Le banche indiane sono meglio in grado di resistere a shock futuri


© Reuters. Foto del file: l’8 luglio 2019, un lavoratore passa davanti al logo della Reserve Bank of India (RBI) nell’ufficio di Nuova Delhi, in India. REUTERS/Anushree Fadnavis

Mumbai (Reuters)-Secondo un rapporto diffuso dalla Reserve Bank of India (RBI), l’impatto sui bilanci delle istituzioni finanziarie indiane è molto inferiore a quanto precedentemente previsto e le banche dispongono di riserve di capitale e liquidità sufficienti per resistere a shock futuri.

Il Financial Stability Report viene pubblicato ogni sei mesi dalla Reserve Bank of India per conto del Financial Stability and Development Board, un’organizzazione ombrello composta da agenzie di regolamentazione che fornisce una panoramica dettagliata della salute dell’India. sistema finanziario.

Secondo il rapporto, entro marzo 2022, il totale delle attività deteriorate delle banche nello scenario di riferimento potrebbe aumentare da circa il 7,48% alla fine di marzo dello scorso anno al 9,8% e salire all’11,22% in scenari di grave stress.

Rispetto al rapporto pubblicato a gennaio, queste previsioni sono molto meno terrificanti, in cui la Reserve Bank of India ha affermato che in condizioni di grave stress, i prestiti in sofferenza potrebbero raddoppiare.

Shaktikanta Das, governatore della Reserve Bank of India, ha scritto nella prefazione del rapporto: “Come mostra lo stress test proposto in questo rapporto, i buffer di capitale e liquidità sono ragionevolmente resistenti per resistere a shock futuri”.

Tuttavia, ha aggiunto che sono emersi nuovi rischi, tra cui il rischio di una futura pandemia di coronavirus, prezzi internazionali delle materie prime e pressioni inflazionistiche, ricadute globali in condizioni di elevata incertezza e un aumento delle violazioni dei dati e degli attacchi informatici.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *