Le forze del Tigray in Etiopia affermano di aver rilasciato 1.000 soldati catturati Reuters



Autori: Giulia Paravicini e George Obroduc

Olbia, Italia (Reuters) – Le truppe nella regione del Tigray, nel nord dell’Etiopia, hanno rilasciato circa 1.000 soldati governativi catturati nei recenti combattimenti, e il leader del suo partito al governo afferma che entrambe le parti sono pronte a trasferirsi a ovest Showdown sulla terra contesa.

Il leader del Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF) Debrecien Gebremichal ha detto a Reuters su un telefono satellitare venerdì scorso di aver rilasciato 1.000 giovani soldati.

“Più di 5.000 (soldati) sono ancora al nostro fianco e manterremo alti ufficiali che saranno processati”, ha detto.

Ha detto che i soldati sono stati deportati venerdì al confine tra il sud del Tigray e la regione di Amhara, ma non ha specificato chi li abbia ricevuti o come negoziare il loro rilascio.

Reuters non è stata in grado di verificare in modo indipendente le sue affermazioni.

Un portavoce militare ha detto che non poteva essere raggiunto immediatamente per un commento sabato, e un portavoce del governo regionale di Amhara ha detto di non avere informazioni sul rilascio.

I funzionari dell’ufficio del primo ministro Abi Ahmed e il gruppo di lavoro del governo del Tigray non hanno risposto alle chiamate in cerca di commenti.

I combattimenti sono scoppiati nel Tigray nel novembre dello scorso anno, quando il governo ha accusato il TPLF di aver attaccato basi militari nella zona, ma il partito ha negato questa affermazione. Tre settimane dopo, il governo dichiarò vittoria prendendo il controllo della capitale regionale, Mekle, ma il TPLF continuò a combattere.

Dopo che il governo ha ritirato i suoi soldati e annunciato un cessate il fuoco unilaterale, il TPLF ha riconquistato gran parte del Mekle e del Tigray alla fine di giugno.

Tuttavia, il TPLF ha promesso di continuare a combattere fino a quando non avesse ripreso il controllo dei territori contesi nel sud e nell’ovest del Tigray che sono stati sequestrati dagli alleati del governo di Amhara durante la battaglia.

Abiy ha detto questa settimana che l’esercito respingerà qualsiasi minaccia del TPLF, rinunciando di fatto alla tregua autodichiarata. Amhara e altre tre regioni hanno dichiarato che stanno mobilitando l’esercito per sostenere l’esercito nazionale per combattere il TPLF.

Migliaia di persone sono state uccise nei combattimenti; circa 2 milioni di persone sono state sfollate e più di 5 milioni di persone dipendevano dagli aiuti alimentari di emergenza.

Sabato, l’ente statale etiope di radiodiffusione ha citato il capo della polizia di Addis Abeba, Getu Argaw Debela, affermando di aver arrestato 323 persone sospettate di sostenere il TPLF, di possedere armi o di violare la Costituzione.

Debela ha detto che anche la polizia ha chiuso le sue attività mentre indagava sui sospetti.

Questa settimana, Reuters ha riferito che la polizia ha arrestato centinaia di persone del Tigray ad Addis Abeba da quando l’esercito del governo federale ha perso il controllo della capitale del Tigray alla fine di giugno.

Venerdì, il ministero degli Esteri etiope ha rilasciato una dichiarazione in cui accusa le organizzazioni umanitarie di insorti armati.

“Alcune agenzie umanitarie hanno svolto attivamente un ruolo distruttivo. Abbiamo anche confermato che hanno utilizzato gli aiuti come copertura e gruppi di insorti armati per prolungare il conflitto”, ha affermato.

La dichiarazione non ha specificato le identità di questi gruppi e le istituzioni che operano in Tigray non hanno risposto immediatamente. L’organizzazione umanitaria delle Nazioni Unite OCHA non ha risposto a una richiesta di commento.

Le Nazioni Unite hanno affermato che mentre il convoglio attraversava il territorio controllato dal governo, l’assistenza tanto necessaria è stata bloccata ai posti di blocco. Le autorità etiopi hanno indicato di aver bisogno di assistenza ispettiva.

(Segnalazione di Giulia Paravicini di Olbia e George Obulutsa a Nairobi; reportage aggiuntivo di Tiksa Negeri; scrittura di George Obulutsa; montaggio di Katharine Houreld, Frances Kerry e Daniel Wallis)





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *