La task force del Regno Unito sollecita le riforme per promuovere le città e le industrie in rapida crescita


Una task force del governo britannico raccomanderà riforme normative complete alla City di Londra e al settore economico in rapida crescita, mentre i ministri cercano di liberare le imprese britanniche dalla burocrazia dell’Unione europea.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha formato un gruppo guidato dall’ex leader del partito conservatore Iain Duncan Smith (Iain Duncan Smith), la cui missione è “trovare opportunità” dopo la Brexit.

Un rapporto del gruppo di lavoro per l’innovazione, la crescita e la riforma della regolamentazione di Johnson raccomanderà di dare ai fondi pensione di New York una maggiore flessibilità per investire in piccole imprese in rapida crescita, in particolare società di tecnologia unicorno.

Una persona che ha familiarità con il rapporto ha affermato che dovrebbe proporre anche modifiche alla Mifid 2, che è la normativa dell’UE che disciplina i servizi finanziari.Alcuni dirigenti si sono lamentati che le regole sono troppo onerose e hanno benefici limitati.

Il rapporto raccomanderà riforme normative per promuovere gli investimenti in 10 aree in rapida crescita, tra cui le scienze della vita, la tecnologia agricola e le future fonti di carburante.

Il gruppo di lavoro è guidato da Duncan Smith e comprende l’ex segretario per le scienze biologiche George Freeman e l’ex segretario per l’ambiente Teresa Villiers.

Duncan Smith ha rifiutato di commentare, ma un funzionario del governo ha affermato che il rapporto del gruppo di lavoro inviato a Downing Street il mese scorso è stato “molto gradito”. Potrebbe essere rilasciato già la prossima settimana.

Molti Brexitists nel Partito Conservatore sperano che lasciare l’UE fornirà ai datori di lavoro britannici l’opportunità di ridurre la burocrazia di Bruxelles che colpisce i diritti dei lavoratori e l’ambiente.

Ma a gennaio i ministri abbandonato Dopo la forte opposizione dei sindacati e del partito laburista, il Dipartimento del Commercio ha riesaminato le norme sull’occupazione del Regno Unito (compresa la settimana lavorativa di 48 ore prevista dal diritto dell’UE).

Invece, Downing Street ha incaricato il Duncan Smith Working Group di trovare idee meno controverse che sfruttassero la libertà della Gran Bretagna di deviare dalle regole dell’UE dopo aver lasciato l’UE. È anche responsabile dello sviluppo di metodi per promuovere aree potenzialmente redditizie di futura crescita economica.

Negli ultimi mesi, Duncan Smith si è consultato con una serie di industrie: i leader aziendali hanno esortato a un approccio cauto alla deregolamentazione, piuttosto che al “falò” della burocrazia dell’UE.

Secondo le persone che hanno familiarità con la questione, il rapporto del gruppo di lavoro raccomanderà riforme pensionistiche, compreso l’allentamento delle regole, per rendere più facile per gli investitori istituzionali investire denaro in aziende più piccole.

Queste persone hanno affermato che ciò significherebbe che i fondi pensione americani hanno una quota molto più elevata di capitale proprio e privato, mentre gli equivalenti britannici sono più limitati.

Il rapporto raccomanderà anche modifiche alla normativa Mifid 2, che stabilisce regole rigide e spesso normative per migliorare i servizi e i mercati finanziari dopo la crisi bancaria del 2008.

Il gruppo di lavoro Duncan Smith sottolineerà la necessità di una supervisione più flessibile e mirata delle industrie in rapida crescita.

Una persona che ha ascoltato la sua relazione ha fatto un esempio di integratori alimentari: alimenti che fanno bene alla salute. Attualmente, tali prodotti possono essere tra la Food Standards Agency e la Drug and Health Products Regulatory Agency (agenzia di regolamentazione di alimenti e farmaci).

Il gruppo di lavoro proporrà inoltre di sostituire il cosiddetto principio di precauzione nella regolamentazione governativa — metodo prudente che di solito porta a una revisione a lungo termine — con il “principio di proporzionalità”, in cui le regole si limitano a quanto necessario per raggiungere gli obiettivi politici.

Le persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che questo cambiamento incoraggerà gli imprenditori a fare maggiori innovazioni.

Un portavoce del governo ha dichiarato: “Il primo ministro ha chiesto al gruppo di lavoro per l’innovazione, la crescita e la riforma della regolamentazione di studiare e proporre opzioni su come il Regno Unito possa utilizzare la nostra libertà normativa appena acquisita e stimolare la crescita, l’innovazione e la concorrenza dell’intera economia”. cogliere le opportunità al di fuori dell’UE. La relazione del gruppo di lavoro sarà pubblicata prossimamente. “



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *