Le entrate fiscali del Giappone potrebbero raggiungere un livello record nell’anno fiscale 2020/21


© Reuters. File foto: persone che attraversano la strada a Tokyo il 18 marzo 2015.REUTERS/Yuya Shino/File Photo

Autore: Yamaguchi Takaya

Tokyo (Reuters) – Due fonti governative hanno riferito a Reuters che, nonostante il colpo economico della pandemia di COVID-19, le entrate fiscali del Giappone potrebbero superare i 60 trilioni di yen (540 miliardi di dollari), raggiungendo il record di fine marzo dell’anno.

Sebbene la spesa per COVID-19 su larga scala lanciata lo scorso anno abbia aumentato l’onere del debito pubblico più pesante del settore, le generose entrate fiscali potrebbero alleviare le preoccupazioni delle persone per il coronavirus che colpisce il tesoro, il che potrebbe innescare richieste di ulteriori stimoli fiscali.

I funzionari che hanno richiesto l’anonimato perché non erano autorizzati a parlare pubblicamente hanno dichiarato che tale importo era superiore alla stima iniziale del governo di 55,1 trilioni di yen, principalmente a causa della costante ripresa economica degli Stati Uniti e della Cina che ha aumentato i profitti aziendali.

La fonte ha affermato che anche le altre due componenti principali della tassazione, l’imposta sulle vendite e l’imposta sul reddito, hanno superato le stime precedenti, aiutando il gettito fiscale complessivo a superare il precedente record di 60,4 trilioni di yen stabilito nell’anno fiscale terminato a marzo 2019. .

“Questa è una sorpresa. Mi aspetto che le tasse diminuiscano a causa della pandemia”, ha affermato Takuya Hoshino, economista senior presso il First Life Institute.

Ha detto: “Questo potrebbe incoraggiare i legislatori a richiedere un budget aggiuntivo di circa 10 trilioni di yen prima delle elezioni di quest’anno”, mentre il budget di stimolo per l’anno fiscale precedente è ancora di circa 30 trilioni di yen inutilizzato.

Sebbene la ripresa economica globale abbia contribuito ad aumentare le entrate fiscali societarie nella seconda metà dell’anno fiscale precedente, l’occupazione stabile e l’aumento dei prezzi delle azioni potrebbero aver sostenuto i consumi privati, che rappresentavano più della metà dell’economia.

Hanno affermato che l’aumento dell’imposta sulle vendite dall’8% al 10% nell’ottobre 2019 contribuirà anche ad aumentare le entrate fiscali per l’intero anno dell’anno fiscale precedente.

Sebbene il Giappone sia gravato da un enorme debito pubblico che è più del doppio della sua economia da 5 trilioni di dollari, ha lanciato tre piani di stimolo per un totale di 3 trilioni di dollari nell’ultimo anno in risposta alle crisi sanitarie ed economiche.

Lo spettro della debole crescita della terza economia mondiale e le imminenti elezioni generali che dovrebbero tenersi entro la fine dell’anno metteranno il governo sotto pressione per introdurre ulteriori misure di stimolo. Alcuni legislatori hanno chiesto un budget aggiuntivo di 26 trilioni di yen (239 miliardi di dollari).

(1 USD = 110.5400 Yen giapponesi)

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *