La Spac di Bill Ackerman sta per acquistare una quota del 10% in Universal Music


Secondo persone che hanno familiarità con la questione, il miliardario degli hedge fund Bill Ackerman sta per raggiungere un accordo con Universal Music Group che la sua compagnia di assegni in bianco acquisirà una quota del 10% nella casa discografica dietro artisti come Lady Gaga e Cyndi Lauper.

L’accordo con Pershing Square Tontine Holdings, quotata a 4 miliardi di dollari l’anno scorso, porterà la valutazione di Universal a circa 40 miliardi di dollari.

Poiché gli investitori hanno reagito negativamente alle notizie di trading, le azioni delle società di Ackerman quotate alla Borsa di New York sono diminuite del 14% nel trading after-hour.

Persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che la società di acquisizione per scopi speciali di Ackerman, Spac, sta lavorando con i suoi consulenti per finalizzare i termini della transazione, che potrebbe richiedere giorni o settimane per essere completata.

Il mese scorso, Vivendi ha dichiarato che stava considerando di vendere una quota del 10% in Universal Music a un investitore americano anonimo. Il gruppo mediatico francese controllato dal miliardario Vincent Bolloré ha precedentemente venduto una quota del 20% di Global alla cinese Tencent.

Al momento di questa transazione, Vivendi stava cercando di spremere fondi da Universal Music, che è un bene prezioso che beneficia della ripresa del business musicale. Secondo le stime di Midia Research Research, Universal Music ospita band come The Beatles, Drake e Taylor Swift, ed è la più grande casa discografica del mondo, rappresentando quasi il 30% del mercato.

Ackerman ha lasciato intendere il mese scorso che potrebbe annunciare un accordo nelle prossime settimane. L’investitore ha dichiarato di aver elaborato la transazione dall’inizio di novembre, aggiungendo di essere “profondamente coinvolto” in una “firma, straordinaria e di grande impresa”. Ackerman disse all’epoca che la transazione comportava molta complessità.

Negli ultimi anni, il valore delle aziende musicali è aumentato vertiginosamente poiché i servizi di streaming audio come Spotify hanno rianimato le attività in difficoltà e hanno pagato miliardi di dollari in royalties a case discografiche tra cui Universal. Nel 2013, SoftBank ha proposto di acquisire Universal Music per soli 6,5 miliardi di euro.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *