La sentenza di Facebook fa scattare richieste bipartisan per modifiche alla legge sulla concorrenza degli Stati Uniti


Dopo due tentativi epocali di dividere Facebook falliti, i membri anziani del Congresso hanno chiesto ancora una volta una riforma completa della legge sulla concorrenza degli Stati Uniti.

Critiche democratiche e repubblicane Decisione della Corte Federale Lunedì, la Federal Trade Commission ha respinto una denuncia contro le società di social media e un’altra denuncia da parte di singoli stati.

Alcuni hanno affermato che la sentenza indicava la necessità di riscrivere le norme antitrust e che sei dei principali progetti di legge miravano a Controlla la potenza della grande tecnologia Dibattito al Campidoglio.

Presidente Democratico del Comitato Antitrust del Senato Amy Klobuchar (Amy Klobuchar) Tweet“La sentenza spiega perché le nostre leggi antitrust devono essere aggiornate dopo anni di precedenti negativi. Non possiamo affrontare le sfide della moderna economia digitale razionalizzando le istituzioni e strumenti legali limitati”.

Ken Barker, il repubblicano più anziano del Comitato antitrust della Camera, ha dichiarato: “Il Congresso deve fornire ai nostri agenti antitrust strumenti e risorse aggiuntivi per rintracciare le grandi aziende tecnologiche impegnate in comportamenti anticoncorrenziali”.

Molti esperti si aspettano che la FTC avvierà nuovamente una causa contro Facebook dopo che un giudice federale avrà pronunciato la sentenza lunedì.

Il giudice James Boasberg di Washington, D.C. ha dichiarato in una severa sentenza Contenzioso della Federal Trade Commission degli Stati Uniti “Non è abbastanza legalmente” e l’agenzia federale “non ha presentato fatti sufficienti per dimostrare ragionevolmente” che Facebook ha il monopolio sul mercato dei social network.

“[W]Indipendentemente da ciò che significa per il pubblico, “potere monopolistico” è un termine artistico secondo la legge federale con un preciso significato economico: il potere di aumentare con profitto i prezzi o eliminare la concorrenza in un mercato adeguatamente definito”, ha scritto.

La FTC avrà 30 giorni per presentare un nuovo reclamo. Il regolatore ha dichiarato in una dichiarazione che “sta esaminando attentamente le opinioni e valutando le migliori opzioni per il futuro”.

Boasberg ha anche archiviato un caso simile composto da 46 stati e altre due giurisdizioni, guidati dal procuratore generale di New York Letitia James, sulla base del fatto che qualsiasi presunta violazione è avvenuta molto tempo fa. Il procuratore generale di New York sta riesaminando la decisione.

Dopo la notizia, le condivisioni di Facebook sono aumentate di oltre il 4% Un record A $ 357,36, il valore di mercato dell’azienda ha superato per la prima volta i $ 1.000 miliardi.

“Siamo molto lieti che la decisione odierna riconosca che le denunce del governo contro Facebook sono imperfette”, ha affermato il gruppo di social media, aggiungendo che Facebook “fa concorrenza leale ogni giorno per conquistare il tempo e l’attenzione delle persone”.

La decisione è stata una battuta d’arresto per i regolatori, loro La società è stata accusata nel dicembre dello scorso anno Comportamento anticoncorrenziale.

La Federal Trade Commission degli Stati Uniti ha dichiarato all’epoca che stava cercando sanzioni, inclusa la forzatura della separazione di Facebook da Instagram e WhatsApp, e l’acquisizione da parte del gigante dei social media di 1 miliardo di dollari nel 2012 e 19 miliardi di dollari nel 2014.

Ma la sentenza illustra specificamente le sfide affrontate da coloro che cercano di ridefinire le leggi antitrust statunitensi per l’era digitale, perché la legislazione discussa dai membri del Congresso renderà più facile citare in giudizio le grandi aziende tecnologiche.

Tradizionalmente, i regolatori hanno dimostrato che le aziende hanno abusato del potere di mercato mostrando come i gruppi aumentino ingiustamente i prezzi per i clienti.

Ma studiosi, come il famoso critico tecnologico su larga scala Lina Khan (Lina Khan) e Presidente della FTC appena nominato, Ritiene che le aziende possano abusare del loro potere di mercato senza addebitare alcuna commissione, riducendo i servizi o richiedendo ai clienti di fornire più dati personali.

“Il potere di Facebook è ovvio, ma qui abbiamo un giudice che indaga sui misteriosi dettagli che compongono il mercato”, ha affermato l’ex presidente della FTC William Kovac. “Sarà visto come un esempio esatto del motivo per cui dobbiamo cambiare la legge”.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *