La svendita post-profit di Micron rende attraente il prezzo del titolo – shareandstocks.com


Per ora, questo mercato è molto disposto a pagare il prezzo per le aziende che sono viste come una crescita elevata nel trend tecnologico a lungo termine. Ma stabilisce standard più elevati per le aziende tecnologiche che sono considerate giochi ciclici.

Forse questo crea alcune opportunità di acquisto in quest’ultimo gruppo di società.

Tecnologia micron (mu), Che è diminuito di oltre il 5% dal lancio Il suo rapporto trimestrale di maggio Il mercoledì pomeriggio è un buon esempio. Il gigante della memoria ha superato le aspettative – come previsto, aveva precedentemente previsto a fine maggio che le vendite avrebbero raggiunto o superato la fascia alta della sua precedente gamma di linee guida – e ha pubblicato le vendite trimestrali e mensili di agosto che erano completamente al di sopra del consenso. Ma alcuni commenti di Micron sui piani di spesa in conto capitale e sui venti contrari previsti per i costi chiaramente non stanno andando bene.

Nello specifico Micron prevede che la spesa in conto capitale sarà pari a circa il 30% dei ricavi nei prossimi anni (superiore alla precedente guidance per una bassa percentuale del 30%) perché ha acquistato litografia EUV Strumenti di ASML Holding (Asmer) Utilizzato nei processi di produzione di DRAM implementati nel 2024 e oltre. La società ha avvertito che i prossimi trimestri dovranno affrontare venti contrari sui costi di produzione legati all’inizio della produzione di DRAM 1-alpha e processi di produzione NAND 3D a 176 strati, nonché modifiche al mix di prodotti e costi di mitigazione del COVID.

Nessuna di queste cose avrà un impatto enorme sui guadagni di Micron nei prossimi anni. La spesa in conto capitale in percentuale delle entrate è aumentata solo leggermente e, una volta completata la transizione EUV, potrebbe ricadere. E le pressioni sui costi sembrano essere in larga misura a breve termine.

D’altra parte, Micron ha utilizzato i suoi rapporti, le chiamate in conferenza sugli utili e Guadagni in caloTra loro:

  1. Micron ha leggermente aumentato le sue prospettive di crescita della domanda di DRAM e NAND flash per l’intero anno, prevedendo che DRAM e NAND raggiungeranno un favorevole equilibrio tra domanda e offerta nel 2022.
  2. Poiché i prezzi spot della memoria e dei contratti sono ancora in aumento, Micron ha rivelato che il suo prezzo medio di vendita DRAM (ASP) è aumentato di circa il 20% nel trimestre di maggio rispetto al trimestre precedente e il suo NAND ASP è aumentato di un’alta percentuale a una cifra.
  3. La società è generalmente ottimista riguardo alle tendenze della domanda del mercato dei terminali, evidenziando la forza di segmenti di mercato come DRAM per server (guidati da forti spese in conto capitale per il cloud), prodotti automobilistici, memoria grafica e DRAM e SSD per PC.
  4. Sebbene a causa della transizione 1-alpha, i commenti sui costi di produzione e le indicazioni sulle spedizioni di bit DRAM siano pressoché invariati, Micron prevede che i ricavi e gli utili per azione del trimestre di agosto saranno facilmente superiori al livello del trimestre di maggio a causa della continua crescita dell’ASP.


Prospettive di domanda e offerta di DRAM e NAND di Micron nel 2021. Fonte: Micron.

Tutto sommato, la possibilità che l’attuale ciclo di crescita della memoria non si concluda almeno prima della metà del 2022 sembra buona, e da ora ad allora c’è stata una notevole quantità di crescita aggiuntiva dell’ASP. In particolare, a causa della carenza di vari chip e componenti non di memoria, vi è attualmente un gran numero di esigenze insoddisfatte in diversi mercati di terminali di memoria di grandi dimensioni (computer portatili, hardware di gioco, automobili, ecc.).

Con il rimbalzo degli utili di Micron e l’impegno dell’azienda a restituire almeno la metà del suo flusso di cassa libero attraverso riacquisti di azioni, rispetto al totale di 150 milioni di dollari del trimestre di maggio, i riacquisti potrebbero aumentare significativamente nei prossimi trimestri.

Ma da metà maggio, il mercato azionario ha mostrato un sentimento piuttosto spietato nei confronti della maggior parte delle materie prime e dei titoli ciclici (sia tecnologici interni che esterni) a causa del flusso costante di fondi in società considerate società di crescita a lungo termine, indipendentemente dai loro multipli come è. Pertanto, a causa dei commenti sulle spese in conto capitale e sui costi di produzione, le azioni di Micron sono diminuite per alcuni mesi e sono diminuite dopo gli utili, e ora vengono scambiate a meno di 7 volte l’utile per azione nell’anno fiscale 2022 (ad agosto 2022) Piano di riacquisto di Micron e come la domanda di memoria e l’ASP tenderanno verso l’inizio del 2022, il consenso di $ 11,56 sembra un po’ prudente.

A dire il vero, valutare un’azienda soggetta a fluttuazioni cicliche degli utili su larga scala non è facile come stabilire un rapporto P/E per i suoi utili per azione nel periodo di picco. Se qualcuno valutasse Micron in base agli utili per azione di $ 2,31 generati tra agosto 2019 e maggio 2020 durante l’ultimo ciclo di esaurimento della memoria, le sue azioni non sembrerebbero così economiche.

Penso che un modo approssimativo per valutare una società del genere sia utilizzare i dati relativi al fondo ciclico e al picco ciclico degli utili per azione per il quarto trimestre, calcolare il loro punto medio e assegnare un rapporto prezzo/utili a quel numero.

Per quanto riguarda Micron, se i suoi utili annuali per azione raggiungono un picco di $ 12,50 nel ciclo attuale, il nostro utile medio per azione è di $ 7,41. Se raggiunge un picco di $ 14,00, il punto medio sarà di $ 8,16. Assegnare un rapporto prezzo/utili di 15 a questi numeri comporterebbe valutazioni rispettivamente di $ 111 per azione e $ 122 per azione, ben al di sopra del prezzo di chiusura di venerdì di $ 80,33.

In questo caso, le azioni di Micron sembrano ancora a buon mercato, soprattutto considerando che (dopo l’adeguamento per la ciclicità) si prevede che i guadagni di Micron provengano da riacquisti, crescita stabile del consumo di memoria e (a causa del consolidamento del settore) crescita controllata dell’offerta di DRAM Benefici a lungo termine.

Nei prossimi 6-12 mesi, è improbabile che questo titolo generi rendimenti davvero epici dai livelli attuali. Ma penso che possa produrre del bene.E in questo contesto Aumento del rischio di inflazione, Il suo rischio/rendimento in quel lasso di tempo sembra molto migliore del rischio/rendimento che esiste ora in molti giochi di crescita a lungo termine.

leggi di più



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *