La Nigeria impedisce a Twitter di accedere alla rete mobile del Paese


Dopo che la società di social media ha cancellato un post del presidente Muhammadu Buhari che minacciava di reprimere violentemente i disordini nel sud-est, la Nigeria ha bloccato Twitter dalla sua rete mobile.

La stragrande maggioranza degli utenti di Internet nei paesi più popolosi dell’Africa utilizza i dati mobili per accedere a Internet.

Il ministro dell’Informazione Lai Mohamed ha dichiarato venerdì pomeriggio che il governo ha sospeso Twitter a causa dell'”uso continuo della piattaforma per attività che possono minare la sopravvivenza delle imprese nigeriane”.

Il sito è accessibile tutta la notte, ma entro il sabato mattina è possibile accedervi solo tramite banda larga fissa.

Secondo un rapporto di dicembre, circa 68 milioni di nigeriani hanno sottoscritto piani dati mobili, che di solito sono condivisi tra più utenti, un numero che fa impallidire il numero di persone che utilizzano la banda larga fissa Imparare Fornito dalla Banca Mondiale e dall’organizzazione commerciale degli operatori mobili GSMA.

Twitter ha affermato che sta indagando sulla sospensione “profondamente preoccupante” e fornirà un aggiornamento.

Alcuni mesi fa, Twitter ha scelto il vicino Ghana come primo ufficio africano, scavalcando la Nigeria, il più grande mercato del continente africano, come segno dell’ambiente imprenditoriale più rilassato del Ghana e del regime più volubile della Nigeria.

Il governo nigeriano ha proposto l’idea di regolamentare i social media, soprattutto dopo le diffuse proteste contro la brutalità della polizia lo scorso anno.

L’ultima mossa è dopo Twitter di mercoledì Elimina il tweet di Buhari Ha usato la brutale guerra civile della Nigeria alla fine degli anni ’60 come minaccia per gli autori della violenza nel turbolento sud-est del paese.

Il governo ha incolpato il gruppo separatista di indigeni del Biafra, bandito, per l’ondata di violenza nella regione, che includeva fughe drammatiche, l’incendio degli uffici elettorali e l’uccisione di agenti di polizia.

“Molte persone che oggi si comportano male sono troppo giovani per rendersi conto della distruzione e della perdita di vite che si sono verificate durante la guerra civile nigeriana”, ha scritto martedì Buhari in un post ora cancellato.

“Quelli di noi che hanno lavorato sul campo di battaglia per 30 mesi e hanno sperimentato la guerra li tratteranno in una lingua che capiscono”.

Twitter ha affermato che la dichiarazione ha violato la sua politica di abuso, che vieta “contenuti che sperano, sperano, promuovono, incitano o esprimono il desiderio di morte, gravi lesioni fisiche o gravi malattie di un individuo o di un gruppo di persone”.

Buhari ha governato come dittatore militare nei primi anni 1980. Ha partecipato alla guerra civile 1967-1970, nota anche come guerra del Biafra, e si stima che circa 1 milione di Biafra siano morti di fame.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *