendi”, ha avvertito in un discorso al parlamento bielorusso.

Landsbergis ha affermato che Tsentrkurort, l’agenzia di viaggi statale della Bielorussia, utilizza aerei Boeing 777 per trasportare i migranti e ha affermato che attualmente ci sono 1.000 iracheni e siriani a Minsk.

Al 14 giugno, la Lituania aveva intercettato 387 migranti al confine con la Bielorussia, rispetto ai 74 dell’anno scorso. “Qui è dove potrebbe andare a testare questo paese, testando l’Europa”, ha aggiunto.

Il ministero degli Esteri bielorusso non ha risposto a una richiesta di commento, né lo ha fatto Tsentrkurort.

Vlanak Vyakorka, un consigliere del leader dell’opposizione bielorussa Svyatlana Zihanusskaya, anche lui in Lituania, ha affermato che l’approccio di Lukashenko non è stato sorprendente.

“Il lavoro di Lukashenko ora è quello di vendicarsi”, ha detto al Financial Times. “Ma le sue possibilità di vendetta sono così limitate che cerca di creare qualche problema alla frontiera perché questa è la sua unica merce di scambio”.

Landsbergis ha definito la Lituania “un paese di combattenti per la libertà” e ha affermato che presto avrebbe avuto bisogno dell’aiuto di altri paesi europei per affrontare i problemi dell’immigrazione. Vilnius è già in trattative con la Turchia, membro della NATO, per rafforzare i controlli alle frontiere e di identità.

Ha aggiunto che dopo che l’aereo Ryanair è stato “dirottato”, la Lituania non ha escluso la Bielorussia dall’intraprendere alcuna azione, incluso prendere di mira i dissidenti bielorussi nei paesi baltici.

“Ora siamo in una posizione in cui dobbiamo considerare tutto. [Lukashenko] Ha attraversato la linea rossa molto tempo fa. Dobbiamo essere molto vigili”, ha detto Landsbergs. Ma ha aggiunto che la Lituania non cambierà la sua politica esplicita nei confronti del regime di Lukashenko.

Ci sono state precedenti accuse da parte dello Stato”armamento“Immigrazione, ad esempio, nel 2015-16, migliaia di migranti, principalmente dalla Siria, hanno attraversato il confine del circolo polare artico dalla Russia alla Norvegia o alla Finlandia. bicicletta O in un’auto scassata.

“Hanno testato metodi, hanno testato metodi e ora li stanno trasformando in armi”, ha affermato il ministro degli esteri lituano.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *