La vita in un collegio canadese Reuters


5/5

© Reuters. L’8 giugno 2021, la Portage La Prairie Indian Boarding School a Portage La Prairie, Manitoba, Canada, è stata chiusa nel 1975. Sul monumento sono stati lasciati scarpe, giocattoli, caramelle, tabacco e fiori per bambini. REUTERS/Shannon VanRaes

2/5

Anna Mailer Papney

Toronto (Reuters)-Migliaia di bambini indigeni sono stati rapiti da carri trainati da buoi e autobus e portati in collegi canadesi gestiti principalmente dalla Chiesa cattolica. Vivevano uno stile di vita “paramilitare”, si alzavano presto per pregare e facevano la fila rigorosa. Aspettare e insistere con percosse regolari, ha detto il sopravvissuto.

Dopo che un’indagine radar ha trovato prove che i resti di 215 bambini sono stati sepolti in un’area non contrassegnata in un’area residenziale nel Canada occidentale, l’esperienza dei bambini indigeni è stata forzatamente separata dalle loro famiglie in base a una politica del governo in seguito chiamata genocidio culturale. di attenzione. La scuola è iniziata il mese scorso.

Il sistema ha funzionato dal 1831 al 1996, prendendo circa 150.000 bambini indigeni dalle loro famiglie e portandoli in collegi cristiani gestiti per conto del governo federale.

La Truth and Reconciliation Commission (TRC) del Canada, istituita per indagare sull’impatto del sistema dei collegi, ha dichiarato nel 2015 che la malnutrizione infantile, le percosse e gli abusi fanno parte di quello che definisce un sistema di “genocidio culturale”.

Ruth Roulette, 69 anni, cresciuta nella riserva aborigena di Long Plains nel Manitoba, ha ricordato che quando lei e i suoi fratelli sono stati portati al Sandy Bay Boarding School vicino al lago Manitoba, era molto emozionata la prima volta che ha preso la macchina. All’arrivo, Roulette e le sue sorelle si separarono dai loro fratelli e furono portate via per farsi tagliare i capelli.

“Di notte continuavo a pensare, ‘Perché siamo qui? Perché non torniamo a casa?'”, ha detto.

Secondo TRC, i capelli lunghi dei bambini indigeni di solito hanno un significato spirituale per loro, vengono tagliati all’arrivo ed è vietato parlare la loro lingua madre. Agli studenti vengono dati nomi europei, di solito numeri e uniformi.

Il primo giorno di scuola, Roulette ha raccontato che una suora le ha passato in silenzio una matita e un pezzo di carta e quando non ha risposto abbastanza velocemente, le ha dato un pugno in faccia: “C’è sangue ovunque… io no so cosa ho fatto di sbagliato. Ho solo pianto e pianto, e poi ho dovuto ripulire tutto il sangue”.

Roulette ha detto che lei e i suoi amici hanno cercato di scappare, ma sono stati catturati, picchiati e nutriti con carote per una settimana – gli è stato detto che “le persone che scappavano erano come conigli”.

La scuola si concentra sulle abilità manuali, insegnando ai ragazzi la falegnameria e altre professioni, mentre le ragazze si preparano a impegnarsi nei servizi di pulizia. Sebbene le scuole siano propagandate come l’unico modo per i bambini indigeni di ricevere un’istruzione formale, gli studenti lavorano, ripuliscono il letame o danno da mangiare agli animali.

I sopravvissuti hanno ricordato che si sono svegliati alle 5:30 del mattino, sono andati in chiesa mezz’ora dopo e poi hanno iniziato una lunga giornata di scuola e lavori domestici in uno stile di vita ordinato.

Lorraine Daniels, 67 anni, ha frequentato tre diversi collegi a Manitoba e ha detto di aver imparato a seguire la folla per non essere notata ed evitare di essere maltrattata.

Daniels ha saltato un voto, eccelleva nello sport e ha continuato a conseguire un master presso il Ministero dell’Educazione Cristiana.

“Dopo che me ne sono andato, la mia vita era un po’ problematica”, ha detto. “Ho trovato una chiesa che mi piace e mi ha davvero aiutato a superare la mia situazione. Vivo una vita cristiana, ma accetto anche la mia cultura.

“Non biasimo la chiesa. Do la colpa alle persone che gestiscono la chiesa. Privano la nostra gente, la nostra cultura e la nostra fede”.

“Siamo stati molto affamati”

Dopo che il corpo è stato trovato al Kamloops Indian Boarding School nella British Columbia, il Canada ha riaperto le vecchie ferite a causa della mancanza di informazioni e responsabilità nel sistema dei collegi. La scuola chiuse nel 1978.

Domenica, i manifestanti a Toronto hanno abbattuto una statua di Egerton Ryerson, educatore e pastore metodista, uno dei creatori di un sistema progettato per assimilare i bambini indigeni e collegarli alle loro famiglie e cultura.

Saa Hiil Thut, un sopravvissuto di Kamloops di 72 anni, ricorda chiaramente il silenzio notturno, altrimenti il ​​rumoroso adolescente sarebbe troppo spaventato per parlare.

“La violenza lì è paramilitare ed è molto strettamente controllata”, ha detto. “La punizione è il loro modo di mantenere il silenzio e mantenere l’ordine.”

I sopravvissuti hanno detto che il cibo era insufficiente e immangiabile. I bambini cercheranno di mangiarlo e vomitare, per poi essere costretti a mangiare il proprio vomito.

“Non è adatto al consumo umano”, ha detto Daniels. “Abbiamo sempre fame.”

Nel 2008, il governo canadese si è formalmente scusato per il sistema. La scorsa settimana, il primo ministro Justin Trudeau ha dichiarato che la Chiesa cattolica deve essere responsabile del suo ruolo nella gestione di molte scuole e fornire documenti per aiutare a identificare i resti.

Papa Francesco ha detto domenica di essere angosciato dal ritrovamento dei resti, ma non si è scusato. L’arcivescovo di Vancouver, J. Michael Miller (Kamloops Boarding School nella sua storica arcidiocesi), ha dichiarato in un tweet la scorsa settimana che la chiesa ha “indubbiamente sbagliato” nell’attuazione di una politica che ha provocato “danni a bambini, famiglie e comunità”. .

La Conferenza dei Vescovi Cattolici del Canada ha rifiutato di commentare.

I gruppi indigeni stanno pianificando di perquisire i collegi in tutto il paese, mentre la comunità piange la vita di 215 studenti di Kamloops i cui resti sono stati recentemente ritrovati.

“Non hanno mai avuto la possibilità di essere bambini, proprio come noi non abbiamo avuto la possibilità”, ha detto Roulette.





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *