Le banche cinesi sono inondate di dollari, il che è una preoccupazione Reuters


© Reuters. Foto del file: le banconote in renminbi e in dollari USA possono essere viste in questa illustrazione scattata il 10 febbraio 2020. REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione

Autori: Winni Zhou e Tom Westbrook

Shanghai/Singapore (Reuters)-La montagna di depositi in dollari della Cina è diventata così grande che le banche hanno difficoltà a prestare il renminbi, e gli operatori affermano che ciò rappresenta un rischio per gli sforzi ufficiali per controllare il renminbi in rapido apprezzamento.

Secondo i dati ufficiali, il valore dei depositi in contanti esteri presso la Bank of China è balzato a oltre 1.000 miliardi di dollari ad aprile, trainato dall’aumento dei proventi delle esportazioni e dei flussi di investimento.

Il precedente aumento si è verificato alla fine del 2017, seguito da una forte svendita del dollaro USA, che ha promosso un forte aumento del RMB all’inizio del 2018.

I partecipanti al mercato affermano che questa scala di accumulo più ampia ha aumentato questo rischio e ha reso gli sforzi dei responsabili politici per frenare lo yuan vulnerabile ai capricci degli esportatori e degli investitori stranieri.

Rohit Arora, stratega dei cambi di UBS Asia, ha dichiarato: “Secondo noi, questa posizione è particolarmente vulnerabile alla resa, soprattutto se il tasso di cambio del dollaro USA aumenta di oltre 6,25 o 6,2”.

“Crediamo che superare questi livelli… abbia la capacità di influenzare la psicologia del mercato”, ha detto, perché rappresentano approssimativamente il picco dello yuan nel 2018 e il picco prima della svalutazione dello yuan nel 2015 e causeranno soprattutto aziende locali da vendere.

Il renminbi rigorosamente gestito è al massimo da tre anni, rimbalzando al livello di resistenza principale di 6,4 contro il dollaro USA, e maggio ha segnato il suo mese migliore da novembre.

La People’s Bank of China (PBOC) ha dichiarato lunedì che a causa dei timori che questo rapido aumento possa portare alla conversione di un gran numero di depositi in RMB, a partire da metà giugno, le banche devono preparare più riserve per questi depositi per prevenire un ulteriore accumulo .

Restrizione per paese

La posizione della banca centrale segna un cambiamento in risposta a una tendenza che almeno rimane in disparte in pubblico. Dal 2017, la People’s Bank of China ha sostanzialmente lasciato il renminbi alle forze di mercato, mantenendo le sue riserve valutarie leggermente al di sopra della soglia dei 3 trilioni di dollari, e dietro le quinte sono intervenute banche statali e il settore privato.

Secondo i dati della People’s Bank of China, nei 16 mesi fino ad aprile, i depositi in dollari USA sono aumentati di 242,2 miliardi di dollari USA, pari a circa l’1,8% del PIL, per 220 miliardi di dollari USA.

Sebbene l’eccedenza commerciale della Cina sia aumentata durante la pandemia e il sistema bancario abbia convertito 254 miliardi di dollari in RMB per i clienti, la Banca popolare cinese ha prelevato dal sistema finanziario solo 90,2 miliardi di dollari in questi mesi.

In un rapporto pubblicato lunedì, lo stratega globale dei cambi di HSBC guidato da Paul Michael ha dichiarato: “Il settore privato ha sostituito la banca centrale per assorbire l’eccesso di liquidità in dollari generata dall’afflusso di investimenti aziendali e stranieri”.

Hanno aggiunto che ciò potrebbe anche riflettere l’opinione del settore privato che il renminbi si stia avvicinando al suo picco o che si stia preparando per pagamenti futuri come dividendi e investimenti all’estero.

pressione

L’economia primitiva può spiegare questo accumulo: la Cina ha il più grande avanzo di conto corrente del mondo e i dati del governo mostrano che circa la metà dei depositi in dollari USA è detenuta da società locali che prosperano grazie alla domanda di esportazioni.

La stessa eccezionale performance ha attratto il capitale globale: quando il contesto politico ha iniziato a stringersi, il capitale globale si è riversato nel mercato azionario, con l’aiuto della ripresa della pandemia e del mercato del credito con rendimenti più elevati rispetto ad altre grandi economie.

Tuttavia, questi fattori difficilmente possono garantire la persistenza delle riserve di liquidità, soprattutto quando incontrano una terribile variazione del tasso di cambio dollaro USA/renminbi, che è sceso dell’11% in un anno.

A dire il vero, molti trader di valuta credono che questo renda improbabile che il dollaro continui a scendere ulteriormente. Sia Arora di UBS che Mackel di HSBC ritengono che il tasso di cambio USD/USD potrebbe scendere a 6,25, ma poi ci sarà una ripresa: Arora rimbalzerà a circa 6,38 entro la fine dell’anno e Mackel rimbalzerà a circa 6,60 entro la fine del 2021.

La maggior parte delle persone crede anche che la banca centrale non tollererà ulteriori aumenti e ha citato la retorica dei funzionari per raffreddare l’aumento e aumentare i coefficienti di riserva bancaria per frenare la liquidità in dollari come prova della sua determinazione.

Fonti del settore bancario nazionale hanno affermato che anche se i tassi di interesse sono al livello più basso, la domanda di nuovi prestiti in dollari è terribile: i dati mostrano che il valore dei depositi a dicembre ha superato i prestiti.

“Questa situazione è cambiata in modo molto sorprendente negli ultimi anni”, ha affermato Patrick Law, responsabile dei mercati locali dell’Asia settentrionale e dei forward no-delivery dell’Asia presso Bank of America (NYSE:) a Hong Kong.

“L’anno scorso è stata la prima volta in più di dieci anni che ci sono stati più depositi in valuta estera che prestiti in valuta estera e gli squilibri si espanderanno nel 2021”, ha affermato.

Un avvertimento per impedire alle persone di essere troppo ipocrite, il tasso di cambio fluttuante della valuta è stato solo 5 anni e ho visto solo una tale combinazione di crescita e impostazioni politiche prima. Nonostante ciò, gli investitori globali rimangono vigili.

“La pressione c’è, senza dubbio”, ha detto Stuart Oakley, capo delle transazioni in contanti e valuta di Nomura a Londra. “Ci sono molti dollari accumulati sulla terra”.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *