L’amministrazione Biden ha istituito una “forza d’attacco” per reprimere la Reuters cinese sulle questioni commerciali


© Reuters. Foto d’archivio: il 21 gennaio 2021, le bandiere della Cina e degli Stati Uniti volano fuori dall’edificio di una società americana a Pechino, in Cina. REUTERS/Tingshu Wang

Autori: Michael Martina e Trevor Hunnicutt

WASHINGTON (Reuters)-L’amministrazione Biden ha dichiarato martedì che gli Stati Uniti prenderanno di mira la Cina con una nuova “forza d’attacco” per combattere le pratiche commerciali sleali e ha anche annunciato che gli Stati Uniti hanno accesso a prodotti chiave (dai semiconduttori ai prodotti elettronici). Rivedere i risultati. -Batteria dell’auto.

Alti funzionari del governo hanno detto ai giornalisti che la “forza di sciopero commerciale della catena di approvvigionamento” guidata dal rappresentante per il commercio degli Stati Uniti cercherà violazioni specifiche che portino allo “svuotamento” della catena di approvvigionamento. Queste violazioni possono essere risolte attraverso rimedi commerciali, compresi i problemi contro la Cina . .

I funzionari hanno anche affermato che il Dipartimento del Commercio sta valutando di avviare un’indagine 232 per indagare sull’impatto sulla sicurezza nazionale delle importazioni di magneti al neodimio utilizzati nei motori e in altre applicazioni industriali.Gli Stati Uniti acquistano principalmente dalla Cina.

Il presidente Joe Biden ha ordinato una revisione delle catene di approvvigionamento critiche a febbraio, richiedendo alle agenzie esecutive di segnalare entro 100 giorni il rischio che gli Stati Uniti acquisiscano materie prime critiche, come prodotti farmaceutici e minerali di terre rare, per i quali gli Stati Uniti fanno affidamento su risorse estere.

Sebbene non sia specificamente rivolto alla Cina, la revisione fa parte della più ampia strategia dell’amministrazione Biden, che mira ad aumentare la competitività degli Stati Uniti di fronte alle sfide economiche poste dalla seconda economia mondiale.

Durante la pandemia di COVID-19, gli Stati Uniti hanno dovuto affrontare gravi sfide nell’acquisizione di attrezzature mediche e ora stanno affrontando gravi strozzature in molte aree, tra cui la stagnazione della produzione di chip per computer, automobili e altri prodotti.

Le agenzie statunitensi devono rilasciare un rapporto più completo un anno dopo che Biden gli ha ordinato di identificare le lacune nelle capacità e nelle politiche di produzione nazionali per affrontare questi problemi.

Le guerre commerciali con gli alleati sono impopolari

Un alto funzionario ha dichiarato che gli Stati Uniti devono affrontare pratiche commerciali sleali da parte di “molti governi stranieri” in tutte e quattro le catene di approvvigionamento coperte dalla revisione preliminare, inclusi sussidi governativi e trasferimenti forzati di proprietà intellettuale.

“Ovviamente, alcune delle politiche industriali cinesi hanno portato alla fragilità della catena di approvvigionamento statunitense”, ha affermato il funzionario. “Penso che vedrai questa forza d’attacco concentrata sul fornire supporto per alcuni dei nostri sviluppi politici in Cina”.

Il funzionario ha aggiunto che gli Stati Uniti non intendono “lanciare una guerra commerciale con i nostri alleati e partner” e ha sottolineato che la forza d’attacco si concentrerà su “prodotti molto mirati”.

Tuttavia, gli alti funzionari hanno appena proposto nuove misure per alleviare immediatamente la carenza di fornitura di chip e hanno sottolineato in una scheda informativa che il Ministero del Commercio lavorerà duramente per “facilitare il flusso di informazioni tra produttori di chip e utenti finali” e aumentare la trasparenza Questo è Reuters Un rapporto sui passaggi precedenti https://www.reuters.com/business/autos-transportation/exclusive-looking-chips-shortage-biden-may-shelve-blnt-tool-used-covid-fight-2021- 05-05.

In termini di medicina, il governo utilizzerà la legge sulla produzione della difesa nazionale per accelerare gli sforzi per produrre da 50 a 100 farmaci chiave a livello nazionale invece di fare affidamento sulle importazioni.

Per risolvere il collo di bottiglia dell’offerta dal legno all’acciaio che causa preoccupazioni per l’inflazione, il governo sta lanciando un gruppo di lavoro incentrato su “edifici e costruzioni, semiconduttori, trasporti, agricoltura e cibo”.

I semiconduttori sono il fulcro dell’enorme legislazione attualmente all’esame del Congresso, che investirà miliardi di dollari nella creazione di capacità di produzione nazionale di chip per una varietà di scopi, dall’elettronica di consumo alle attrezzature militari.

Biden ha affermato che durante il suo mandato, la Cina non supererà gli Stati Uniti come leader globale e il confronto con Pechino è una delle poche questioni bipartisan in altri Congressi fortemente divisi.

Ma alcuni legislatori hanno espresso preoccupazione per il fatto che il pacchetto di leggi relative alla Cina includa enormi spese finanziate dai contribuenti per le aziende che non hanno garanzie per impedire loro di inviare prodotti o ricerche correlate in Cina.

Il funzionario ha affermato che una misura del successo del lavoro della catena di approvvigionamento è che i fornitori di prodotti chiave di alleati e partner che la pensano allo stesso modo sono più diversificati e ci sono meno fornitori di concorrenti geopolitici.

“Non produrremo tutto a livello nazionale. Ma dobbiamo vedere più capacità di produzione nazionale per i prodotti chiave”, ha detto il funzionario.





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *