La ripresa del mercato del lavoro negli Stati Uniti è forte; la carenza di lavoratori è un ostacolo Reuters


© Reuters. Foto del file: Il 23 giugno 2021, a Torrance vicino a Los Angeles, California, USA, dopo che le restrizioni sulla malattia da coronavirus (COVID-19) sono state revocate, Ray Liberge, uno chef di prima linea di 48 anni, ha partecipato al ristorante e personale alberghiero Fiere del lavoro tenute.Reuters/Lucy Nicholson

Lucia Muticani

Washington (Reuters)-Il numero di richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti è diminuito più del previsto la scorsa settimana e il numero di licenziamenti a giugno è sceso al punto più basso in 21 anni, indicando che il mercato del lavoro si sta riprendendo dal COVID -19 pandemia Migliorata.

Ma la carenza di volontari sta ostacolando il reclutamento e altri dati di giovedì hanno mostrato che gli indicatori di occupazione nelle fabbriche a giugno si sono contratti per la prima volta in sette mesi. L’Institute of Supply Management (ISM) ha dichiarato nella sua indagine sulle attività di fabbrica in tutto il paese che i produttori hanno dichiarato di “avere difficoltà a reclutare e trattenere manodopera diretta”, osservando che queste sfide “in tutta la catena del valore sono ancora la ragione principale per aumento del lavoro. ostacolo”. Crescere. ”

Un intervistato nel settore dei metalli primari ha affermato che “la mancanza di manodopera ci sta uccidendo”.

I dati sono stati diffusi venerdì prima della pubblicazione del rapporto sull’occupazione di giugno, che è stato seguito da vicino.Secondo un sondaggio di economisti di Reuters, il rapporto potrebbe mostrare che dopo un aumento di 559.000 a maggio, il numero di posti di lavoro non agricoli è aumentato di 700.000 il mese scorso. Il tasso di disoccupazione dovrebbe scendere dal 5,8% al 5,7%.

Poiché la vaccinazione contro il coronavirus ha reso possibile la riapertura, l’economia sta vivendo un’impennata della domanda e più di 150 milioni di americani sono completamente immuni.

Chris Rupkey, capo economista di FWDBONDS a New York, ha dichiarato: “Gli Stati Uniti hanno raggiunto un importante traguardo quando tornano al lavoro. Torna sotto la soglia dei 400.000. Ogni estate è la stagione di punta per il reclutamento e quest’anno non fa eccezione . “

Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha dichiarato che a partire dalla settimana del 26 giugno, il numero di richieste di sussidio di disoccupazione iniziale è diminuito da 51.000 a 364.000 dopo l’adeguamento stagionale. Questo è il numero più basso da marzo 2020, quando le attività non essenziali sono state costrette a chiudere per rallentare la prima ondata di infezioni da COVID-19.

Il miglioramento dei sinistri sembra essersi fermato a metà giugno. Sebbene il numero di richieste di sussidio di disoccupazione iniziale sia ancora superiore all’intervallo di 200.000-250.000 considerato in linea con un mercato del lavoro sano, è sceso dal record di 6,149 milioni di inizio aprile 2020.

Gli economisti intervistati da Reuters prevedono che ci saranno 390.000 domande nell’ultima settimana. Il numero di domande in Pennsylvania è diminuito drasticamente, invertendo l’impennata della settimana precedente. Lo stato ha aggiornato il suo sistema di archiviazione il mese scorso e questo cambiamento potrebbe causare fluttuazioni dei dati. Anche il numero di sinistri in California, Kentucky e Texas è diminuito drasticamente.

Grafico: Richieste di disoccupazione-https://graphics.reuters.com/USA-STOCKS/dgkplrlazpb/jobless-claims.png

Nelle prossime settimane, i dati sulle domande potrebbero diventare rumorosi, perché 25 stati sono principalmente governatori repubblicani che si ritirano dai programmi di disoccupazione finanziati dal governo federale, incluso un assegno di 300 dollari a settimana, e le aziende si lamentano che questo è per incoraggiare i disoccupati a rimanere a casa. La risoluzione anticipata inizierà il 5 giugno e durerà fino al 31 luglio. A quel tempo, la Louisiana è l’unico stato con un governatore democratico e terminerà le ispezioni settimanali.

Per il resto del paese, questi benefici scadranno il 6 settembre. Finora, non ci sono prove che il numero di candidati a un posto di lavoro nei 20 stati che hanno terminato i sussidi federali sia aumentato.

Un sondaggio condotto questa settimana dal motore di ricerca di lavoro Indeed https://www.hiringlab.org/2021/06/29/indeed-job-seeker-survey-june-2021 ha rilevato che sebbene la stragrande maggioranza dei disoccupati Quando ho iniziato a cercare per lavoro negli ultimi tre mesi, molte persone non hanno espresso un senso di urgenza. Ma aumentare i tassi di vaccinazione, ridurre i risparmi e iniziare la scuola in autunno sarà la chiave per riportarli nel mercato del lavoro.

Il rapporto sulla richiesta mostra che nella settimana terminata il 19 giugno, il numero di persone che hanno continuato a ricevere benefici dopo la prima settimana di assistenza è aumentato di 56.000 unità, raggiungendo i 3,469 milioni. A metà giugno, 14,7 milioni di persone hanno ricevuto benefici nell’ambito di tutti i programmi, poco meno di 14,8 milioni all’inizio di questo mese.

Le azioni di Wall Street sono per lo più in rialzo. Il dollaro è salito leggermente contro un paniere di valute. Il prezzo dei titoli del Tesoro USA è sceso.

Bracconaggio del personale

In un altro rapporto di giovedì, ISM ha dichiarato che il suo indice nazionale di attività delle fabbriche è sceso da 61,2 a maggio a 60,6 il mese scorso. Una lettura superiore a 50 indica l’espansione della produzione, che rappresenta l’11,9% dell’economia statunitense.

Una misura dell’occupazione in fabbrica si è contratta per la prima volta da novembre. L’azienda segnala assunzioni o tentativi di reclutamento. Timothy Fiore di ISM ha affermato che alcune persone hanno riferito che “il turnover del personale è dovuto alle dinamiche salariali del mercato”.

Grafico: PMI ISM-https://graphics.reuters.com/USA-STOCKS/nmopaxqdrva/ismpmi.png

Conrad DeQuadros, consulente economico senior di Brean Capital a New York, ha dichiarato: “La società sembra spendere soldi per rubare dipendenti ad altre società”.

La mancanza di servizi per l’infanzia a prezzi accessibili e la paura di contrarre il coronavirus sono stati anche attribuiti al fatto che i lavoratori (principalmente donne) siano tenuti a casa. Alla fine di aprile, c’erano un record di 9,3 milioni di posti di lavoro vacanti e 9,3 milioni di persone erano ufficialmente disoccupate a maggio.

Il terzo rapporto di Challenger, Gray & Christmas, un’agenzia di collocamento globale, ha mostrato che il numero di licenziamenti annunciati dai datori di lavoro statunitensi a giugno è sceso del 16,7% a 20.476, il livello più basso dal giugno 2000. Rispetto a giugno 2020, il numero di licenziamenti è crollato dell’88%.

Nel secondo trimestre sono stati licenziati 67.975 posti di lavoro, il livello più basso da aprile-giugno 1997. Nella prima metà di quest’anno, il numero di licenziamenti è sceso dell’87% a 212.661, il totale più basso dal 1995 a gennaio-giugno.

“Abbiamo visto il rimbalzo dell’elastico”, ha affermato Andrew Challenger, vicepresidente senior di Challenger, Gray & Christmas. “Durante un periodo di aperture record di posti di lavoro e di fiducia dei candidati molto alta, le aziende stanno trattenendo i propri dipendenti. Dal boom di Internet, non abbiamo visto licenziamenti così bassi”.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *